Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Assegno unico 2023, errori di calcolo: più soldi in arrivo?

Assegno unico 2023, errori di calcolo: più soldi in arrivo?

Importi Assegno Unico 2023: cosa cambia con la rivalutazione all'8.1%? Scopriamolo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Gennaio 2023

Quali sono gli importi dell’Assegno Unico 2023 alla luce del possibile errore nel calcolo della rivalutazione? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quali sono gli importi dell’Assegno Unico 2023?

Cambiano (ancora) gli importi dell’Assegno Unico 2023? Prima di rispondere, dobbiamo chiarire che, come per le pensioni, anche il valore dell’Assegno Unico cambia in base alla rivalutazione annua.

L’aumento previsto è del 7,3%, come da decreto firmato lo scorso 9 novembre dal ministro Giorgetti. Ma attenzione: l’adeguamento degli importi c’è stato sì, ma sulla base dell’indice di inflazione registrato a novembre e non su quello di dicembre, più alto dello 0,8% (8,1%).

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Cosa significa, quindi? Che se davvero è stato commesso un errore, la differenza tra la rivalutazione prevista (7,3%) e quella effettiva (8,1%) dovrà essere restituita.

Ma quando? Non prima di gennaio 2024, quando l’INPS dovrebbe provvedere all’erogazione di conguagli, come accaduto nel 2022, quando a novembre è stato restituito lo 0,2% di ogni mese non corrisposto (da gennaio a ottobre 2022).

Scopri la pagina dedicata all’Assegno Unico per conoscere altri diritti e agevolazioni. Per qualsiasi dubbio o domanda sull’Assegno Unico non esitare a scriverci nel nostro gruppo Telegram.

Quest’anno, però, parliamo di cifre sicuramente più alte rispetto all’inflazione che si registrò nel 2021 e che portò all’aumento delle prestazioni dell’1,9%.

Ecco, perché, il Governo potrebbe intervenire prima, durante l’anno in corso, senza attendere il 2024, considerato che l’indice all’8,1% è comunque più basso dell’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, con picchi dell’11 o del 12%.

Cosa provocherà la maggiorazione della rivalutazione dal 7,3% all’8,1% per gli importi dell’Assegno Unico 2023?

Ad esempio, chi ha un ISEE fino a 15.000 euro, nel 2022 ha ricevuto 175 euro per ogni figlio minorenne a carico; con la rivalutazione al 7,3% riceverebbe 187,77 euro al mese (+12,77 euro), mentre con l’incremento all’8,1% della perequazione 2023 avrebbe diritto a 189,17 euro al mese (+14,17 euro), per un ulteriore aumento di 1,40 euro al mese.

Leggi gli ultimi aggiornamenti sui pagamenti dell’assegno universale nel mese di gennaio 2023.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Importi dell’Assegno Unico 2023: cosa cambia?

Modifiche alla rivalutazione a parte, gli importi dell’Assegno Unico 2023 sono comunque aumentati a partire dal 1° gennaio 2023.

Ricordiamo che il valore dell’Assegno Unico è strutturato su una base fissa e su una variabile, che dipende dalle maggiorazioni riconosciute.

La base fissa tiene conto dell’ISEE annuo: più è alto l’ISEE, più è basso l’importo della quota base per ogni figlio minorenne a carico.

Nel 2022, gli importi dell’Assegno Unico erogati per ogni figlio minorenne a carico sono stati i seguenti:

Con la rivalutazione al 7,3%, dal 1° gennaio 2023, gli importi dell’Assegno Unico per ogni figlio minorenne a carico sono i seguenti:

Se, come sembra, la rivalutazione sarà portata all’8,1%, gli importi dell’Assegno Unico per ogni figlio minorenne a carico saranno i seguenti:

Per i figli maggiorenni, invece, ecco gli importi dell’Assegno Unico con la rivalutazione all’8,1%:

Importi dell’Assegno Unico 2023: a chi spetta l’Assegno Unico?

Abbiamo visto, nei paragrafi precedenti, come il possibile errore nella rivalutazione degli importi di pensione e Assegno Unico comporterà un incremento del valore della prestazione erogata ai lavoratori dipendenti con figli a carico.

L’Assegno Unico spetta per ogni figlio minorenne a carico, ma anche per i figli maggiorenni, fino ai 21 anni di età, se sussistono queste condizioni:

In questo caso, la domanda per l’Assegno Unico può essere presentata direttamente dai figli maggiorenni che, quindi, possono richiedere che il pagamento della quota di Assegno spettante venga erogato direttamente a loro stessi.

Per ricevere l’Assegno Unico è necessario:

Importi Assegno Unico 2023
Importi dell’Assegno Unico 2023: nella foto alcune banconote di euro.

Importi dell’Assegno Unico 2023: tutte le maggiorazioni

Come detto in precedenza, gli importi dell’Assegno Unico 2023 sono composti da una quota base e da una quota variabile.

La quota variabile cambia in base alle maggiorazioni che spettano, ad esempio, alle famiglie più numerose.

Dal terzo figlio l’importo dell’Assegno Unico aumenta fino a 85 euro al mese, in base all’ISEE dichiarato. Dal quarto figlio, invece, è prevista una maggiorazione forfettaria di 150 euro (rispetto ai 100 euro erogati fino al 2022).

Nel 2023 sono previste maggiorazioni di:

Ci sono poi altre due maggiorazioni introdotte dalla legge di bilancio 2023. La prima prevede un incremento del 50% della quota base se sono presenti:

Esiste anche una maggiorazione transitoria, che spetta a chi ha un ISEE inferiore a 25.000 euro e nel 2021 hanno goduto degli ANF.

A loro è riconosciuto un importo aggiuntivo al 100% per il 2022, al 75% per il 2023 e al 33% nel 2024 e nei primi mesi del 2025.

Lo Stato prevede anche maggiorazioni per chi ha figli disabili a carico.

Nel caso dei figli disabili fino a 21 anni di età, alla quota base si applica un incremento di:

Per i figli disabili con più di 21 anni non sono previste maggiorazioni, ma la quota base uguale a quella erogata per i figli con meno di 21 anni di età.

Abbiamo visto quali sono gli importi dell’Assegno Unico 2023. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp