Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro » Lavoro domestico / Invalidità civile: tutte le agevolazioni per la badante

Invalidità civile: tutte le agevolazioni per la badante

L'invalidità civile dà diritto ad alcune agevolazioni per assumere badanti: vediamo insieme a quanto ammonta il contributo e come funziona.

di The Wam

Novembre 2021

I datori di lavoro che non sono auto sufficienti e percepiscono un’invalidità civile riconosciuta hanno diritto ad alcune agevolazioni per l’assunzione di badanti (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

In questo articolo vedremo insieme come funziona il rimborso delle spese necessarie per un collaboratore domestico.

Se sei interessato all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere.

Datori di lavoro con invalidità civile: agevolazioni

Come ben sappiamo, le spese a cui far fronte per l’assunzione di badanti che si occupano di familiari anziani o non autosufficienti sono diverse e spesso parecchio gravose.

Che fare quindi?

Quando pagare lo stipendio di un lavoratore domestico diventa complicato per gli interessati, è possibile fare affidamento su uno strumento di sostegno utile messo a disposizione da CAS.SA.COLF, la cassa socio-sanitaria dei collaboratori familiari.

Si tratta di un’agevolazione che garantisce ai datori di lavoro con invalidità civile permanente il rimborso di una quota dello stipendio o dei contributi per i badanti assunti.

L’importo del contributo è pari a 300 euro al mese erogabili per un anno.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

I requisiti di accesso al contributo

Ora vediamo quali sono i requisiti per accedere al contributo.

Innanzitutto il contributo può essere richiesto solamente da chi, al momento dell’iscrizione alla CAS.SA.COLF, non era già in uno stato di permanente non autosufficienza pregressa.

In sostanza, il datore già non autosufficiente con una badante non può fare richiesta di contributo. Quest’ultimo infatti viene concesso solo con l’aggravarsi della situazione del datore di lavoro.

invalidità civile

Il secondo e ultimo requisito per accedere al sostegno economico per l’assunzione di badanti riguarda il versamento di almeno un anno di contribuzione.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sull’invalidità civile e le agevolazioni per assumere badanti non esitare a scriverci su Instagram.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp