Morta dopo il vaccino. Il governo: non è stata l’iniezione

Una infermiera portoghese di 41 anni è morta il giorno dopo la somministrazione del vaccino e ieri l'autopsia avrebbe rivelato che non c'è nessuna relazione. Ossia, secondo le autorità portoghesi, non è stato il vaccino Pfizer a causare il decesso della assistente sanitaria. La donna non aveva patologie e subito dopo la vaccinazione non ha avvertito effetti collaterali.

3' di lettura

Sonia Azevedo, infermiera portoghese di 41 anni, è morta il giorno dopo la somministrazione del vaccino. Lavorava nell’Istituto portoghese di oncologia di Porto. Questa mattina sono stati resi noti i risultati dell’autopsia, che escluderebbero qualsiasi legame tra il vaccino e il decesso della donna.

Gli esami non mostrano alcuna relazione

In una nota del ministero della Giustizia lusitano si legge: «I dati preliminari dell’autopsia medico legale effettuata ieri non mostrano alcune relazione tra la morte della donna e il vaccino somministrato».

Non una parola in più. Neppure sui media portoghesi, e neppure sulle cause che hanno provocato il decesso di Sonia Azevedo. Una smentita secca, e stop.

L’improvvisa morte della donna ha causato una comprensibile apprensione in tutto il mondo. Probabilmente ci saremmo tutti aspettati una più dettagliata spiegazione di quello che è accaduto. Non per violare la privacy della 41enne, ma per rassicurare quanti stanno per sottoporsi alla somministrazione del siero anti coronavirus.

Sonia Azevedo, l’infermiera morta 24 dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer

Ma è un risultato preliminare?

Resta comunque la smentita. E non c’è nessun elemento che indichi non sia vera e accertata. Resta solo un dubbio: quello citato dal governo è un «risultato preliminare dell’autopsia», il che lascia supporre siano in corso altri esami per stabilire il motivo che ha causato la morte dopo il vaccino della 41enne.

Capiamo anche la fretta del governo portoghese di rassicurare i cittadini che in queste ore si stanno apprestando a ricevere il vaccino. Ma forse, proprio questo, sarebbe stata necessaria una precisazione più chiara e definitiva.

Non aveva manifestato sintomi collaterali

L’infermiera è morta a Capodanno, 24 ore dopo aver ricevuto l’iniezione. I suoi familiari hanno riferito che la 41enne non ha avvertito alcun effetto collaterale dopo la vaccinazione. Stava bene e del resto – così ha raccontato ai giornalisti il padre della donna – non aveva nessun problema di salute.

Nello stesso ospedale sono stati vaccinati quel giorno altri 537 operatoti sanitari, tra loro anche la figlia della vittima, Vania Figueredo. Tutti hanno ricevuto la prima delle due dosi del vaccino Pfizer.

Subito dopo la morte della 41enne il consiglio di amministrazione dell’Istituto di oncologia ha espresso «sincero rammarico a familiari e amici. La spiegazione della causa della morte seguirà le normali procedure in queste circostanze». Ovvero, l’autopsia.

L’ultimo post di Sonia Azevedo

Aveva scritto su Facebook: Vaccinata!

Sonia Azevedo aveva due figli e lavorava nell’istituto portoghese, che è unriferimento nazionale e internazionale nel trattamento e nella ricerca sul cancro, da dieci anni. Viveva a Maia, vicino a Porto, ed è morta a casa del suo compagno a Trofa.

Poco dopo essere stata vaccinata contro il coronavirus l’infermiera aveva anche condiviso sul proprio profilo Facebook la sua esperienza. Aveva scritto: «Vaccinata». Non poteva sapere che la sua vita stava per finire.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie