Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / 25 anni di contributi e 57 di età: che pensione si prende?

25 anni di contributi e 57 di età: che pensione si prende?

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 anni di età? Ecco soluzioni possibili ed esempi di calcolo.

di Carmine Roca

Dicembre 2022

25 anni di contributi e 57 di età: che pensione si prende? (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età?

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 anni di età? Possiamo subito dirvi che è possibile accedere alla pensione con questi requisiti contributivi e anagrafici, ma solo a una risicata platea di beneficiari.

Prima di andare a vedere insieme a chi è concessa la possibilità di andare in pensione con 57 anni di età e 25 di contributi, rispondiamo alla domanda di apertura.

L’importo di un assegno calcolato con il sistema contributivo, su 57 anni di età e 25 di contributi non sarà sicuramente alto, poiché a influire negativamente sul valore della pensione saranno sia i pochi anni di contributi versati, sia il coefficiente di trasformazione, ovvero l’indice che incide sull’importo del montante contributivo accumulato dal lavoratore.

Con 25 anni di contributi e, ad esempio, una retribuzione lorda annua di 30.000 euro, si può andare in pensione a 57 anni con un assegno di 10.360 euro lordi l’anno, pari a circa 800 euro lordi al mese, poco meno di 600 euro di pensione netta mensile.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali. Per domande e curiosità sul tema pensione non esitare a scriversi al nostro gruppo Telegram.

Con una retribuzione più bassa, ad esempio 27.000 euro lordi, a parità di età e anni di contributi, spetterà un assegno di circa 9.300 euro lordi l’anno, pari a 717 euro lordi al mese, circa 500 euro al mese, ovvero sotto la soglia della pensione minima.

Ma attenzione: come detto in apertura a 57 anni di età e 25 anni di contributi solo pochi lavoratori possono accedere alla pensione. Ne parleremo nei prossimi paragrafi.

Prima di proseguire la lettura di quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età, ti consigliamo la visione di questo video:

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età: chi può andarci?

Abbiamo visto quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 anni di età. Vediamo, ora, a chi è consentito andare in pensione con questi requisiti.

La platea è piuttosto ristretta. Con 25 anni di contributi si può accedere alla pensione di vecchiaia, ma solo al compimento dei 67 anni di età. Mentre a 57 anni si potrebbe provare la via di Quota 41 per lavoratori precoci, per chi ha carriere lavorative avviate in giovanissima età (prima dei 19 anni): in questo caso, con 57 anni di età e 41 di contributi, occorre aver iniziato a lavorare a 16 anni. Ma 25 anni di contributi non bastano.

Fuori portata anche le altre opzioni previdenziali anticipate, come Quota 103 (62 anni e 41 di contributi a partire dal 1° gennaio 2023), Quota 102 (64 anni di età e 38 di contributi fino al 31 dicembre 2022), l’ordinaria della Legge Fornero (42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne), Opzione Donna (58-59 anni e 35 di contributi) e l’Ape Sociale (63 anni e dai 30 ai 36 anni di contributi).

Neppure i lavoratori usuranti possono andare in pensione con 57 anni e 25 di contributi (servono 61 anni e 7 mesi di età e un minimo di 35 anni di contributi).

Cosa rimane quindi? Le soluzioni sono due: la pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi e la RITA.

Scopri quanto si prende di pensione con:

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi
Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 anni di età?

Quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età: le due soluzioni

Dopo aver visto quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età, vediamo insieme quali sono le possibilità per andare in pensione con questi requisiti.

La prima è la pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi è prevista con una percentuale di riduzione della capacità lavorativa di almeno l’80%, ma soltanto ai lavoratori del settore privato. Sono, infatti, esclusi i dipendenti pubblici e i lavoratori autonomi.

Per accedervi sono necessari almeno 20 anni di contributi versati e un’età minima di 56 anni per le donne e di 61 anni per gli uomini, con una finestra mobile di 12 mesi.

Quindi, a 57 anni di età e con 25 anni di contributi possono andare in pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi soltanto le donne lavoratrici, invalide, del settore privato.

L’alternativa è la RITA, la rendita integrativa temporanea anticipata, diventata strutturale nel 2018, dopo essere entrata in vigore nel 2017.

Con la RITA si sfrutta il capitale accumulato in un fondo pensione, che accompagna il lavoratore fino all’età pensionabile (67 anni).

Per andare in pensione con la RITA, a 57 anni, è necessario essere iscritti da almeno 5 anni a un fondo di previdenza integrativa, essere disoccupato da almeno 2 anni, maturare la pensione entro 10 anni e aver versato almeno 20 anni di contributi nei regimi obbligatori di appartenenza.

I lavoratori che aderiscono alla RITA possono accumulare una rendita annuale e aumentare i contributi per il pensionamento ordinario. Una volta trascorsi 5 anni dall’apertura del fondo e maturato 20 anni di contributi obbligatori, se senza lavoro da almeno 24 mesi, si può andare in pensione a 57 anni di età.

In questo caso, ad esempio, se il capitale maturato è di 50.000 euro, spetterà un importo annuale lordo di 5.000 euro, con una rata trimestrale prevista di 1.250 euro. Con un capitale maturato di 100.000 euro, spetterà un importo annuale lordo di 20.000 euro.

Abbiamo visto quanto si prende di pensione con 25 anni di contributi e 57 di età. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp