Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile requisiti 2024

Invalidità civile requisiti 2024

Invalidità civile e requisiti: a chi spetta l’invalidità civile, quali sono le prestazioni e le agevolazioni associate in base al grado di invalidità e come fare domanda.

di Romina Cardia

Gennaio 2024

In questo approfondimento parliamo di invalidità civile e requisiti (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Invalidità civile e requisiti

Vediamo subito cosa è previsto in merito a invalidità civile e requisiti per l’anno 2024.

Individui con una limitazione fisica, psichica o sensoriale che comporta una riduzione permanente della capacità lavorativa, espressa in percentuale, di almeno un terzo (33%), possono richiedere il riconoscimento dell’invalidità civile.

Questa possibilità si estende anche ai minori con difficoltà persistenti nell’esecuzione delle attività proprie della loro età.

Gli individui ultrasessantacinquenni con persistenti difficoltà nell’adempimento dei compiti correlati all’età rientrano anch’essi nelle categorie considerate invalidi.

L’invalidità civile non copre coloro affetti da invalidità dovuta a cause lavorative, di guerra, o di servizio, né include ciechi e sordi, i quali godono di benefici specifici.

Inoltre, il riconoscimento dell’invalidità civile non richiede specifici requisiti contributivi, a differenza delle prestazioni pensionistiche per inabilità lavorativa o dell’Assegni ordinario di invalidità.

Questo beneficio è esteso non solo ai cittadini italiani, ma anche a rifugiati, apolidi, cittadini della Repubblica di San Marino, cittadini dell’Unione Europea, e stranieri con permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo, oltre a stranieri regolarmente soggiornanti con un permesso di almeno 1 anno.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Benefici con l’invalidità civile

A seconda della percentuale di invalidità civile riconosciuta o accertata dall’INPS, sono previsti vari benefici, tra cui prestazioni protesiche e ortopediche, iscrizione nelle liste speciali per il collocamento mirato, esenzione dal ticket sanitario, assegno mensile, pensione di inabilità, indennità di accompagnamento, indennità di frequenza, e assegno sociale.

Ecco perché richiedere l’Invalidità civile e quali agevolazioni spettano dopo il riconoscimento da parte dall’INPS.

Prestazioni economiche con l’invalidità civile

Assegno mensile, pensione di inabilità e indennità di accompagnamento

Ci sono diverse prestazioni economiche che possono essere erogate dall’INPS con il riconoscimento dell’invalidità civile, in base alla percentuale di invalidità riconosciuta.

L’assegno mensile per l’invalidità civile è destinato a coloro che rientrano nei seguenti requisiti:

L’assegno viene erogato per 13 mensilità ed è incompatibile con alcune altre prestazioni. L’importo per il 2024 è di 333,33 euro.

La pensione di inabilità è concessa a chi ha un’età compresa tra i 18 anni e l’età pensionabile, inabilità al lavoro totale e permanente del 100%, e un reddito entro i limiti stabiliti dalla legge (per il 2024 il limite è di 19.461,12 euro).

Anche questa pensione viene pagata per 13 mensilità e l’importo per il 2024 è di 333,33 euro.

L’indennità di accompagnamento è destinata agli invalidi civili totalmente inabili che richiedono assistenza continua. Questa indennità viene erogata per 12 mensilità e non dipende dal reddito o dall’età dell’invalido. L’importo per il 2024 è di 531,76 euro.

Invalidità civile lieve: vediamo cosa si intende per invalidità lieve, quale percentuale di invalidità prevede e a quali agevolazioni si ha diritto.

Indennità di frequenza: chi ne ha diritto

Sono previste inoltre prestazioni economiche per i minori disabili, fino al compimento del 18esimo anno di età.

L’indennità di frequenza è un beneficio economico finalizzato al sostegno dell’inserimento scolastico e sociale dei ragazzi con disabilità fino al compimento del 18° anno di età.

Chi può beneficiare di tale indennità deve presentare difficoltà persistenti nell’esecuzione dei compiti correlati all’età o avere una perdita uditiva superiore ai 60 decibel nell’orecchio migliore.

L’indennità è concessa durante il trattamento o la frequenza scolastica e può durare fino a un massimo di 12 mesi. L’importo per il 2024 è di 333,33 euro con un limite di reddito pari a 5.725,46 euro.

Scopri in cosa si trasforma l’indennità di frequenza a 18 anni.

Assegno sociale per gli invalidi civili in età pensionabile

Per gli invalidi civili che raggiungono l’età pensionabile, l’assegno sociale sostituisce la pensione di inabilità e l’assegno mensile.

Ecco qual è l’importo dell’Assegno Sociale 2024.

Agevolazioni lavorative

Collocamento mirato per disabili: Legge 68/99

Gli invalidi civili con un’invalidità superiore al 45%, i ciechi civili e i sordi possono accedere al collocamento mirato.

Questo programma mira ad assegnare impieghi compatibili con le necessità di salute e le capacità lavorative dei disabili.

L’accertamento delle condizioni di disabilità può avvenire insieme a quello dell’invalidità civile, cecità o sordità.

La procedura può essere effettuata anche tramite il verbale di riconoscimento dell’invalidità civile senza ulteriori certificazioni mediche.

Scopri se le persone disabili a cui è stata riconosciuta un’invalidità hanno l’obbligo di iscrizione al collocamento mirato.

invalidità civile e requisiti
Invalidità civile e requisiti. Nella foto: una donna in sedia a rotelle e un medico.

Come richiedere l’invalidità civile

Una volta chiarito cosa è previsto in merito a invalidità civile e requisiti, vediamo come richiedere l’accertamento dell’invalidità e quindi il riconoscimento.

Prima di presentare la domanda di invalidità civile, è necessario ottenere un certificato medico introduttivo compilato online da un medico abilitato.

La domanda può essere presentata online sul sito web INPS, accedendo con le proprie credenziali SPID, CIE o CNS, oppure da un CAF o da un patronato.

L’iter prevede una visita da parte di una Commissione medica ASL/INPS, che per i malati oncologici è effettuata entro 15 giorni dall’invio della domanda.

Alternativamente, è possibile utilizzare la visita agli atti, inviando la documentazione sanitaria tramite procedura informatica all’INPS.

La Commissione medica emetterà un verbale di invalidità basato sulla documentazione o, se insufficiente, convocherà l’interessato per una visita diretta. Al termine dell’iter, l’INPS invierà al richiedente il verbale relativo agli accertamenti.

L’invalidità civile per chi ha più di 65 anni è un percorso normativo che segue gli stessi principi delle richieste per situazioni di disabilità. Ecco chi ha diritto all’invalidità civile per anziani, come avviare la procedura e quali benefici vengono riconosciuti.

FAQ su invalidità civile e requisiti per agevolazioni nel 2024

Quali sono le novità INPS 2024 su pensioni e invalidità?

Le novità INPS del 2024 si concentrano sull’adeguamento dei trattamenti previdenziali e assistenziali, con una particolare attenzione alla rivalutazione delle pensioni. Viene introdotta una rivalutazione straordinaria del 2,7% per gli assegni non superiori al trattamento minimo e variazioni differenziate a seconda dell’importo della pensione.

Come influisce la rivalutazione 2024 sulle pensioni italiane?

La rivalutazione del 2024 influisce sulle pensioni italiane adeguando gli importi in base al costo della vita e all’inflazione. Per le pensioni fino a quattro volte il trattamento minimo, l’aumento è del 5,4%. Per importi superiori, la rivalutazione è progressivamente inferiore, variando in base alla fascia di appartenenza dell’assegno.

Quali pensioni sono escluse dalla rivalutazione 2024 dell’INPS?

Sono escluse dalla rivalutazione 2024 dell’INPS gli assegni straordinari a carico dei fondi di solidarietà, l’indennità mensile nel contratto di espansione, l’Ape sociale e l’isopensione. Queste prestazioni non vengono rivalutate per tutta la loro durata.

Quali aggiustamenti sono previsti per le prestazioni assistenziali nel 2024?

Nel 2024, gli aggiustamenti per le prestazioni assistenziali includono l’aumento dell’assegno sociale a 534,41 euro, del trattamento minimo FPLD a 598,61 euro, e dell’indennità di accompagnamento a 531,76 euro. Inoltre, le prestazioni per gli invalidi civili e di guerra vedono un incremento, con l’assegno mensile e la pensione di inabilità civile che raggiungono i 333,33 euro al mese e un aumento del 2,01% per le indennità e gli assegni accessori agli invalidi di guerra e del servizio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp