Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro domestico / Infortunio per colf e badante: obblighi lavoratore e datore

Infortunio per colf e badante: obblighi lavoratore e datore

Cosa succede quando si verifica un infortunio per colf e badante e quali sono gli obblighi da rispettare? In questo articolo approfondiamo la questione.

di The Wam

Gennaio 2022

Cosa succede quando si verifica un infortunio per colf e badante e quali sono gli obblighi da rispettare? (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

In questo articolo sul tema approfondiamo la questione e vediamo qual è la corretta procedura per gestire la circostanza.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Infortunio per colf e badante: obblighi

Quando un lavoratore domestico ha un incidente durante l’orario di lavoro o nel tragitto tra l’abitazione e il luogo di lavoro (o viceversa) si tratta di infortunio per colf e badante.

In questi casi c’è una procedura molto precisa da seguire per denunciare l’accaduto e far erogare l’eventuale indennità al lavoratore. Il primo passo da fare è informarsi sugli obblighi del datore e del lavoratore.

Per quel che riguarda il lavoratore, esiste l’obbligo di:

Da parte del datore, invece, esistono i seguenti obblighi da rispettare:

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

La procedura per la denuncia

Passiamo ora alla specifica procedura da seguire per quel che riguarda la denuncia di un infortunio per colf e badante.

Se dal certificato medico si evince che l’infortunio non è guaribile in tre giorni, il datore di lavoro dovrà provvedere a presentare denuncia all’Inail entro 48 ore da quando riceve il certificato del pronto soccorso.

Se invece l’infortunio è guaribile in 3 giorni, l’Inail non corrisponderà alcuna indennità. In questo secondo caso quindi il datore in ambito di lavoro domestico (contrariamente ad altri settori) non ha nessun obbligo di denuncia.

Per quanto riguarda l’indennità da corrispondere al lavoratore infortunato, i primi tre giorni sono a carico del datore e vanno retribuiti con la paga di fatto, cioé comprensiva di vitto alloggio per i collaboratori conviventi.

A partire dal quarto giorno di infortunio, e fino alla guarigione, l’indennità verrà invece erogata dall’Inail e avrà un importo pari a:

infortunio per colf e badante
Infortunio per colf e badante: obblighi lavoratore e datore.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi su quali sono gli obblighi di datore e lavoratore nel caso in cui si verifichi un infortunio per colf e badante non esitare a scriverci su Instagram.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp