Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Invalidità civile con aggravamento

Invalidità civile con aggravamento

Invalidità civile con aggravamento: vediamo cosa bisogna fare se la tua condizione di salute è peggiorata, per aumentare la percentuale di invalidità e accedere a benefici maggiori rispetto a quelli che hai attualmente.

di Romina Cardia

Settembre 2023

Quando è possibile richiedere l’invalidità civile con aggravamento? Qual è la procedura da seguire e che permette di ottenere una percentuale di invalidità più alta? (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Invalidità civile con aggravamento: quando si può richiedere

Puoi richiedere l’aggravamento dell’invalidità nel momento in cui si presenta un peggioramento delle condizioni di salute e una riduzione della capacità lavorativa, dopo il riconoscimento di una precedente condizione invalidante.

Per condizione invalidante, si intende una riduzione della capacità lavorativa causata da una menomazione, malattia mentale o infermità.

Se hai più di 67 anni, oppure ci si riferisce a un minore di 18 anni, quindi non in età lavorativa, l’aggravamento viene considerato in riferimento alla capacità di svolgere determinati compiti della vita quotidiana.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Considerando che le condizioni di un invalido non sono stabili nel tempo, quindi possono migliorare ma anche peggiorare, la domanda di aggravamento rientra tra quelle che possono essere presentate all’INPS.

In questo caso, sarà necessario sottoporsi a nuova visita da parte della Commissione medica, al fine di stabilire l’effettivo aumento della percentuale di invalidità.

La domanda, prevede la stessa procedura per il riconoscimento dell’aggravamento e del riconoscimento dello stato di handicap Legge 104/92, e per condizioni di cecitànon autosufficienza e sordità.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Domanda per invalidità civile con aggravamento in presenza

Abbiamo visto che, in caso di peggioramento delle condizioni di salute, è possibile richiedere l’aggravamento.

La domanda di aggravamento prevede un percorso sanitario e la redazione di un modulo apposito da inviare all’INPS, nel quale si attesta appunto un peggioramento del proprio stato di invalidità precedentemente riconosciuto.

La domanda va inoltrata all’INPS in via telematica e all’interno di essa si notifica all’Istituto che è avvenuto un peggioramento dell’invalidità, per il quale si richiede di aumentare la propria percentuale per la concessione dei relativi benefici.

L’iter è lo stesso che hai seguito per il primo riconoscimento dell’invalidità, ovvero:

Allo stesso modo, puoi richiedere anche l’aggravamento dell’handicap, se sei un soggetto che usufruisce della Legge 104/92.

Ti mostriamo tutte le prestazioni INPS per invalidi civili nel 2023: requisiti, limiti di reddito e importi.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=xDa6XuEOfrg?si=NgRjItKwYjwcogAa&w=560&h=315]

La nuova visita a distanza

Da ottobre 2022 è possibile richiedere invalidità civile con aggravamento, con visita a distanza.

In questo caso, la Commissione medica valuterà la nuova documentazione sanitaria, che verrà messa a paragone con quella precedentemente prodotta, e riconoscerà una nuova percentuale di invalidità.

Hai quindi la possibilità di scegliere, al momento, tra visita a distanza e visita in presenza.

Leggi anche:

Domanda di aggravamento con visita a distanza

Per presentare domanda di aggravamento con visita a distanza, bisogna inviare telematicamente all’INPS la nuova documentazione sanitaria prodotta, che attesta il peggioramento della propria condizione sanitaria rispetto alla precedente valutazione fatta dalla Commissione dell’Asl.

È necessario, in tal senso, che la documentazione inviata consenta una valutazione obiettiva e che quindi non vi siano elementi che possano mettere in dubbio la veridicità della documentazione stessa.

Per la domanda di aggravamento viene richiesto di presentare anche copia del verbale di invalidità precedentemente rilasciato dalla Commissione medica ASL integrata da un medico dell’INPS.

Aggravamento invalidità civile: scopri quali sono nel dettaglio i documenti per richiederlo 

Procedura per la domanda di aggravamento con visita a distanza

La procedura per richiedere l’invalidità civile con aggravamento e con visita a distanza, può essere avviata alternativamente:

La documentazione può essere allegata online anche dal medico di famiglia o da un CAF o un patronato, utilizzando il sevizio “Allegazione documentazione sanitaria invalidità civile”.

La documentazione inviata attraverso altri canali, compreso l’invio tramite PEC, non sarà presa in considerazione.

Ricordiamo che la visita a distanza tramite allegazione di documentazione sanitaria vale anche per domande di prima istanza e per le visite di revisione.

In caso di visita di revisione, la documentazione deve essere inviata quattro mesi prima della data prevista per la visita, trasmessa tramite lettera raccomandata.

Ecco come avere l’aggravamento senza chiederlo e senza presentare un’istanza specifica all’INPS.

Invalidità civile con aggravamento
Invalidità civile con aggravamento. Nella foto: una donna posa una mano sulla spalla di un uomo anziano

Cosa succede dopo l’invio della documentazione

Dopo l’invio della documentazione sanitaria per richiedere l’aggravamento con visita a distanza, la Commissione entro 30 giorni comunicherà l’esito della valutazione.

Se riconoscerà l’aggravamento, ti invierà il nuovo verbale di invalidità con la nuova percentuale riconosciuta.

Se la documentazione è ritenuta insufficiente, ti richiederà un’integrazione o ti convocherà a visita in presenza, tramite l’invio di una raccomandatala A/R, che conterrà l’invito a presentarsi presso una sede ASL competente territoriale.

Doppio aggravamento invalidità: scopri quando è possibile chiedere una terza visita per il peggioramento delle condizioni.

Cosa succede se vieni convocato a visita diretta e non ti presenti

Se la Commissione ASL non riesce a fare una valutazione sugli atti in seguito alla richiesta di aggravamento con visita a distanza, come abbiamo detto, potrà convocare a visita diretta.

L’assenza ingiustificata alla visita sanitaria, quando richiesta, implica la sospensione e poi la perdita della prestazione legata all’invalidità.

Infatti, le comunicazioni di richiesta di documentazione sanitaria e di convocazione visita, dichiarano in modo chiaro che l’assenza non giustificata comporta la sospensione cautelativa della prestazione economica in godimento e degli eventuali benefici correlati.

Decorsi 90 giorni dalla comunicazione della sospensione, si procede alla revoca definitiva della prestazione.

Cosa fare se revocano l’invalidità? Ecco come comportarsi e qual è la procedura per presentare ricorso. 

FAQ (domande e risposte)

Come si calcola la percentuale di invalidità civile?

La percentuale di invalidità civile si calcola tenendo conto di diversi fattori, tra cui le limitazioni fisiche o psichiche che l’individuo presenta a causa di una malattia o di una disabilità. In genere, per ottenere questa valutazione, è necessario sottoporsi a una visita medica specialistica presso la Commissione Medica dell’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) o un medico specializzato convenzionato. Durante questa visita, il medico esaminerà attentamente la tua situazione e valuterà il grado di invalidità in base a criteri specifici stabiliti dalla legge. È importante fornire tutta la documentazione medica e i referti necessari per supportare la tua richiesta.

Posso chiedere l’aggravamento dell’invalidità anche per la Legge 104?

Sì, è possibile chiedere l’aggravamento dell’invalidità anche se si è beneficiari della Legge 104. La Legge 104, prevede diverse forme di tutela e sostegno per le persone con disabilità. Se nel corso del tempo la tua condizione di salute peggiora e l’invalidità si aggrava, hai il diritto di richiedere anche l’aggravamento dell’handicap.

Cosa cambia se passo dal riconoscimento della Legge 104 comma 1 a quello della Legge 104 comma 3?

Il passaggio dal riconoscimento della Legge 104 comma 1 a quello della Legge 104 comma 3 comporta alcune differenze significative. La principale differenza tra queste due normative riguarda la tipologia di assistenza e i diritti riconosciuti alle persone con disabilità.

Alla visita per aggravamento dell’invalidità posso essere accompagnato da qualcuno?

Sì, è possibile essere accompagnati da qualcuno durante la visita per l’aggravamento dell’invalidità. Questo è particolarmente importante se hai bisogno di supporto emotivo o pratico durante l’esame medico. Puoi essere accompagnato da un familiare, un amico o una persona di fiducia che può fornirti sostegno durante il processo. Tuttavia, è importante informare in anticipo la Commissione Medica o il medico specialista della presenza della persona che ti accompagnerà per evitare eventuali inconvenienti. La presenza di un accompagnatore può essere di grande aiuto durante questo momento importante.

Posso richiedere la visita per aggravamento dell’invalidità a domicilio?

Sì, in alcuni casi è possibile richiedere la visita per l’aggravamento dell’invalidità a domicilio. Questa opzione è prevista per le persone che, a causa della loro condizione di salute, non sono in grado di recarsi presso la Commissione Medica o il medico specialista per l’esame fisico. Per ottenere questa possibilità, è necessario fornire una documentazione medica dettagliata che attesti la tua impossibilità a spostarti per motivi di salute. La richiesta di visita a domicilio deve essere formulata in anticipo e inviata all’INPS, che valuterà la tua richiesta e organizzerà la visita a domicilio da parte di un medico specialista.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp