Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Invalidità civile respinta, come e quando fare ricorso

Invalidità civile respinta, come e quando fare ricorso

Invalidità civile respinta, come e quando fare ricorso, come funziona quello davanti al giudice o quello amministrativo, le differenze e come comportarsi.

di The Wam

Aprile 2022

Invalidità civile respinta, come e quando fare ricorso: vediamo cosa fare se la richiesta è stata rigettata o è stato riconosciuto un grado di invalidità troppo basso. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

È accaduto a tanti di vedere respinta la richiesta per il riconoscimento dell’invalidità civile, magari perché la commissione medico legale non conosceva la patologia (può accadere con le malattie rare) o le conseguenze dell’infermità sono state valutate con troppa superficialità, o ancora che la condizione di handicap o di invalidità sia stata sì riconosciuta, ma con un grado così basso da non aver diritto a nulla o quasi.

Niente arretrati per l’invalidità con domanda incompleta

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Invalidità civile respinta: cosa fare

In questi casi che bisogna fare? Accettare il giudizio trascritto sul verbale e continuare ad andare avanti o impugnarlo entro sei mesi e chiedere il responso al giudice?

Se ritenete di essere nel giusto e che quindi la valutazione medico legale non corrisponda alla vostra condizione fisica fate bene a ricorrere alla via giudiziale.

In quel caso la prima cosa da fare è proporre al giudice una richiesta di accertamento tecnico preventivo, si tratta di una valutazione preliminare delle condizioni mediche di chi fa ricorso. In questo modo sarà possibile accertare subito se la questione medico legale sia fondata.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Invalidità civile respinta: condizioni preliminari

Prima di proporre l’istanza è opportuno accertarsi di queste condizioni:

Invalidità civile e diritto al posto di lavoro (sentenze)

Insomma, se si affronta la via giudiziale bisogna essere pronti e avere una discreta certezza che l’azione andrà a buon fine. Necessario dunque essere pronti.

A questo punto potete scegliere ancora una strada diversa da quella del tribunale: presentare di nuovo la domanda e affrontare, magari con una documentazione più ricca, l’esame della commissione medica.

Invalidità civile respinta: due strade

Se invece ritenete che la via giudiziale abbia maggiori possibilità di successo, avete due possibili forme di tutela:

Invalidità civile respinta: ricorso in tribunale

Partiamo dal ricorso giurisdizionale, quello che riguarda, come detto, il giudizio sanitario espresso dalla commissione medico legale. I tempi li abbiamo accennati, non oltre i sei mesi dalla notifica del verbale sanitario. Se si supera quel termine niente ricorso, è possibile solo presentare una nuova domanda.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Prima di dare il via al contenzione è indispensabile l’accertamento tecnico preventivo (Atp). È necessaria l’assistenza di un avvocato che abbia esperienza in diritto previdenziale.

La richiesta deve contenere:

L’accertamento viene affidato dal giudice che si occupa del caso, ad occuparsene è un consulente tecnico d’ufficio (Ctu). Ad affiancarlo anche un medico legale dell’Inps.

Terminata la consulenza il giudice fissa un termine (non oltre i 30 giorni), entro quel limite temporale le parti (chi ha presentato ricorso e l’Inps) dovranno decidere se accettare le conclusioni del consulente o contestarle.

Se non ci sono contestazioni, il giudice prepara il decreto di omologazione dell’accertamento (che non è più impugnabile). Se una delle parti non si ritiene soddisfatta, si apre il giudizio con il deposito del ricorso introduttivo dove devono essere indicati i motivi della contestazione.

Leggi sull’invalidità civile: guida riassuntiva

Il tempo complessivo di questa procedura può variare tra i 3 e i 5 mesi. Ma non sarebbe sorprendente se si andasse anche oltre.

Se il Ctu e la successiva omologazione danno ragione a chi presenta il ricorso, l’Inps dovrà pagare le prestazioni entro i successivi 120 giorni.

Invalidità civile respinta: ricorso amministrativo

Il ricorso amministrativo riguarda invece solo i casi nei quali l’Inps ha rigettato o revocato dei benefici economici (e non dunque quelli sanitari).

Il ricorso amministrativo può essere presentato solo per via telematica. Due sono le strade possibili:

Invalidità civile respinta: tutte le fasi del ricorso

E dunque, riassumendo, queste sono le fasi del ricorso giudiziale:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1