Teatro Gesualdo, interrogatori fiume per gli ex revisori



2' di lettura

Nel momento in cui vi stiamo scrivendo, sono da poco passate le 20, è ancora in corso l’interrogatorio a uno dei due ex revisori dei conti (avvocato Benedetto Vittorio De Maio) del teatro Carlo Gesualdo di Avellino. Questa mattina anche un altro indagato (anche lui ex revisore dei Conti), era comparso di fronte al sostituto procuratore, Teresa Venezia. I due revisori dei conti sono indagati in un’inchiesta della procura avellinese che contesta all’ex consiglio di amministrazione del Massimo un ammanco di 115mila euro.

L’indagato ascoltato questa mattina, rappresentato dall’ avvocato Carmine Danna, avrebbe risposto a tutte le domande degli inquirenti e prodotto un’ampia documentazione per chiarire la sua posizione. Insomma, è convinto di aver seguito tutta la prassi prevista dal loro ruolo e di non aver commesso reati.

I dettagli dell’indagine sul teatro Gesualdo

L’inchiesta, che conta otto indagati, si riferisce al 2016. Quando, a occuparsi della struttura di piazza Castello, era la partecipata comunale, Istituzione Teatro. Dopo gli accertamenti penali anche la Procura regionale della Corte dei Conti della Campania ha indagato sulla situazione del teatro, ipotizzando una distrazione di fondi pubblici.

Rispetto a questa accusa, l’ex direttore del teatro aveva prodotto un’articolata relazione, corredata da fatture, che mostrava come invece non sarebbe stato commesso alcun illecito. Una questione controversa che aveva “spaccato” anche l’opinione pubblica.

Ascoltati in Procura gli ex revisori dei Conti del teatro Carlo Gesualdo
Questa mattina ascoltati in Procura gli ex revisori dei conti del teatro Gesualdo

L’indagine della Corte dei Conti, coordinata dal pm Marco Catalano, era coincisa con un momento non facile per la gestione del teatro Carlo Gesualdo. Scioperi e manifestazioni delle cooperative, che avevano preceduto l’affidamento della gestione del Massimo al Teatro Pubblico Campano.

La scorsa settimana, a Palazzo De Marsico, erano stati ascoltati dagli inquirenti gli ex membri del consiglio d’amministrazione. Ed era divampata un’accesa polemica fra l’avvocato di uno degli indagati, Gaetano Aufiero, e il sottosegretario al Ministero degli Interni, Carlo Sibilia. L’esponente di governo aveva parlato di corruzione riferendosi al caso del Gesualdo. Un reato – che però – non figura nei capi di imputazione. Il legale aveva sfidato il grillino a non trincerarsi dietro l’immunità parlamentare.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie