Invalidità civile malattie rare: criteri per la revisione

Invalidità civile malattie rare: i criteri per la revisione imposti dalle linee guida dell'Inps: conoscerle è importante. Sono rivolte in particolare ai medici delle commissioni che impongono la revisione anche per patologie di origine genetica e che sono a rischio peggioramento. Avere un quadro preciso è utile anche per far rispettare i propri diritti.

6' di lettura

Invalidità civile malattie rare: questi sono i criteri per la revisione adottati dall’Inps che consiglia anche il percorso diagnostico. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

È importante conoscere questi aspetti che legano le malattie rare e il riconoscimento dell’invalidità civile. Per almeno due motivi:

le malattie rare sono tante (e non tutte molto note, per ovvi motivi), con un numero complessivo di pazienti in Italia che supera il milione;

le commissioni medico legali hanno spesso commesso degli errori di valutazione, anche perché si sono trovati di fronte a patologie di cui non conoscevano bene l’origine, la complessità e le conseguenze per il paziente.

Scopri la pagina dedicata all’invalidità civile e ai diritti e le agevolazioni collegati.

Invalidità civile malattie rare: colpa specifica

Ma non solo, c’è soprattutto un punto: è stata imposta la rivedibilità della disabilità a pazienti affetti da malattie rare di origine genetica e cronica (come quasi tutte), è l’Inps stessa a ritenere questo comportamento profondamente sbagliato, al punto da definirlo una colpa specifica.

Avere conoscenza di queste linee guida potrebbe essere dunque molto utile per far rispettare i propri diritti quando per superficialità o incompetenza questo non avviene.

Invalidità civile con malattie rare (elenco)

Del resto l’Inps non avrebbe sentito l’esigenza di redigere delle direttive ai proprio medici se questo non fosse già accaduto più e più volte.

Invalidità civile malattie rare: diagnosi

Ma partiamo dall’inizio: come diagnosticare in modo corretto e definitivo una malattia rara prima di presentarsi di fronte a una commissione medica per il riconoscimento di una percentuale di invalidità civile. È determinante affrontare un preciso percorso diagnostico. Questa guida è stata formulata proprio dall’Inps, e può essere quindi un riferimento decisivo per chi si appresta ad affrontare questa situazione.

Le tappe previste nel percorso diagnostico sono queste:

  • si parte dal sospetto diagnostico (l’ipotesi di una diagnosi), che può essere formulato da un medico ospedaliero o una un professionista che opera nell’assistenza territoriale;
  • il paziente viene indirizzato a un presidio della regione che si occupa della specifica patologia o del gruppo di malattie rare alla quale si ritiene possa appartenere il disturbo che ha colpito il paziente. Il presidio accreditato deve garantire l’iter diagnostico senza costi per il cittadino. Se sono richieste delle prestazioni che non sono comprese tra quelle garantite dal presidio (accertamenti particolari e complessi), la stesa struttura dovrà assicurare l’esecuzione presso altre strutture del servizio sanitario. Anche le eventuali indagini genetiche sui familiari devono essere eseguite senza costi per il paziente;
  • se si arriva a una diagnosi di malattia rara (compresa nell’elenco del decreto ministeriale numero 279 del 2001), il professionista dovrà redigere un certificato. Quel documento sanitario verrà poi consegnato dal paziente all’Asl competente sul territorio di residenza del cittadino: verrà rilasciato un attestato di esenzione per la malattia certificata;
  • il presidio che ha formulato la diagnosi dovrà anche redigere un Piano di assistenza individuale che deve prevedere l’erogazione gratuita di tutte le prestazioni che sono incluse nei Lea (livelli essenziali di assistenza), sia nazionali, sia regionali. Queste prestazioni includono tra l’altro: farmaci, dietetici, presidi, ausili, protesi, trattamenti riabilitativi, interventi chirurgici programmati e così via).

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Invalidità civile malattie rare: revisione

Questo è il percorso diagnostico, per avere cioè certezza e conferme sull’esistenza, le conseguenze e l’eventuale gravità della malattia rara.

Invalidità civile con malattie rare: come funziona

Ora, di fronte a queste evidenze, vediamo quali sono le linee guida che l’Inps ha imposto alle commissioni nella valutazione dell’invalidità e delle visite di revisione.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

L’ente di previdenza invita le commissioni a tenere presente i diversi gradi di gravità delle malattie rare (ce ne sono alcune gravissime e altre che non comportano problemi molto rilevanti), e quindi a non generalizzare quando si trovano di fronte pazienti con una malattia rara.

Ma è anche vero che in molti casi le malattie rare sono di origine genetica, il che significa che il quadro clinico è cronico e suscettibile a peggioramenti.

Invalidità civile malattie rare: 3 principi

Proprio per questo motivi, l’Inps richiede di applicare questi tre principi:

Invalidità civile malattie rare: cosa deve fare la commissione

E quindi, i medici legali dell’Inps dovranno:

  • indicare l’esistenza delle condizioni di gravità per il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento;
  • evitare di prevedere la revisione nel caso le malattie rare certificate dal sistema sanitario abbiano un quadro clinico stabilizzato.

Invalidità civile per malattie rare: quando è possibile

Le linee guida vengono definite “stringenti” per i medici dell’Inps. Si consiglia anche di rettificare il parere della Commissione medica se viene invece prevista la rivedibilità.

Invalidità civile malattie rare: conclusione

Le linee guida si concludono con questa affermazione (per ulteriore e maggiore chiarezza):

«È evidente che l’impropria previsione di rivedibilità nei casi che sono stati esposti rappresenta un inutile esercizio di medicina legale difensiva nei confronti di cittadini particolarmente deboli e un aggravio di spesa pubblica, potrebbe comportare profili di colpa specifica professionale per inosservanza di leggi e regolamenti».

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie