Invalidità civile con l’endometriosi

Invalidità civile con l'endometriosi: vediamo in questo articolo cos'è questa patologia e quali sono i diritti per le pazienti, a partire dall'invalidità civile. Le cause, i sintomi, la procedura per l'invalidità e le percentuali che vengono riconosciute a chi ne soffre.

4' di lettura

Invalidità civile con l’endometriosi. L’endometriosi è una patologia invalidante che colpisce il 10-15% delle donne in età riproduttiva e il 30, 50% delle donne che non sono più fertili. Numeri importanti dunque. Le pazienti con una diagnosi conclamata di endometriosi sono 3 milioni. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

L’età più a rischio per questa patologia è tra i 25 e i 35 anni. Ma la malattia può manifestarsi anche prima.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Invalidità civile con l’endometriosi: diagnosi

La diagnosi non è semplice, può arrivare dopo un lungo periodo. E questo può avere pesanti ricadute anche psicologiche per chi ne soffre.

Ma cos’è l’endometriosi? Semplificando: quando l’endometrio, la tonaca mucosa che riveste internamente la cavità uterina, si trova in altre zone del corpo femminile. Più frequentemente l’endometriosi interessa questi organi:

  • ovaie;
  • legamenti uterini;
  • il tessuto che riveste l’interno dell’addome e il bacino;
  • la zona tra vagina e retto;
  • l’intestino;
  • la vescica;
  • l’uretere.

Nel 30, 40% dei casi l’endometriosi può causare infertilità.

Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile con l’endometriosi: fattori di rischio

Due sono i fattori di rischio più importanti per questa patologia:

  • l’assenza di gravidanze: la gravidanza infatti può spegnere i fattori che stimolano la progressione o addirittura l’insorgenza della malattia. In pratica più tardi arriva la gravidanza e più ci sono possibilità che la patologia si inneschi;
  • cicli mestruali molto brevi e mestruazioni molto abbondanti.

Invalidità civile con l’endometriosi: sintomi

I sintomi principali della endometriosi sono questi:

  • dolori molto intensi durante il periodo mestruale e premestruale (dismenorrea);
  • dolori nel periodo dell’ovulazione;
  • dolori pelvici cronici;
  • dolori durante i rapporti sessuali;
  • stanchezza finisca cronica.

In una bassa percentuale di casi l’endometriosi si può manifestare in forma asintomatica.

Invalidità civile con l’endometriosi: terapia

La terapia che oggi viene ritenuta più diretta, immediata ed efficace è l’intervento chirurgico che prevede l’asportazione completa dell’endometrio in laparoscopia (senza causare danni all’apparato riproduttivo della paziente).

Per ridurre i dolori si possono usare progestinici, che però potrebbero avere diversi effetti collaterali se assunti per un tempo prolungato. Hanno un effetto rapido sulla diminuzione dei dolori, ma non migliorano lo stato della patologia.

Come detto, la patologia è invalidante, perché fortemente sintomatica. È stata inserita nell’elenco Inps delle malattie croniche e invalidanti, almeno per gli stadi più avanzati: moderato (terzo grado) o grave (quarto grado).

Invalidità civile con l’endometriosi: percentuali di invalidità

In questo articolo vediamo insieme che percentuale di invalidità viene riconosciuta a chi soffre di endometriosi e quali sono i diritti e le agevolazioni alle quali può accedere.

Come detto i dolori causati da questa patologia sono molto forti. Non ci sono farmaci che capaci di fermarla o farla regredire.

Veniamo alle percentuali di invalidità riconosciute per l’endometriosi.

Oscillano da un minimo del 10% a un massimo del 35%.

Ovviamente per il riconoscimento di questa invalidità bisogna presentare domanda all’Asl dopo aver richiesto al medico di base il certificato medico introduttivo che certifica la patologia. Il parere finale sarà poi formulato dalla commissione medica Asl (con la presenza di un medico dell’Inps).

Invalidità civile con l’endometriosi: diritti

Con una percentuale del 35% di invalidità civile riconosciuta per l’endometriosi non si ha diritto a molto.

Alcune cure e determinati esami sono gratuiti. In particolare – per questa malattia – ecografie e visite ginecologiche.

Le donne che sono ai primi stadi della patologia hanno delle percentuali di invalidità civile troppo basse anche per accedere a queste minime agevolazioni.

Sembra davvero poco. Ma basti pensare che fino a qualche anno fa l’endometriosi neppure era inserita nelle tabelle Inps tra le malattie croniche e invalidanti. E solo da poco è stata riconosciuta nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Una storia che ricorda molto da vicino quella della fibromialgia.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie