Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Invalidità civile, se l’Inps non convoca per la revisione

Invalidità civile, se l’Inps non convoca per la revisione

Invalidità civile, se l'Inps non convoca per la revisione c'è da preoccuparsi? Cosa bisogna fare per evitare qualsiasi rischio.

di The Wam

Giugno 2022

Invalidità civile, se l’Inps non convoca per la revisione cosa deve fare l’assistito: preoccuparsi, chiamare, sollecitare l’ente? (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Quando l’Inps rilascia il verbale che riconosce l’invalidità civile stabilisce anche una data per la visita di revisione. Ovviamente lo fa quando l’invalidità o la disabilità viene ritenuta “temporanea”, cioè le condizioni sanitarie dell’assistito si ritengono suscettibili di miglioramento. In caso contrario sul verbale sarà scritto permanente e non ci sarà nessuna data per la revisione, anche se se non si esclude una visita a chiamata, definita “straordinaria”.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

In questo articolo ci occupiamo dell’invalidità temporanea e quindi delle revisioni che sono stabilite con una data già sul verbale rilasciato dalla commissione medico legale.

Ebbene, molto spesso allo scadere di quella data non arriva nessuna comunicazione da parte dell’Inps. E quindi: cosa deve fare l’assistito? Aspettare, preoccuparsi, sollecitare l’ente? La questione è delicata perché il timore è quello di perdere un eventuale beneficio o sostegno economico.

Sostegno che per tanti è di vitale importanza.

Invalidità civile: revisione, la circolare Inps

Togliamo subito i dubbi e dissipiamo qualche timore. C’è un messaggio dell’Inps (il numero 1835 del 5 maggio 2021), che chiarisce molti dubbi:

«Il comma 6-bis dell’articolo 25 del decreto-legge 24 giugno 2014, numero 90, inserito dalla legge di conversione 11 agosto 2014, numero 114, ha introdotto importanti modifiche in materia di accertamento sanitario di revisione nelle materie di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, stabilendo che “nelle more dell’effettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservano tutti i diritti acquisti in materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura” e che “la convocazione a visita, nei casi di verbali per i quali sia prevista la rivedibilità, è di competenza dell’Istituto nazionale della previdenza sociale”».

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Invalidità civile: due punti rassicuranti

E dunque, due notizie rassicuranti:

Invalidità civile: revisione, per evitare sorprese

Non ci sarebbe dunque da preoccuparsi se la visita è stata fissata per il 7 giugno sul verbale, ma il 9 giugno non vi è ancora arrivata la raccomandata. Non ci sarebbe, ma è meglio attivarsi. A volte ci sono delle irregolarità nella convocazione, ossia: la raccomandata è stata spedita ma non vi è stata consegnata. Per cui in prossimità della data di revisione sarebbe opportuno informarsi nella sede dell’Inps o nella pagina riservata dal sito per sapere se l’invito a revisione sia stato o meno inviato.

Serve a evitare brutte sorprese, che pure ci sono state.

Invalidità civile malattie rare: criteri per la revisione

Invalidità civile: revisione, sospensione e revoca

Sul punto il messaggio dell’Inps continua e fornisce ulteriori chiarimenti:

«Al fine di semplificare ulteriormente il procedimento di revisione e renderlo più coerente con l’impianto normativo di riferimento in materia di accertamento della permanenza dei requisiti sanitari (cfr. l’articolo 37 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e l’articolo 20, comma 2, del decreto-legge primo luglio 2009, numero 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, numero 102, che rinvia all’articolo 5, comma 5, del Regolamento di cui al Dpr 21 settembre 1994, numero 698), a far data dalla pubblicazione del presente messaggio la sospensione della prestazione avverrà dalla data della convocazione a visita, nel caso in cui il soggetto convocato non si presenti a visita nel giorno indicato nell’invito di convocazione».

Invalidità civile: revisione e giustificazione

Il che significa che i problemi possono iniziare solo se la lettera di convocazione a visita è arrivata ma il cittadino non si è presentato.

Invalidità civile, dopo l’omologa si può fare la revisione?

La sospensione – quindi la mancata erogazione della prestazione assistenziale – scatterà il mese successivo a quella di emissione del provvedimento.

Arrivati a questo punto è ancora possibile rimediare. Infatti il cittadino riceverà la comunicazione dell’avvenuta sospensione. Da quel momento avrà 90 giorni di tempo per presentare alla sede Inps che è competente sul territorio di residenza una adeguata giustificazione dell’assenza.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Se la giustificazione, che può essere sanitaria o amministrativa, venisse ritenuta credibile e fondata, ripartirà il processo di revisione dei requisiti sanitari con la comunicazione di una nova data per la visita medica.

Ovvio che saltare anche questa seconda convocazione comporta la revoca definitiva del beneficio.

Può anche accadere che il cittadino non giustifichi l’assenza o che le motivazioni non risultino adeguate, in questo caso l’Inps procede alla revoca della prestazione (a partire dalla data della sospensione).

Invalidità civile: 4 disposizioni Inps

Nel messaggio dell’Inps sono indicate queste quattro disposizioni, le riportiamo per ulteriore chiarezza:

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1