Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Invalidità a meno di un terzo

Invalidità a meno di un terzo

Che vuol dire Invalidità a meno di un terzo? Quali agevolazioni spettano? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Settembre 2023

Nell’articolo di oggi vedremo cosa si intende per Invalidità a meno di un terzo e a quali agevolazioni si ha diritto (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Che vuol dire “Invalidità a meno di un terzo”?

Quando si ottiene il riconoscimento dell’Invalidità civile ci sono agevolazioni a disposizione che variano in base al grado di disabilità.

Prima di passare a vedere quali sono dobbiamo chiarire cosa si intende per “Invalidità a meno di un terzo” e per farlo dobbiamo prendere prima dimestichezza con alcune definizioni dei verbali INPS.

Come capire sul verbale INPS se c’è un’Invalidità a meno di un terzo

Quando si richiede il riconoscimento dell’Invalidità civile, si ottiene, al termine del procedimento, un verbale dell’INPS che quantifica la percentuale di invalidità e la capacità lavorativa dell’individuo.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Nei verbali degli individui tra 18 e 67 anni, cioè in età da lavoro, tra le tante definizioni possono esserci queste tre:

Quali agevolazioni spettano con Invalidità a meno di un terzo?

Tirando le somme, la definizione “Invalidità a meno di terzo” non esiste tecnicamente nei verbali dell’INPS. Quindi, se si intende la frase nel senso che l’INPS ha quantificato l’invalidità e questa è in misura inferiore a 1/3 del totale, alla persona non spetta nessuna agevolazione e si fa riferimento alla definizione n. 1 del paragrafo precedente.

Se invece con “Invalidità a meno di terzo” si intende la definizione data l’INPS per molte prestazioni e cioè che richiedono “una riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo”, allora la frase ha significato esattamente opposto. Qui si fa riferimento alla definizione numero 3 del precedente paragrafo.

Ovvero, in questo caso la capacità lavorativa dell’individuo si è ridotta a tal punto da essere meno di 1/3 del totale, quindi è invalido per 2/3. Si tratta perciò di un’invalidità almeno del 67% che dà accesso ad alcune prestazione e la principale è l’Assegno ordinario di invalidità (Legge 222/1984).

Tabella delle agevolazioni con Invalidità civile al 67%

La tabella mostra le agevolazioni disponibili per i disabili che hanno una percentuale di Invalidità civile del 67% o superiore, cioè che hanno una “capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo”.

Agevolazione/BeneficioDescrizione
Assegno ordinario di invaliditàIl lavoratore con una percentuale di invalidità del 67% ha diritto all’Assegno ordinario di invalidità, una misura previdenziale basata sui contributi versati.
Esenzione ticketCon il 67% di invalidità riconosciuta, si ha diritto all’esenzione dal pagamento del ticket sanitario per visite specialistiche ed esami.
Sede di lavoroChi è invalido al 67% e ha il riconoscimento di handicap legato alla Legge 104 può scegliere prioritariamente tra le sedi di lavoro disponibili.
Congedo per cureCon il 67% di invalidità si ha diritto a un congedo per cure non superiore a 30 giorni all’anno, retribuito e legato all’infermità che ha causato l’invalidità.
Collocamento miratoL’invalido al 67% può essere iscritto nelle liste protette del collocamento mirato, agevolando l’assunzione presso datori di lavoro che devono inserire persone disabili.
Protesi e ausiliChi ha una percentuale di invalidità del 67% o superiore ha diritto a protesi e ausili necessari per la patologia riconosciuta dalla commissione medico legale.
Tabella delle agevolazioni con Invalidità civile al 67%

Come funziona l’Assegno ordinario di invalidità

Quando la capacità lavorativa di un individuo si riduce “a meno di un terzo”, in alcuni casi, si può ottenere l’Assegno ordinario di invalidità per persone con capacità lavorativa ridotta.

Tuttavia, questa è una prestazione destinata solo ai lavoratori che hanno accumulato un minimo di contributi. Vediamo perciò nei dettagli a chi spetta e come si richiede.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

A chi spetta?

L’Assegno ordinario di invalidità spetta ai lavoratori con una capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo, se sono:

Quali sono i requisiti?

Per richiedere l’Assegno ordinario di invalidità non è necessario che la persona abbia cessato l’attività lavorativa. Tuttavia, è necessario rispettare questi requisiti:

L’Assegno ordinario di invalidità con contributi esteri

È possibile perfezionare il diritto all’Assegno ordinario di invalidità anche con i contributi versati all’estero in Paesi dell’Unione Europea o in Paesi extracomunitari con i quali l’Italia ha convenzioni.

In questo caso, il diritto all’Assegno può essere determinato considerando la somma dei periodi assicurativi sia italiani che esteri.

Tuttavia, l’importo della pensione sarà calcolato in base alla proporzione dei contributi accumulati nell’assicurazione italiana, seguendo il principio del pro-rata che si applica alle prestazioni in ambito internazionale.

Quali sono gli importi?

L’importo spettante di Assegno di invalidità è variabile e dipende dalla contribuzione che il beneficiario ha accumulato.

La somma viene determinata infatti utilizzando un sistema di calcolo ibrido, che prevede che una parte dell’importo sia determinata tramite il sistema retributivo e una parte tramite il sistema contributivo.

Tuttavia, se il lavoratore ha iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995, l’assegno viene calcolato esclusivamente utilizzando il sistema contributivo.

Come fare domanda

Per richiedere la prestazione è necessario inviare la domanda online collegandosi alla pagina dell’Assegno ordinario di invalidità sul sito dell’INPS.

Invalidità-a-meno-di-un-terzo-INPS
La pagina dell’Assegno ordinario di invalidità sul sito dell’INPS.

In alternativa, è possibile effettuare la richiesta chiamando il Contact center ai numeri 803 164 (gratuito da rete fissa) o 06 164 164 da rete mobile o rivolgendosi agli enti di patronato.

In ogni caso alla domanda deve essere allegata una certificazione medica (mod. SS3) compilata e inviata dal medico curante.

Quanto dura l’Assegno?

L’Assegno ordinario di invalidità inizia a essere erogato a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene presentata la domanda, a condizione che siano soddisfatti tutti i requisiti richiesti sia dal punto di vista sanitario sia amministrativo. Questo assegno ha una validità di 3 anni.

Il beneficiario ha la possibilità di richiedere la conferma dell’Assegno nel semestre precedente alla sua scadenza, garantendo così la continuità nei pagamenti, oppure entro 120 giorni dalla data di scadenza. Dopo tre riconoscimenti consecutivi, l’Assegno di invalidità viene confermato automaticamente, a meno che non siano previste revisioni.

È importante notare che l’erogazione dell’Assegno è compatibile con l’esercizio di un’attività lavorativa, ma l’importo può essere ridotto in tal caso.

Quando il beneficiario raggiunge l’età pensionabile e dispone di tutti i requisiti necessari, l’Assegno ordinario di invalidità viene automaticamente trasformato in una pensione di vecchiaia.

FAQ: domande frequenti sull’Invalidità civile

Come è composta la Commissione per la visita di Invalidità?

La Commissione per la visita di invalidità è costituita da:

Della Commissione fa parte anche un operatore socio-sanitario, quindi un assistente sociale, anche in questo caso però solo per gli accertamenti delle leggi 104/92 e 68/99.

Cosa posso fare se dopo la visita di Invalidità il giudizio della Commissione medica non mi soddisfa?

Se non ti viene riconosciuta alcuna disabilità o riduzione della capacità lavorativa, oppure se ti viene riconosciuta in misura minore rispetto alle aspettative, puoi proporre ricorso contro il verbale della Commissione medica.

Quanto costa la domanda per l’Invalidità civile?

Il decreto ministeriale 12 gennaio 2012 ha stabilito che la procedura per la domanda di invalidità debba essere gratuita e che quindi il certificato emesso da un medico specialista ospedaliero debba essere rilasciato senza la richiesta di alcun compenso.

Come faccio ad annullare una domanda di Invalidità già inviata all’INPS?

Non è possibile annullare un certificato telematico già inviato. Se ti rendi conto solo dopo l’invio della domanda che ci sono degli errori nella compilazione del certificato medico introduttivo, basta fare un altro certificato e la domanda si aggancia al numero di protocollo (codice univoco) del nuovo. In questo caso, il vecchio certificato, quello sbagliato, resta comunque nel sistema telematico dell’INPS, ma non viene in alcun modo preso in considerazione.

Posso richiedere la visita di Invalidità a domicilio?

Sì, se sei allettato o le tue condizioni di salute non ti consentono di muoverti da casa, puoi richiedere la visita di invalidità a domicilio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1