Inchiesta A16, gip: Autostrade ha omesso dei video al Ministero

viadotto
1' di lettura

Autostrade sapeva che gli interventi per l’istallazione delle barriere stradali, su alcuni viadotti dell’A16 finiti nel mirino della Procura di Avellino, erano inadeguati e per un periodo ha omesso l’invio di alcuni crash-test al Mit che aveva il compito di vigilare. Lo scrive il gip presso il tribunale irpino, Fabrizio Ciccone, nel decreto di sequestro di alcuni tirafondi posti lungo dodici cavalcavia fra Avellino e Benevento.

Il magistrato chiarisce come, la consapevolezza di Aspi (Autostrade per l’Italia) sull’inadeguatezza e inaffidabilità degli interventi di sostituzione di alcuni tirafondi, “emerge dalla condotta tenuta nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

“Omessa trasmissione di crash-test”

A partire – si legge nel sequestro – dalla “omessa trasmissione dei video relativi a dei crash-test” eseguiti fra maggio e luglio del 2015. E provvedendo all’invio solo dopo che il procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, e il il sostituto, Cecilia Annecchini, avevano disposto l’acquisizione della relativa documentazione presso una società che aveva eseguito per Autostrade le prove di impatto.

L’episodio che fa porre più di un interrogativo risale poi a inizio 2019 quando, scrive il magistrato, il Ministero delle Infrastrutture viene “a conoscenza per la prima volta di prove di collaudo dal contenuto ampiamente contraddittorio, in precedenza taciute da Aspi agli organi ministeriali”, per “non alimentare sospetti circa la non affidabilità delle barriere filettate” sostituite.

“Poteva esserci un’altra strage bus”

Nel mirino della Procura sono finiti tre indagati che, a vario titolo e secondo le posizioni ricoperte, avrebbero compiuto delle omissioni ritenute gravi nei lavori di istallazione nelle barriere. Al punto da far ritenere che la circolazione di veicoli su viadotti stradali, con barriere in quelle condizioni, potesse causare un “evento disastroso di proporzioni analoghe a quello del 18 luglio 2013”.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie