Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile al 90 per cento: diritti e agevolazioni

Invalidità civile al 90 per cento: diritti e agevolazioni

Invalidità civile al 90 per cento: quali diritti e agevolazioni spettano? Ecco l'elenco completo.

di Carmine Roca

Aprile 2022

Invalidità civile al 90 per cento: quali sono i diritti e le agevolazioni previste? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Invalidità civile: come richiederla?

Chi soffre di una patologia, più o meno grave, ha il diritto di poter richiedere l’invalidità civile e tutta una serie di agevolazioni e diritti ad essa collegati.

La procedura per poter richiedere l’invalidità civile parte dal certificato introduttivo rilasciato e inviato dal proprio medico curante all’INPS, in via telematica. Al paziente verrà consegnato un numero di protocollo da utilizzare per richiedere, entro 90 giorni dall’invio del certificato, una visita medica di controllo.

Entrando sul sito dell’istituto, mediante il proprio codice pin, oppure facendosi aiutare da un patronato, il richiedente invierà la propria richiesta e, successivamente, entro un mese (15 giorni se malato oncologico), l’INPS provvederà a fissare la visita medica di accertamento presso la commissione medica dell’Asl competente, integrata da un medico dell’INPS.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Sarà quest’organo a verificare se sussistano le condizioni per riconoscere l’invalidità civile al paziente e in quale percentuale. In base al punteggio di invalidità civile, al beneficiario spettano diritti e agevolazioni sanitarie, lavorative ed economiche.

Ma chi ha un’invalidità civile al 90 per cento, di quali agevolazioni e diritti può usufruire? Ne parliamo nei prossimi paragrafi.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Invalidità civile al 90 cento: quali agevolazioni spettano?

Invalidità civile al 90 per cento. Abbiamo visto qual è la procedura da seguire per richiedere l’invalidità civile, vediamo ora a chi spetta e di quali diritti e agevolazioni si può usufruire con un’invalidità civile al 90 cento.

L’invalidità civile spetta ai cittadini residenti in Italia con un’età compresa tra i 18 e i 67 anni che, a causa di una patologia o di menomazioni, hanno visto compromesse la propria capacità lavorativa o le possibilità di svolgere le attività tipiche della sua età (se di età inferiore ai 18 anni e superiore ai 67 anni).

Con un’invalidità civile al 90 per cento si ha diritto a:

Con un’invalidità civile al 90 per cento, ovviamente, non spetta l’indennità di accompagnamento, che l’INPS eroga soltanto agli invalidi civili totali (100% di invalidità) non autosufficienti.

Invalidità civile al 90 per cento: agevolazioni economiche e previdenziali

Entriamo nel dettaglio delle prestazioni economiche erogate dall’INPS a chi ha invalidità civile al 90 per cento.

Possiamo, innanzitutto, distinguere due tipi di prestazioni, che si differenziano in base al soddisfacimento, o meno, dei requisiti contributivi.

La persona invalida civile in possesso dei requisiti contributivi minimi (almeno 5 anni, di cui 3 maturati negli ultimi 5 anni di lavoro) ha diritto all’assegno ordinario di invalidità, il cui importo è calcolato in base ai contributi versati, come se fosse una pensione. Se il reddito del richiedente supera di quattro volte il trattamento minimo, l’importo dell’assegno viene ridotto. L’assegno ordinario di invalidità è compatibile con l’attività lavorativa.

Se la persona invalida civile non possiede i requisiti contributivi descritti in precedenza, avrà diritto alla pensione di invalidità civile, il cui importo attuale è di 291,69 per 13 mensilità, mentre il limite massimo di reddito annuo personale per poterlo ricevere è fissato a 5.010,20 euro. Al compimento dei 67 anni e, quindi, al raggiungimento del requisito anagrafico per accedere alla pensione di vecchiaia, la pensione di invalidità viene convertita in assegno sociale.

Con un’invalidità civile al 90 per cento, inoltre, si ha diritto al beneficio pensionistico dei contributi figurativi. Per ogni anno di lavoro dipendente, pubblico o privato, il lavoratore disabile ha diritto all’accredito di due mesi di contributi in più, fino a un massimo di 5 anni.

L’invalidità civile al 90 per cento permette al lavoratore con disabilità di accedere all’Ape Sociale (spetta dal 74% a salire). Parliamo di un assegno versato dall’INPS al lavoratore che ha compiuto 63 anni, con un minimo di 30 anni di contributi versati, fino al raggiungimento dei requisiti anagrafici per poter accedere alla pensione di vecchiaia.

L’assegno è calcolato sulla base dell’importo della pensione futura, ma non può comunque superare i 1.500 euro al mese. Per ottenere l’Ape Sociale è necessario interrompere l’attività lavorativa. Successivamente si può comunque tornare a lavorare, ma senza superare il reddito massimo annuo di 8.000 euro (dipendenti o parasubordinati) o di 4.000 euro (autonomi). L’Ape Sociale è incompatibile con la Naspi e con le pensioni dirette.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Invalidità civile al 90 per cento
Invalidità civile al 90 per cento: quali diritti e agevolazioni spettano?

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1