Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / In pensione a 71 anni, ecco per chi e quando

In pensione a 71 anni, ecco per chi e quando

In pensione a 71 anni: per l'Ocse sarà quella l'età di uscita per chi entra oggi nel mercato del lavoro, ecco i motivi di un disastro annunciato.

di The Wam

Dicembre 2021

In pensione a 71 anni. È già così per chi a 67 anni non ha maturato almeno 5 anni di contributi. Ma domani sarà così per tutti. O meglio: i giovani che iniziano ora a lavorare andranno in pensione a 71 anni. In media 9 anni dopo rispetto a ora (età media 62).

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Non lo dice uno qualunque, ma il rapporto Pensions at a glance 2021, che è stato diffuso ieri dall’Ocse (l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, alla quale fanno parte 38 Paesi).

L’Italia – ha ricordato l’Ocse – è tra i 7 Paesi che collegano l’età pensionabile prevista dalla legge alla speranza di vita.

In pensione a 71 anni: occupazione in età avanzata

In un sistema contributivo (com’è ormai quello italiano), collegare la pensione con le aspettative di vita non serve a migliorare il bilancio della previdenza sociale, ma a promuovere l’occupazione a una età avanzata oltre a evitare la pensione anticipata, che prevede inevitabilmente degli assegni troppo bassi.

Una analisi che serve, soprattutto ora che è in discussione la riforma del sistema pensionistico italiano. E che dovrebbe invitare i legislatori a più di una riflessione.

In pensione a 71 anni: chi sta peggio

La media dei Paesi Ocse per la pensione a chi entra oggi sul mercato del lavoro è di 66 anni.

Come l’Italia, a 71 anni, ci sono l’Estonia e i Paesi Bassi.

Peggio fa solo la Danimarca, dove si andrà in pensione, a 74 anni.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

In pensione a 71 anni: giovani penalizzati

Non è una buona notizia. Le nuove generazioni sono costrette a subire una pesante penalizzazione rispetto ai nonni e ai genitori. A chi è giovane oggi saranno anche negati tutti gli strumenti ora disponibili per la pensione anticipata, quelli per capirci, che abbassano l’età media di uscita: in Italia dovrebbe essere 67, ma in realtà è di 61,8. Più bassa della media Ocse, che è di 63,1 anni.

Già oggi in Giappone e Nuova Zelanda l’età media per andare in pensione è di 67,5 anni.

In pochi decenni dunque l’Italia scalerà le classifiche: da uno dei Paesi dove si smette di lavorare prima a uno dove invece si è sempre più anziani per l’uscita.

In pensione a 71 anni: perché?

I motivi di questa situazione, secondo l’Ocse, sono diversi:

La ricetta dell’Ocse per l’Italia è semplice e non indolore:

In pensione a 71 anni: il costo rispetto al Pil

Per l’Ocse, l’Italia garantendo benefici relativamente alti a persone relativamente giovani ha come diretta conseguenza la seconda spesa pensionistica pubblica più alta d’Europa dopo la Grecia. Ovvero il 15,1% del Pil. Ed è aumentato di 2,2 punti rispetto al 2000.

Le proiezioni non sono buone: con questo trend l’Italia raggiungerà come spesa pensionistica nel 2035 il 17,8% del Pil. Contro una media Ocse del 10%.

Le misure che più hanno inciso sulla crescita dei costi secondo l’Ocse sono queste:

Tutte misure che hanno abbassato l’età pensionabile.

Se a questo si aggiunge il rapido invecchiamento della popolazione, ci sono tutti gli ingredienti per una tempesta perfetta sul sistema pensionistico.

E il conto dovrà essere pagato da chi inizia a lavorare ora.

In pensione a 71 anni: nel 2050 molti più anziani che giovani

Per disegnare un quadro più chiaro di quello che ci aspetta, basta un dato:

nel 2050, per ogni 100 persone tra i 20 e i 64 anni (età lavorativa) ci saranno 74 ultra 65enni. Peggio di noi solo Corea e Giappone.

Oggi gli anziani ogni 100 persone sono 39,4. Molti di meno (ma nel 1990 erano 24,3 e nel 1960 solo 16,4).

Altri numeri per dettagliare meglio la situazione:

l’età media degli italiani

La media Ocse sarà di 46,8 anni. Quella di Israele, 34.

E quindi in Italia tra il 2020 e il 2060 la popolazione in età lavorativa si ridurrà del 31% (negli altri Paesi Ocse solo del 10%).

Per tutti questi motivi secondo l’Ocse è determinante per l’Italia far crescere l’occupazione nelle fasce di età più adulte.

Con questi numeri l’Ocse ritiene che l’Italia sia destinata a raggiungere presto i 71 anni per l’età pensionabile. Il punto è che anche questo “traguardo” sarà possibile solo con carriere lavorative senza interruzioni.

In pensione a 71 anni: quanti anni di riposo?

C’è altro per raccontare la crisi del sistema previdenziale italiano.

I pensionati di oggi in Italia godono la pensione per questo numero di anni:

Le medie Ocse sono più basse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp