Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: come funziona?

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: come funziona?

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: come funziona? È possibile lavorare e percepire l'assegno ordinario di invalidità civile? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Aprile 2022

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: svolgere un’attività lavorativa è compatibile con la fruizione dell’assegno di invalidità civile? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Invalidità civile al 75 per cento: requisiti e importo assegno

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: come funziona? Prima di addentrarci nel merito della questione, vediamo insieme come accedere all’assegno ordinario di invalidità civile.

Questa prestazione economica è erogata dall’INPS alle persone con una percentuale di invalidità civile compresa tra il 74 e il 99%. Spetta, dunque, a chi, a causa di menomazioni e malattie, ha subito un’importante riduzione della capacità lavorativa.

Ne beneficiano le persone invalide di età compresa tra i 18 e i 67 anni, di nazionalità italiana (o comunitari residenti in Italia o extracomunitari con regolare permesso di soggiorno). L’importo attuale è di 291,96 euro, per 13 mensilità.

Per beneficiarne, però, il richiedente deve rispettare anche il requisito reddituale: il suo reddito personale annuo non deve essere superiore a 5.010,20 euro.

Ma chi percepisce l’assegno ordinario di invalidità può svolgere un’attività lavorativa? Ne parliamo nei prossimi paragrafi.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: è possibile?

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: è possibile? Se in un primo momento l’INPS aveva stabilito di sospendere l’assegno di invalidità a chi svolgeva un’attività lavorativa, l’intervento del Governo, con il Decreto Fisco e Lavoro approvato in Commissione Finanze lo scorso mese di dicembre, ha lasciato tutto invariato.

L’assegno di invalidità civile è compatibile con l’attività lavorativa: in pratica, chi è riconosciuto invalido civile parziale (dal 74 al 99%) può tranquillamente lavorare e percepire un reddito da lavoro.

In questo caso, però, rimane attivo il requisito reddituale fissato a 5.010,20 euro annui. Si può lavorare, ma a condizione che il reddito percepito non sia superiore a questa soglia.

In caso contrario viene meno uno dei requisiti più importanti per percepire l’assegno ordinario di invalidità civile, ovvero quello reddituale.

Invalidità civile al 75 per cento: a cosa si ha diritto?

Oltre all’assegno ordinario di invalidità civile, con una percentuale di invalidità pari al 75 per cento spettano altre agevolazioni, a partire dalla concessione gratuita di ausili e protesi (dal 34% di invalidità civile).

I lavoratori invalidi civili al 75 per cento possono richiedere annualmente un congedo straordinario retribuito per cure per trenta giorni (dal 51% in poi) e ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale e di laboratorio (dal 67% in poi).

Inoltre, spettano agevolazioni per la tessera del trasporto pubblico locale, la priorità nelle graduatorie per le case popolari, un’eventuale riduzione del canone del telefono e l’esenzione della reperibilità per le visite fiscali.

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro
Invalidità civile al 75 per cento e lavoro: come funziona?

Infine, dal 74% di invalidità civile a salire, ai lavoratori dipendenti pubblici e privati, spetta una maggiorazione dell’anzianità contributiva pari a due mesi per ogni anno di lavoro, fino ad un massimo di 60 mesi.

Invalidità civile al 75 per cento e lavoro, ma non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp