Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni » Previdenza e Invalidità » Salute / Invalidità civile e invalidità pensionabile: cosa cambia

Invalidità civile e invalidità pensionabile: cosa cambia

Invalidità civile e invalidità pensionabile: non sono la stessa cosa e danno diritto a trattamenti Inps diversi, come diversa è la valutazione della commissione.

di The Wam

Gennaio 2022

Invalidità civile e invalidità pensionabile. Ne variegato universo dell’invalidità confondersi è molto semplice. Non molti sanno che esistono diversi tipi di invalidità. Hanno un solo punto in comune: si valuta la riduzione della capacità lavorativa. Ma i parametri possono cambiare. In questo articolo cerchiamo di fare luce sulle differenze tra invalidità civile e invalidità pensionabile. Potrebbero sembrare la stessa cosa. Non è proprio così. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

In particolare queste due invalidità divergono sul tipo di prestazioni alle quali danno diritto. Una infatti concede l’accesso a trattamenti assistenziali (assegno di assistenza per invalidi civili parziali, pensione di inabilità civile e così via), l’altra è la strada che conduce a trattamenti previdenziali.

Il punto in comune è il riconoscimento da parte di una commissione medica.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Vediamo nel dettaglio.

Invalidità civile e invalidità pensionabile: linee guida

Per il riconoscimento dell’invalidità civile deve essere accertata una riduzione generica della capacità lavorativa. Senza tenere conto del tipo di occupazione o delle competenze dell’assistito.

Le valutazioni seguono delle linee guida, per ogni patologia, che sono inserite nelle tabelle Inps per l’invalidità civile.

Le diverse percentuali di invalidità danno diritto ad altrettanto diverse prestazioni da parte dell’Inps. Sapete bene che maggiore è la percentuale di invalidità riconosciuta e minore è la capacità lavorativa del soggetto interessato.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile e invalidità pensionabile: misure assistenziali

Agli invalidi civili sono destinate misure assistenziali. Il che significa che dipendono anche dallo stato di bisogno del cittadino. In questo caso non è dunque necessario aver versato dei contributi previdenziali per averne diritto.

Un piccolo esempio:

Quando l’invalidità è al 100% e la persona interessata non è capace di deambulare da sola o di compiere gli atti quotidiani della vita senza il sostegno di un altro, allora è possibile chiedere l‘indennità di accompagnamento (non ci sono limiti di reddito).

Invalidità civile e invalidità pensionabile: invalidità specifica

Vediamo invece come funziona la cosiddetta invalidità pensionabile (o invalidità specifica) che è invece indispensabile per accedere alle prestazioni previdenziali, come l’assegno ordinario o la pensione di inabilità al lavoro.

In questo caso la commissione medica per l’invalidità non deve più valutare la capacità lavorativa generica dell’interessato, ma deve essere più specifica (appunto), e verificare la capacità lavorativa di chi si sottopone a visita rispetto alle precedenti attività che ha svolto.

È una valutazione più dettagliata e su misura. Quindi le valutazioni, anche rispetto alle stesse patologie, possono cambiare da soggetto a soggetto. Entra in gioco anche la mansione da svolgere.

Invalidità civile e invalidità pensionabile: assegno ordinario di invalidità

Le prestazioni riconosciute con l’invalidità pensionabile variano a seconda della gravità delle condizioni dell’assistito (lo stesso criterio utilizzato con le percentuali dell’invalidità civile).

In questo caso: se la riduzione della capacità lavorativa è superiore ai due terzi può scattare il diritto all’assegno ordinario di invalidità.

Per quantificare l’importo non sono più necessari requisiti di reddito ma requisiti contributivi. Sono indispensabili almeno 5 anni (e 3 negli ultimi 5 anni).

È anche vero, tornando al reddito, che se le entrate personali dell’assistito dovessero superare dei determinati limiti l’importo riconosciuto potrebbe essere ridotto.

Ai contribuenti iscritti alla gestione Inps dei dipendenti pubblici non viene riconosciuto l’assegno ordinario di invalidità.

Invalidità civile e invalidità pensionabile: pensione di inabilità

Però con almeno 15 o 20 anni di contributi si può accedere alla pensione di inabilità per mansioni (se la persona interessata ha terminato il servizio) o alla pensione di inabilità per proficuo lavoro, se il cittadino non è più capace di svolgere il suo lavoro in modo costante.

Per i dipendenti pubblici e per quelli privati iscritti all’Inps è anche possibile avere diritto alla pensione di inabilità al lavoro. Ma solo se la commissione accerta l’impossibilità permanente e assoluta di svolgere attività lavorativa (qualsiasi).

Anche per la pensione di inabilità al lavoro sono richiesti almeno 5 anni di contributi (e 3 negli ultimi 5 anni). L’importo viene calcolato sulla base dei contributi versati. Se l’assistito ha meno di 60 anni viene riconosciuta una maggiorazione contributiva (per un massimo di 40 anni).

Invalidità civile e invalidità pensionabile: pensione di vecchiaia anticipata

C’è infine la pensione di vecchiaia anticipata. Ne hanno diritto i lavoratori con una invalidità pensionabile di almeno l‘80% e un minimo contributivo di 20 anni. Il requisito anagrafico è questo: 61 anni per gli uomini e 56 per le donne.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1