Inquinamento fiumi – La schiuma avanza. Mazza: è tutto come prima

1' di lettura

L’Irpinia è inquinata e i fiumi sono in sofferenza, a rischio sopravvivenza. A denunciarlo come sempre è il comitato Salviamo la valle del Sabato. Franco Mazza, presidente dell’associazione ambientalista, mostra le condizioni delle acque a Prata nella zona del vecchio mulino.

“La situazione è sempre la stessa di un mese fa. Qui c’è la solita puzza di scarichi. Si vedono in superficie le schiume. Non è cambiato nulla”, denuncia Mazza.

Il prefetto si attiva

Ieri mattina il prefetto di Avellino, Maria Tirone, ha riunito un vertice per la condizione delle acque in Campania. Al tavolo vari sindaci irpini, l’Asl, Arpac, Asi e Confindustria.

Si è deciso di potenziare le strategie di controllo degli scarichi nelle acque territoriali. Nei prossimi giorni la Provincia solleciterà poi la Regione Campania affinché si rediga il piano per la tutela delle acque e si finanzi la costruzione e il potenziamento di nuovi impianti di depurazione.

Dal vertice è anche emersa la voglia di sensibilizzare tutte le scuole della provincia sulla tematica ambientale con delle iniziative ad hoc.

La riunione è stata sollecitata anche dal comitato “Salviamo la valle del Sabato”, lo scorso 22 luglio. Sulla questione Mazza ha dichiarato: “Nonostante abbiamo sollecitato noi il tavolo, non sappiamo nulla. Aspettiamo da ieri notizie da qualcuno di cosa si è deciso nella riunione con il Prefetto. Nessun sindaco e nessun ente che ieri era presente ha provveduto a farci sapere qualcosa”, conclude Mazza.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!