Ex Bonus Renzi 2023: importi, a chi spetta e a chi no

A chi spetta l'ex Bonus Renzi nel 2023, quali sono i requisiti da rispettare e cosa è cambiato? Scopriamo i dettagli

5' di lettura

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023, quali sono i requisiti da rispettare e cosa è cambiato? Scopriamo i dettagli nell’articolo (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023?

La manovra finanziaria del Governo Meloni ha confermato per il 2023 l’ex Bonus Renzi, ovvero il trattamento integrativo in busta paga che ha sostituito gli 80 euro erogati in precedenza.

Dal 1° luglio 2020, infatti, questo Bonus Irpef, previsto solo per i lavoratori subordinati, può arrivare ad un massimo di 120 euro mensili, in totale a 1.200 euro annui.

La somma cambia in base al reddito del beneficiario. Il Bonus è stato esteso anche ai percettori di NASPI e ai lavoratori atipici.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023: categorie di lavoratori

Le categorie di lavoratori a cui spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023 sono:

  • lavoratori subordinati del settore pubblico o privato;
  • soci lavoratori delle cooperative;
  • lavoratori atipici e con contratto co. co. co.;
  • stagisti e borsisti;
  • lavoratori socialmente utili;
  • percettori di NASpI;
  • lavoratori in cassa integrazione.

Anche i pensionati hanno diritto al Bonus, a patto che non ricevano altri trattamenti risarcitori o assistenziali come il Reddito di cittadinanza o rendite Inail legate a infortuni sul lavoro.

L’ex Bonus Renzi si riceve in automatico in busta paga e non c’è bisogno di presentare alcuna domanda.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023: quali sono i requisiti?

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023? Anche i requisiti per ricevere il Bonus sono stati confermati dalla legge di bilancio e sono i seguenti:

  • i lavoratori con redditi inferiori o pari a 15.000 euro riceveranno il massimo, ovvero 1.200 euro annui;
  • per i lavoratori che percepiscono tra i 15.000 euro e 28.000 euro, l’ammontare del trattamento integrativo viene determinato tenendo conto dei nuovi scaglioni IRPEF entrati in vigore nel 2022, sulla base dei quali viene calcolato il debito d’imposta IRPEF in base all’ammontare dei redditi.

Questa agevolazione, dunque, è godibile nella sua totalità, solo dalle famiglie che hanno un reddito annuo inferiore o pari ai 15 mila euro annui.

Se il reddito della tua famiglia, invece, va tra i 15.000 e i 28.000 euro, non potrai più ottenere l’ex Bonus Renzi, salvo alcune eccezioni.

Per i redditi compresi tra i 15.000 e i 28.000 euro, l’ex Bonus Renzi potrebbe essere riconosciuto, sempre per un massimo di 1.200 euro annui, ma con un ulteriore calcolo: il totale delle detrazioni spettanti al lavoratore, che dovrà essere superiore all’imposta lorda. 

In questo modo la tua famiglia potrà pagare meno tasse e godere di questa agevolazione.

Se la tua famiglia percepisce un reddito tra i 15.000 e 28.000 euro, non potrai essere certo al 100% di ricevere l’ex Bonus Renzi in busta paga.

Ti converrà chiedere al tuo commercialista o al tuo patronato di fiducia, perché nel caso in cui dovessi ricevere indebitamente l’ex bonus Renzi in busta paga, successivamente potresti essere costretto a restituirlo in un’unica soluzione.

Ex Bonus Renzi 2023: importi, a chi spetta e a chi no
A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023: nella foto alcune banconote da 500 euro.

A chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023: chi è escluso?

Chi non riceverà più l’ex Bonus Renzi in busta paga o con la disoccupazione?

Il nuovo trattamento integrativo, a partire dal 2020, è aumentato di 20 euro, passando da 100 a 120 euro mensili, per tutti i lavoratori e i disoccupati in Naspi, che hanno conseguito un reddito non superiore ai 15 mila euro.

Sono esclusi tutti i lavoratori dipendenti che percepiscono un reddito annuo tra 15.001 euro e 28.000 euro.

Questi ultimi avranno diritto all’ex Bonus Renzi solo se il totale delle detrazioni di seguito indicate, sia superiore al totale dell’imposta lorda:

  • detrazioni per lavoro dipendente;
  • detrazioni per i carichi di famiglia;
  • detrazioni per interessi passivi su mutui prima casa;
  • detrazioni per per le spese di ritrutturazione e riqualificazione energetica sostenute fino al 31 dicembre 2022.

Quest’anno riceveranno l’ex Bonus Renzi tutti i lavoratori subordinati o percettori di NASPI che hanno un reddito compreso tra 8.174 e 15.000 euro.

Consigliamo di revocare il trattamento se il tuo reddito è inferiore a 8.174 euro e superiore a 15.000 euro, per non rischiare di dover poi restituire tutte le somme indebitamente percepite.

Potrai sempre recuperarlo sulla dichiarazione dei redditi 730 o ex modello Unico dell’anno prossimo. Il trattamento integrativo 2023 può essere ricevuto mese per mese in busta paga. Lo si può ricevere anche a conguaglio a fine anno da parte del datore di lavoro.

Un’altra modalità è non ricevere da parte del datore di lavoro il trattamento integrativo 2023, che verrà erogato perciò in sede di 730. Solo in quest’ultimo caso si ha la matematica certezza di ricevere l’ex Bonus Renzi solo se se ne ha diritto e non rischiare, quindi, di doverlo restituire.

Spetta a te decidere come vuoi beneficiare di questa agevolazione economica, se mensilmente, a fine anno o in dichiarazione dei redditi.

Abbiamo visto a chi spetta l’ex Bonus Renzi nel 2023. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie