Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Invalidità civile permanente, requisiti e benefici

Invalidità civile permanente, requisiti e benefici

Invalidità civile permanente, requisiti e benefici: vediamo quando si ha diritto al riconoscimento definitivo dell'invalidità per patologia o malattia professionale.

di The Wam

Gennaio 2022

Invalidità civile permanente, quando cioè non è più prevista per la conferma del riconoscimento una visita di revisione davanti alla Commissione medica. In questo articolo ci occupiamo in particolare della situazione di quanti, con una patologia generica o di origine professionale, non siano più in grado di lavorare e di conseguenza di produrre il reddito necessario per vivere. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Come sapete l’Inps interviene nei casi di malattia generica. Può erogare un assegno ordinario, la pensione di inabilità e una di invalidità. O anche agevolazioni, a partire dall’esenzione dal ticket, dal’Iva agevolata o da benefici sul lavoro.

L’Inail interviene invece a vantaggio di chi è rimasto invalido per una malattia che è direttamente connessa al lavoro. Ma a condizione che quella patologia sia inclusa nell’elenco che è stato previsto dall’Istituto.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Invalidità civile permanente: cos’è

Partiamo dal dato iniziale: cos’è l’invalidità permanente, in particolare quando il deficit è causato da una malattia o da un infortunio?

Come è facile intuire l’invalidità diventa permanente quando il danno è definitivo, irrimediabile. Quando cioè si è certi che quella invalidità avrà effetti continui sulla vita di un lavoratore escludendogli quindi la possibilità di svolgere qualsiasi attività.

Vediamo quali sono i trattamenti erogati dall’Inps per sostenere un lavoratore afflitto da una invalidità permanente.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Invalidità civile permanente: assegno ordinario per l’invalidità

Partiamo dall’assegno ordinario per invalidità, una misura che diventa pensione di invalidità quando il cittadino raggiunge i requisiti anagrafici della pensione di vecchiaia (67 anni).

L’assegno ordinario per invalidità viene riconosciuto ai lavoratori (dipendenti, autonomi o parasubordinati) che hanno subito in maniera permanente la riduzione a meno di un terzo della propria capacità lavorativa. Per i quali quindi, a causa di una patologia o di un difetto fisico, la commissione medica ha riconosciuto almeno il 74% di invalidità.

I requisiti per avere questa invalidità sono due:

Chi percepisce l’assegno ordinario per invalidità può continuare a lavorare, ma l’importo della prestazione sarà ridotto. In questi termini:

Invalidità civile permanente: pensione di inabilità

Una invalidità civile permanente può anche consentire di avere diritto alla pensione di inabilità.

Questo trattamento viene riconosciuto dall’Inps a chi ha il 100% di invalidità civile riconosciuta. È quindi un invalido totale.

Questi sono i requisiti:

Chi riceve la pensione di inabilità non può lavorare (è invalido totale) e deve rinunciare a una eventuale indennità di disoccupazione.

La pensione di inabilità non si trasforma in automatico in pensione di vecchiaia (come l’assegno ordinario per invalidità). È indispensabile presentare domanda dopo aver raggiunto i requisiti.

Questi trattamenti sono erogati dall’Inps.

Invalidità civile permanente: malattia professionale

L’Inail entra i gioco quando l’invalidità permanente è causata da una malattia professionale. Quando cioè la patologia è strettamente connessa al lavoro che ha svolto il cittadino riconosciuto invalido.

L’Inail riconosce l’invalidità per quelle malattie che sono inserite nell’elenco delle patologie professionali e degli infortuni da lavoro che sono inclusi nelle tabelle.

All’interno di queste tabelle troviamo:

Per confermare che una malattia può essere definita professionale bisogna avere:

Invalidità civile permanente: rendita Inail

La malattia da lavoro può insorgere anche dopo che l’invalido ha smesso quel tipo di attività.

Quando viene riconosciuta l’invalidità permanente per malattia professionale l’Inail può garantire al lavoratore una rendita diretta.

Ma serve:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1