Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità » Salute / Invalidità civile con i dolori articolari (tabelle)

Invalidità civile con i dolori articolari (tabelle)

Invalidità civile con i dolori articolari: quando e come chi soffre di queste patologia ha diritto alle agevolazioni fiscali, sul lavoro e alle indennità economiche.

di The Wam

Gennaio 2022

Invalidità civile con i dolori articolari: una questione che riguarda un bel numero di italiani. In modo più o meno serio sono milioni i cittadini che soffrono di queste patologie. Malattie che possono essere invalidanti. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Soffrire di dolori articolari cronici acuti causa problemi sia nella vita lavorativa, sia in quella di relazione.

Invalidità civile con i dolori articolari: degenerative e infiammatorie

Le malattie associate ai problemi articolari sono spesso molto serie. E possono essere di due tipi: degenerative o infiammatorie. Senza una cura definitiva che porti alla guarigione (per questo sono croniche).

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

In questo articolo vediamo quali sono le patologie più serie, o meglio quelle che potrebbero dare diritto ai benefici connessi al riconoscimento dell’invalidità civile.

Dicevamo, i dolori articolari possono essere causati:

Queste sono invece le patologie infiammatorie e autoimmuni:

Ovviamente non basta soffrire di queste patologie per avere diritto all’invalidità civile. Conta infatti la gravità delle conseguenze che queste malattie stanno provocando, e cioè di quanto incidono sulla capacità lavorativa e la vita di relazione.

Se viene comunque riconosciuta l’invalidità civile, chi soffre di dolori articolari ha diritto a una serie di agevolazioni.

Vediamole insieme.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile con i dolori articolari: esenzione ticket

La più semplice da ottenere è l’esenzione dal ticket sanitario (che viene garantita a chiunque abbia delle patologie croniche e invalidanti).

In pratica non si pagano le visite, gli esami da laboratorio e qualsiasi altra analisi diagnostica relativa alla patologia.

L’esenzione dal ticket viene rilasciata dopo aver presentato una domanda alla Asl più vicina. È necessario presentare un certificato medico che attesta la presenza della malattia.

Invalidità civile con i dolori articolari: Legge 104

Se i dolori articolari sono persistenti, continui e altamente invalidanti, così tanto da impedire l’integrazione sociale e l’attività lavorativa, allora il paziente ha bisogno di un sostegno molto più consistente della semplice (seppur utile) esenzione dal ticket.

Infatti, con determinati requisiti, si può accedere ai benefici previsti con la Legge 104. Una norma che è stata immaginata proprio per le persone che a causa di una patologia vivono una grande condizioni di svantaggio.

La Legge 104 consente di accedere a una serie di agevolazioni fiscali, sociali e sul lavoro.

Questo l’iter necessario per richiederla:

recarsi dal medico curante per ottenere il certificato che conferma la patologia;

con il certificato (e il codice che viene rilasciato), si può inviare richiesta per via telematica all’Inps. O in alternativa tramite contact center (via telefono) o rivolgendosi a un patronato;

dopo questi adempimenti l’Inps chiamerà a visita il paziente. La commissione medica dell’Asl (con un professionista dell’Inps), valuterà se ci sono le condizioni per ottenere i benefici connessi alla legge 104.

Invalidità civile con i dolori articolari: permessi retribuiti

Una delle agevolazioni connesse alla Legge 104 riguarda i permessi retribuiti: tre giorni di riposo al mese (che sono coperti da contributi) e riposi giornalieri di 1, 2 ore.

A richiedere i permessi possono essere richiesti:

La persona con disabilità grave (riconosciuta con la legge 104) può scegliere – laddove è possibile – la sede di lavoro più vicina a dove abita e può rifiutare il trasferimento a un’altra sede.

Chi assiste una persona con disabilità (e la legge 104) può anche usufruire di due anni di congedo straordinario retribuito: possono essere consecutivi o dilazionati nel tempo.

Invalidità civile con i dolori articolari: agevolazioni auto

Le persone con disabilità alle quali è stata riconosciuta la legge 104, quelli con ridotte capacità motorie (con difficoltà di deambulazione) e a chi è stato riconosciuto l’accompagnamento, possono beneficiare di agevolazioni fiscali per l’acquisto di una automobile o di veicoli per il trasporto di disabili.

Altre agevolazioni riguardano: l’esenzione dal pagamento del bollo e una serie di detrazioni dalla dichiarazione dei redditi.

Invalidità civile con i dolori articolari: contrassegno invalidi

Per chi soffre di dolori articolari particolarmente forti e con inevitabili problemi di deambulazione, è possibile richiedere al Comune di residenza il rilascio del contrassegno invalidi.

Con questo tagliando è possibile parcheggiare e sostare nei posti consentiti e anche in zona dove solitamente è vietata la sosta.

Il contrassegno invalidi scade ogni 5 anni (deve essere rinnovato).

Invalidità civile con i dolori articolari: accompagnamento

C’è anche la possibilità di chiedere l’indennità di accompagnamento. Una prestazione che viene riservata dall’Inps solo alle persone che hanno una invalidità totale, quindi del 100%.

E quindi, i dolori articolari causati dalla patologia dovranno essere così gravi da consentire a chi ne soffre la possibilità di camminare solo con il sostegno costante di un’altra persona.

L’iter per richiedere l’accompagnamento è simile a quello per il riconoscimento della Legge 104. Dà diritto a 525,17 euro al mese, a prescindere dal reddito personale.

Invalidità civile con i dolori articolari: invalidità civile

Ovviamente chi soffre di dolori articolari può chiedere l’invalidità civile. Le possibilità di un riconoscimento sono molte, soprattutto per chi ha una patologia cronica o degenerativa.

La percentuale minima per l’invalidità è del 33%. Per ottenere sostegni economici bisogna arrivare a una invalidità civile del 74%. Con il 100% di invalidità si ha accesso alla pensione di inabilità o all’indennità di accompagnamento.

Invalidità civile con i dolori articolari: tabelle

Vediamo la tabelle dove sono inseriti le patologie che colpiscono gli arti (causando quindi i dolori articolari). (qui tutte le tabelle per l’invalidità civile)

Queste sono riferite agli arti superiori (apparato osteoarticolare e locomotore):

Queste sono riferite agli arti inferiori (apparato osteoarticolare e locomotore):

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1