Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Previdenza e Invalidità / Indennità di accompagnamento: tutti i criteri INPS

Indennità di accompagnamento: tutti i criteri INPS

Indennità di accompagnamento: accedere alla prestazione non è facile. Ecco i criteri di valutazione dell'INPS e quali requisiti rispettare per richiederla.

di Carmine Roca

Maggio 2022

Indennità di accompagnamento: quali sono i criteri valutati dall’INPS per assegnare la prestazione economica a chi ne fa richiesta? Vediamolo insieme in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indennità di accompagnamento: a chi spetta

L’indennità di accompagnamento è una prestazione economica di tipo assistenziale che viene erogata dall’INPS in 12 mensilità da 529,94 euro, a prescindere dall’età e dal reddito personale del richiedente.

Per beneficiarne è richiesto almeno uno di questi requisiti:

Nel caso in cui la persona invalida, anche in presenza di un’invalidità totale e permanente, non dovesse rispettare almeno uno di questi due requisiti, l’INPS respingerà la domanda per l’indennità di accompagnamento.

Nei prossimi paragrafi entreremo nel dettaglio dei criteri richiesti dall’istituto in termini di deambulazione e di atti quotidiani della vita.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Acquista la nostra Guida Completa all'Indennità di Accompagnamento. Il supersconto del 20% è valido fino al 10 maggio! Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Indennità di accompagnamento: deambulazione

Quando la persona invalida ha un grave impedimento alla deambulazione e non può muoversi senza l’aiuto di un accompagnatore, allora ha diritto all’indennità di accompagnamento.

L’INPS, però, tiene a precisare che presidi ortopedici e protesici che rendano il soggetto autonomo nella deambulazione escludono il diritto all’indennità. Il requisito della permanenza implica la sussistenza di menomazioni anatomo-funzionali irreversibili e immodificabili da qualsiasi presidio”.

Le linee guida dell’INPS, quindi, escludono dalla concessione della prestazione economica le persone disabili che riescono a muovere pochi passi o utilizzano ausili e tutori per deambulare, seppure a fatica e lentamente.

Indennità di accompagnamento: atti quotidiani della vita

Per quanto concerne gli atti quotidiani della vita, è necessario distinguere gli atti elementari dagli atti strumentali.

Per atti elementari ci riferiamo a:

Gli atti strumentali, invece, sono:

L’INPS si è pronunciata anche su questo punto spiegando che gli atti quotidiani della vita “vanno intesi come quel complesso di attività che assicurano un livello basale di autonomia personale in un ambito per lo più intradomiciliare. Il prendere in considerazione le attività extradomiciliari, in ambienti complessi come le moderne metropoli, porterebbe, infatti, ad una valutazione talmente estensiva da superare l’ambito medico legale”.

Di conseguenza gli atti della vita quotidiana da prendere in esame sono quelli elementari, come lavarsi, vestirsi e mangiare, mentre tutto ciò che avviene fuori dalla propria abitazione, tipo prendere un mezzo pubblico, chiedere un’informazione, sapersi orientare, ai fini valutativi per l’indennità di accompagnamento non hanno alcuna rilevanza.

Inoltre, l’INPS spiega che “il dettato legislativo prevede la necessita di una assistenza continuativa da parte di terzi per il concretizzarsi del requisito medico legale; si intende che la dizione “continuativa” rimanda ad una assistenza che si esplica nell’arco della intera giornata e non solo in saltuari momenti”.

Indennità di accompagnamento: valutazione autonomia

Abbiamo visto come gli atti della vita quotidiana sono suddivisi in elementari e strumentali (l’INPS li ha definiti ADL – Activities of Daily Living e IADL – Instrumental Activities of Daily Living). E abbiamo anche visto che, per valutare il diritto all’indennità di accompagnamento, si tiene conto soltanto delle attività elementari.

La Scala di Barthle e la Scala di Katz sono gli strumenti che valutano e quantificano l’autonomia delle azioni elementari di un essere umano.

Quindi, per concludere, chi è affetto da una disabilità intellettiva ed è incapace a uscire di casa, a prendere un autobus o a fare compere senza assistenza (atti strumentali) potrebbe vedersi respingere la domanda per l’accompagnamento, se dovesse raggiungere un punteggio alto nel caso in cui sapesse vestirsi, mangiare o lavarsi autonomamente.

Indennità di accompagnamento
Indennità di accompagnamento: criteri INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp