Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione a 61 anni nel 2024: come fare domanda entro maggio

Pensione a 61 anni nel 2024: come fare domanda entro maggio

In pensione a 61 anni nel 2024: chi può presentare domanda entro maggio e con quali requisiti? Scopri tutto in questo articolo.

di Carmine Roca

Marzo 2023

In pensione a 61 anni nel 2024: ecco chi può fare domanda entro maggio (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

In pensione a 61 anni nel 2024: chi può ed entro quanto?

Si può andare in pensione a 61 anni nel 2024, ma è necessario presentare domanda entro il 1° maggio 2023.

Chi può o deve farlo? L’accesso alla pensione con la cosiddetta Quota 97,6 è consentito ai lavoratori dipendenti impiegati in mansioni usuranti, che hanno compiuto 61 anni e 7 mesi e maturato un’anzianità contributiva di almeno 35 anni.

A dettare le linee guida per le modalità e le tempistiche di presentazione della domanda di pensione è il messaggio dell’INPS numero 1100 del 2023.

Chi rispetta i requisiti anagrafico e contributivo ha il diritto di andare in pensione nel 2024, ma deve obbligatoriamente presentare domanda entro il 1° maggio 2023.

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo. Per qualsiasi dubbio o domanda sulle pensioni scrivici nel nostro gruppo Telegram.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

In pensione a 61 anni nel 2024: domanda in ritardo, cosa si rischia?

Cosa succede se si presenta domanda in ritardo? Che il lavoratore dovrà rimandare l’accesso alla pensione. Il rinvio è proporzionale al ritardo accumulato:

Per i lavoratori del comparto Scuola e Afam, il ritardo nella presentazione della domanda provoca un differimento nell’accesso alla pensione addirittura peggiore: l’eventuale uscita al 1° settembre 2024 verrebbe posticipata al 1° novembre 2025.

In pensione a 61 anni nel 2024: come presentare domanda?

Come appena spiegato, chi soddisfa i parametri per la pensione per lavoratori usuranti con Quota 97,6 dovrà presentare domanda all’INPS entro il 1° maggio 2023, per poter andare in pensione nel 2024.

All’istituto va inoltrata la domanda di accertamento dei requisiti per il pensionamento anticipato. Si tratta di un documento da non confondere con la domanda di pensione, che andrà presentata successivamente, in caso di accertamento positivo.

Con la domanda di accertamento dei requisiti, a cui va allegato il modulo AP45 che potete scaricare dal sito dell’INPS, si dà modo all’istituto di verificare se, nel 2024, verranno soddisfatti i requisiti per accedere alla pensione con Quota 97,6.

All’INPS va inoltrata tutta la documentazione necessaria che attesti l’aver svolto una delle professioni usuranti riconosciute dallo Stato, per almeno 35 anni.  

In pensione a 61 anni nel 2024: l’elenco delle professioni usuranti

Abbiamo visto chi può andare in pensione a 61 anni nel 2024 ed entro quanto presentare la domanda di accertamento dei requisiti, propedeutica alla domanda vera e propria.

Ma quali sono i lavori usuranti che consentono di fruire dell’apposita pensione?

Ai sensi del decreto legislativo numero 67 del 2011, i lavori usuranti nel 2023 sono:

Chi ha svolto una di queste professioni, per almeno 7 anni negli ultimi 10 anni di lavoro o per almeno metà della vita lavorativa complessiva, con 61 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contributi versati potrà accedere alla pensione per lavori usuranti.

Per i lavoratori autonomi, invece, il via libera scatta a 62 anni e 7 mesi, sempre con 35 anni di contributi versati (Quota 98,7).

In pensione a 61 anni nel 2024
In pensione a 61 anni nel 2024: in foto un operaio al lavoro.

In pensione a 61 anni nel 2024: lavori notturni

La pensione per lavori usuranti è accessibile anche ai lavoratori impiegati in turni di notte.

Dai 72 ai 77 turni di notte all’anno si può andare in pensione con:

I lavoratori notturni impiegati dalle 64 alle 71 notti all’anno possono accedere alla pensione con:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp