Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile con malattie respiratorie

Invalidità civile con malattie respiratorie

Invalidità civile con malattie respiratorie: quali sono le patologie per il riconoscimento dell'invalidità civile e tutte le percentuali.

di The Wam

Novembre 2021

Invalidità civile con malattie respiratorie. Sono poco meno di 30 le malattie respiratorie che possono portare al riconoscimento di una percentuale di invalidità civile. Nell’elenco dell’Inps (che trovate sotto) sono riportate anche patologie non gravi, come la sinusite, la rinite o l’asma, e malattie che sono invalidanti in modo molto grave, che rendono cioè del tutto impossibile continuare ad avere una attività lavorativa.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

In questo articolo descriviamo alcune di queste patologie e forniamo al lettore la lista completa dei disturbi che possono portare al riconoscimento dell’invalidità civile con malattie respiratorie.

Invalidità civile con malattie respiratorie: patologie diffuse in Italia

Le patologie dell’apparato respiratorio sono molto diffuse in Italia e rappresentano la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e i tumori.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Ma non solo, l’incidenza di queste patologie è in costante aumento. Per almeno tre motivi:

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Invalidità civile con malattie respiratorie: apnee nel sonno

Tra le patologie più diffuse dell’apparato respiratorio c’è la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Osas).

Si verificano, appunto, durante il sonno, in pratica si blocca il respiro di chi dorme per una decina di secondi.

Con conseguenze che possono essere di una certa gravità: si possono avere problemi cardiaci e la cattiva ossigenazione notturna causa un malessere diffuso durante il giorno.

Per questo tipo di malattia l’Inps riconosce una invalidità che oscilla tra il 35 e il 40%.

Invalidità civile con malattie respiratorie: Bpco

Potenzialmente è molto più grave un’altra malattia respiratoria assai diffusa in Italia: la broncopneumopatia ostruttiva cronica (Bpco). Colpisce 3,5 milioni di persone (il 5,6% degli adulti) nel nostro Paese ed è responsabile del 55% dei decessi per malattie respiratorie.

Si tratta di una patologia cronica. Chi soffre di Bpco ha diritto all’esenzione del ticket quando si trova negli stadi “moderato”, “grave” e “molto grave”.

Per l’invalidità le broncopneumopatie croniche hanno diverse percentuali, variano dall’11% per una bpco lieve al 100% della bcp restrittiva grave.

Invalidità civile con malattie respiratorie: l’asma

Un’altra malattia dell’apparato respiratorio molto diffusa è l‘asma. In Italia ne soffrono in forma lieve 30 milioni di persone, ma i casi gravi sono circa 300.000 e uno su 3 ha meno di 14 anni.

L’asma è una malattia respiratoria cronica e provoca ricorrenti crisi che causano respiro sibilante e tosse. Gli attacchi d’asma a volte possono anche essere letali.

Il livello di gravità dell’asma viene definito in base al grado di infiammazione delle vie respiratorie.

Ed è questo anche il fattore che determina la riduzione della capacità lavorativa e di conseguenza la percentuale di invalidità civile che viene attribuita.

In genere non si tratta di una patologia grave e quindi le percentuali di invalidità civile non sono così alte (non al livello della bpco):

Invalidità civile con malattie respiratorie: percentuali e trattamenti

Prima di mostrarvi le schede riferite all’invalidità civile con le malattie respiratorie vediamo questo elenco che ricorda il tipo di prestazione alla quale si ha diritto rispetto alle percentuali di invalidità riconosciute (qui nel dettaglio):

Invalidità civile con malattie respiratorie: patologie

Ma vediamo quali sono tra le patologie dell’apparato respiratorio quelle che prevedono, nelle tabelle Inps, una più alta riduzione della capacità lavorativa:

Invalidità civile con malattie respiratorie: tabelle ministeriali

Sono invece queste le percentuali di invalidità per le malattia dell’apparato respiratorio previste nelle tabelle ministeriali:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1