Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Salute / Invalidità civile e fibromialgia: spettano le agevolazioni?

Invalidità civile e fibromialgia: spettano le agevolazioni?

Invalidità civile e fibromialgia: diagnosi e agevolazioni. Quali spettano? Scopriamolo in questo articolo.

di Carmine Roca

Gennaio 2022

Invalidità civile e fibromialgia: quali agevolazioni spettano a chi soffre di questa malattia? (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

Ne parleremo nel corso di questo articolo, elencandovi i sintomi della fibromialgia e spiegandovi la trafila da compiere per poter ottenere l’invalidità civile.

Se sei interessato all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Fibromialgia: cos’è e quali sono i sintomi?

La fibromialgia è una malattia autoimmune reumatica che colpisce l’apparato muscolo-scheletrico, in particolar modo tendini e legamenti, provocando dolore cronico e diffuso, aumento della tensione muscolare, rigidità dell’apparato locomotore, oltre a stanchezza, stress, colon irritabile, ansia e depressione.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Quando la fibromialgia si presenta assieme ad ulteriori sintomi, si parla di sindrome fibromialgica (Fm). Nei casi più gravi, la fibromialgia può avere conseguenze invalidanti condizionando la vita sociale e lavorativa di chi ne soffre.

Considerato l’alto numero di sintomi, diagnosticare la fibromialgia non è affatto semplice. In prima battuta, il medico che sottopone il paziente affetto da fibromialgia deve escludere altre patologie muscolari, scheletriche o neurologiche, verificando se il dolore è diffuso simmetricamente da almeno 3 mesi e palpare 18 punti chiave, chiamati tender points: almeno 11 di questi devono provocare dolore.

Spesso confusa con gli effetti fisici della depressione, è possibile avvicinare la diagnosi leggendo le analisi del sangue: spesso ai pazienti affetti da fibromialgia è riscontrata un’alterazione dei globuli bianchi, una riduzione della serotonina (l’ormone della felicità) e della melatonina (l’ormone del sonno).

Ma spetta l’invalidità a chi soffre di fibromialgia? Lo scopriremo nei prossimi paragrafi.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile e fibromialgia: percentuale riconosciuta

Invalidità civile e fibromialgia. La fibromialgia non compare nelle linee guida dell’Inps per il riconoscimento dell’invalidità e viene considerata una sindrome reumatica non tipica. L’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha comunque inserito la fibromialgia tra le patologie croniche invalidanti.

Alcune commissioni mediche italiane hanno riconosciuto la malattia, riconoscendo il 50% di invalidità, come per l’artrite reumatoide.

Il percorso per ottenere l’invalidità civile è il seguente: bisogna farsi rilasciare un certificato medico che attesti la patologia e le cure sostenute, da uno specialista nel settore. Il documento va inviato all’Inps, per procedere alla visita medica tenuta dalla Commissione Medica. In caso di rifiuto del riconoscimento dell’invalidità, si può presentare ricorso in Tribunale.

Invalidità civile e fibromialgia: agevolazioni

Invalidità civile e fibromialgia. Con il 50% di invalidità civile, il paziente affetto da fibromialgia ha diritto a protesi e ausili gratuiti (dal 33,33% di invalidità a salire), ma non al congedo straordinario per cure, fino a 30 giorni all’anno: questa agevolazione spetta agli invalidi con una percentuale di almeno il 51%.

Con il 50% di invalidità si può usufruire del collocamento mirato (obbligatorio per chi si è visto riconoscere almeno il 45% di invalidità).

Gli invalidi al 50% che appartengono alle categorie protette e sono iscritti nelle liste di collocamento mirato, rientrano nella quota di riserva, ovvero la quota dell’organico di un’azienda riservato ai disabili e ai lavoratori tutelati (almeno uno ogni 14 dipendenti; almeno 2 con 36-50 dipendenti; almeno il 7% con oltre 50 dipendenti).

Invalidità civile e fibromialgia
Invalidità civile e fibromialgia: diagnosi e agevolazioni. Quali spettano?

Con il 50% di invalidità, infine, non si ha diritto all’assegno di invalidità, che spetta agli invalidi con una percentuale di invalidità tra il 74 e il 99%.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1