In pensione a 63 anni, arriva il Fondo speciale

In pensione a 63 anni, arriva il Fondo speciale che garantirà un'uscita simile a Quota 100 evitando lo scalone con il ritorno della Legge Fornero (67 anni). Ma il Fondo speciale non sarà l'unica possibilità di anticipo pensionistico: sarà rinforzata l'Ape Sociale, coinvolgendo più categorie, e riproposta Opzione Donna.

4' di lettura

In pensione a 63 anni, arriva il Fondo speciale per evitare l’inevitabile scalone prodotto dalla soppressione di Quota 100, che prevede il pensionamento anticipato a 62 anni con 38 di contributi, e il ritorno alla legge Fornero, 67 anni per uscire dal lavoro.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

In pensione a 63 anni con il Fondo speciale in attesa che il governo completi il lavoro per la riforma del sistema pensionistico, una delle questioni più articolate nell’agenda dell’esecutivo Draghi, e che vedrà la luce in un autunno caldo di riforme (basti pensare solo a quella del Fisco).

In pensione a 63 anni: Quota 100, perché no

L’abolizione di Quota 100 è stata definita per 3 motivi:

  • lo scarso successo tra chi poteva averne diritto;
  • i costi eccessivi;
  • le sollecitazioni espresse dalla Commissione Europea nel corso dei negoziati per il Pnrr (Recovery plan).

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

In pensione a 63 anni: Ape Sociale allargata

Il governo ha tutta l’intenzione di garantire a chi ha i requisiti una uscita anticipata. E anche per questo motivo è stata confermata fino al 2026 l’Ape Sociale.

L’Ape Sociale è l’indennità a cui è possibile accedere a 63 anni, con 30 o 36 anni di contributi (dipende dalla categorie, qui tutti i dettagli).

All’Ape Sociale possono accedere:

  • disoccupati che hanno esaurito altri sussidi;
  • lavoratori invalidi;
  • caregiver (persone che assistono parenti disabili)
  • 15 categorie di lavoratori (tra gli altri: operai edili, infermieri, addetti alle pulizie).

L’Ape Sociale verrà anche allargata. E sulla base di 3 indicatori:

  • frequenza di infortuni sul lavoro per ogni categoria;
  • gravità degli infortuni;
  • gravità della malattia professionale.

Ma non solo. Il governo ha anche deciso di abbassare l’onere contributivo da 36 a 30 anni per altre categorie di lavoratori.

In pensione a 63 anni: il Fondo Speciale

Ma torniamo al punto, in pensione a 63 anni grazie a un Fondo speciale. E sì, perché l’Ape Sociale è solo un aspetto dell’attenzione del governo per l’uscita anticipata dal lavoro.

Ma di che si tratta?

Chiaro che il Fondo in questione non avrà un carattere stabile, è infatti una misura temporanea. Resterebbe in vigore fino al 2024.

Saranno adottati gli stessi criteri già validi per l’attuale Quota 100.

Al momento si discutono i dettagli. Che in questo caso sono determinanti per stabilire l’impatto che questa misura avrà sugli italiani.

La Lega ha proposto gli stessi identici parametri già adottati per Quota 100:

62 anni più 38 di contributi.

Il limite potrebbe però potrebbe essere alzato a quota 101 o 102.

Per intenderci:

  • 63 anni più 38 di contributi
  • 62 anni più 39 di contributi o 62 anni più 40 di contributi

In pensione a 63 anni: un Fondo per tutti?

Il governo sta anche valutando se estendere a tutti questa possibilità di uscita con il Fondo speciale o se limitarla solo ad alcune categorie di lavoratori, quelli in particolare che lavorano in aziende che sono impegnate nella transizione digitale o ecologica.

In pensione a 63 anni: c’è anche Opzione Donna

In pensione a 63 anni, dunque. Ma non solo con Ape Sociale e il Fondo Speciale. La terza possibilità resta quella di Opzione donna.

Opzione donna può consentire alle lavoratrici un’uscita a 58 anni per le dipendenti e a 59 per le autonome con 35 anni di contributi. Ma solo con il sistema contributivo, che potrebbe ridurre l’assegno pensionistico fino al 20%.

In pensione a 63 anni: la Riforma che verrà e l’anticipo pensionistico

Tre misure ponte quindi per andare in pensione a 63 anni, evitando le rigidità imposte dalla legge Fornero.

Il tema dell’anticipo pensionistico è quello centrale nella riforma delle pensioni allo studio del governo. Dopo una lunga serie di valutazioni, e diverse proposte sul campo (a cominciare da quella dei sindacati per finire ai suggerimenti del presidente dell’Inps, Tridico).

In pensione a 63 anni: il nodo della sostenibilità

Il nodo centrale sarà quello di coniugare la possibilità di un’uscita anticipata con la sostenibilità economica, che non era garantita da Quota 100. Ma la sostenibilità è uno dei pilastri per qualsiasi riforma verrà varata. Significa anche garantire una pensione a chi oggi è giovane.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie