Caso arresto in Villa. Cgil: ad Avellino è proibito essere straniero e nero

La presa di posizione della Cgil dopo il discusso arresto in Villa di un giovane ghanese affetto da disturbi psichici



2' di lettura

La Cgil prende posizione sul caso del cittadino ghanese fermato in Villa domenica scorsa dalla squadra volante della polizia e dagli uomini della municipale.

Essere straniero ad Avellino è proibito, soprattutto se sei nero

«Essere straniero – dichiarano Franco Fiordellisi, segretario generale della Cgil Avellino e Dimitry Meka, della Consulta immigrati -, soprattutto africano e nero, ad Avellino è proibito! E lo è anche essere un soggetto vulnerabile, fragile e con problemi psichiatrici. Riferimenti, non casuali, ma causali, alla vicenda di un essere umano, assurto alle cronache in quanto “fastidioso, pericoloso, straniero senza permesso” e solo come appendice di poco conto per i problemi psichici, gravi che ha».

Legge Basaglia e comunicazione sugli stranieri

«Vogliamo – proseguono i sindacalisti – mettere l’accento su due criticità che una società civile deve avere il coraggio di affrontare. La prima ha a che fare con la comunicazione sui cittadini stranieri, in particolare neri, e sulle etichette usate. La seconda, invece, riguarda la Legge Basaglia, con la chiusura dei manicomi e la presa in carico dei malati con disturbi psichici, sino ad allora considerati irrecuperabili e quindi pericolosi per i “normali”».

Quel ragazzo vive per strada da due anni

«È necessario – aggiungono – dunque intervenire, e lo facciamo con nettezza, sui fatti di ieri. Al centro della vicenda c’è un ragazzo africano di provenienza ghanese (e non nigeriana) che vive per strada da più di due anni, estromesso dal regime di accoglienza e con conclamati problemi di salute mentale. Le segnalazioni fatte da associazioni e cittadini agli organi competenti, anche alla questura, non hanno portato alla presa in carico da parte dei servizi sociali per una gestione di cure mentali idonee a dare risposte positive».

Il brutale intervento della polizia municipale

«Tuttavia, la sua condizione non giustifica il modo in cui è stato fermato dalle forze dell’ordine. In particolare, come si vede dai video, è stato a dir poco brusco se non brutale l’intervento della polizia municipale: solo un agente della Squadra Volante ha evitato probabilmente il peggio».

Formare personale adeguato

«Come Cgil – aggiungono – chiediamo la presa in carico dei servizi sociali e di igiene mentale per una persona labile che in Libia ha subito traumi devastanti. E la richiesta al Comune e al comandante della polizia municipale di formare il proprio personale per avere la capacità di fermare, bloccare, una persona con metodi degni di un paese civile e non brutali come del caso».

Queste sono modalità razziste

«La Cgil – concludono – crede nella democrazia e nelle libertà fondamentali dell’uomo, riprese nella nostra Carta Costituzionale, che vanno esercitate quotidianamente senza nessuna differenziazione tra cittadini, senza nessun pregiudizio di sesso, colore, religione o situazione psico-fisica».

«Queste modalità, razziste e violente, devono essere frenate dalle istituzioni. Aspettiamo risposte»

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie