Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità » Salute / Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo

Invalidità civile per deficit dell'apparato riproduttivo: vediamo nel dettaglio la percentuale di invalidità civile concessa a chi soffre di questi disturbi.

di The Wam

Gennaio 2022

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: per una corretta valutazione dell’invalidità civile da riconoscere ai pazienti che hanno problemi all’apparato riproduttivo maschile, le commissioni mediche verificano non solo le conseguenze sulla funzione riproduttive ma anche e forse soprattutto le ripercussioni sulla normale vita di relazione. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

E infatti nelle tabelle Inps (vedi sotto) per l’invalidità civile sono inserire patologie come il monorchismo (un solo testicolo), le difficoltà organiche al rapporto sessuale, fino all’evirazione completa e alle ripercussioni psichiche.

Visualizza articolo

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: castrazione

Le percentuali di invalidità riconosciute per i deficit dell’apparato riproduttivo maschile non sono molto alte, oscillano tra il 5 e il 50%.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: adolescenti

Anche la castrazione (asportazione dei testicoli) non è ritenuta così invalidante nelle tabelle dell’Inps. Eppure in età prepubere (quindi prima dell’adolescenza), oltre che all’impossibilità a procreare, la castrazione causa delle alterazioni dello sviluppo e delle caratteristiche somatiche. In pratica comporta il mancato sviluppo dei caratteri sessuali secondari con un aspetto infantile anche in età adulta e una distribuzione femminile della masse adipose.

Ma non solo: per i medici la castrazione in età pre adolescenziale può provocare delle turbe psico relazionali, associate ad alterazioni dell’istinto sessuale. Due condizioni che possono sfociare in disturbi psichici strutturati.

Ebbene, con un quadro fisico e psicologico così compromesso, l’Inps riconosce una invalidità civile che non va oltre il 40%.

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: adulti

E se la castrazione si è verificata in età adulta e quindi dopo che si è completato lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari?

I danni li potete immaginare: sterilità, importante diminuzione della libido fino all’impossibilità di avere un’erezione.

In questo caso – sostengono i medici – il trattamento sostitutivo con androgeni consente di recuperare una capacità erettile quasi sempre soddisfacente. Ma questa cura non è indicata nel caso di carcinomi alla prostata o alla mammella.

Per gli adulti che hanno perso entrambi i testicoli la percentuale di invalidità riconosciuta oscilla tra l’11 e il 35%.

E quindi, solo nella valutazione più grave, viene riconosciuto il diritto a essere definiti invalidi civili, ma potendo contare solo su benefici molto ridotti.

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: patologie connesse

In genere, comunque, la castrazione medica (asportazione dei testicoli, nella donna delle ovaie) avviene nei casi di patologie tumorali, come il tumore alla prostata.

L’asportazione dei testicoli comporta anche altre conseguenze, che dovrebbero forse spingere i medici a una valutazione diversa degli effetti invalidanti.

Eccole:

E come abbiamo accennato se la castrazione avviene prima dell’età dello sviluppo ha come conseguenza il mantenimento di un aspetto e una voce infantile, di una massa muscolare scarsa e poco tonica, di una capigliatura fluente (senza le tipiche stempiature maschili), di una pelle quasi ovunque glabra (senza peli), di un pene piccolo e poco sviluppato e di un atteggiamento spesso incline a essere remissivo.

Invalidità civile per deficit dell’apparato riproduttivo: tabella Inps

Ma vediamo nel dettaglio la tabella Inps con le percentuali di invalidità per le patologie che colpiscono l’apparato riproduttivo maschile:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1