Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi: come avviene e a chi spettano le quote di pensione maturate prima del decesso del titolare? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Aprile 2022

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi: cosa succede nel caso in cui il titolare della pensione di invalidità civile scompare prima di riscuotere tutte le quote della pensione? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi

La pensione di invalidità civile non è reversibile ai familiari superstiti: alla morte del titolare della prestazione assistenziale, questa si estingue, poiché viene erogata per sostenere i bisogni e le necessità del disabile.

Non essendo una pensione costruita su un diritto acquisito per contributi versati durante la vita lavorativa, la pensione di invalidità non può essere riscossa dai familiari superstiti.

Gli eredi hanno, però, la possibilità di riscuotere le quote della pensione di invalidità rimaste inevase per il decesso del titolare. Parliamo della tredicesima mensilità per le quote maturate o della parte di mensilità di pensione che spetta di diritto al momento della cessazione della prestazione assistenziale, a causa della morte del titolare.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Quindi, secondo quanto stabilisce la Legge numero 912 del 1986, “gli eredi hanno diritto a percepire le quote di pensione già maturate dall’interessato alla data del decesso, anche se il decesso sia intervenuto prima della deliberazione concessiva del comitato provinciale di assistenza e beneficenza pubblica”.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi: come avviene?

Abbiamo visto, dunque, che la pensione di invalidità civile non spetta agli eredi essendo una prestazione assistenziale e non previdenziale, ma che questi hanno diritto a riscuotere le quote della pensione rimaste inevase a causa del decesso del titolare.

La liquidazione spetta al coniuge superstite o, in mancanza del coniuge, ai figli o, in mancanza dei figli e del coniuge, agli altri eredi legittimi o testamentari.

L’importo della liquidazione dipende dalla somma delle rate della pensione di invalidità civile maturate e non riscosse dal pensionato deceduto. Per richiedere la liquidazione delle quote è necessario presentare domanda all’INPS in forma telematica (oppure recarsi presso un patronato).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi
Invalidità civile e liquidazione delle quote agli eredi.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1