Irpinia, giornalista minacciata di morte: “E’ venuto a casa mia”

Irpinia, giornalista minacciata di morte:
3' di lettura

“Sei tu la giornalista Barbara Ciarcia?”.

E l’ha minacciata di morte. Dopo averla raggiunta sotto casa a Castel Del Lago, frazione di Venticano in provincia di Avellino. Sapeva dove abitava e voleva fargliela pagare. Quegli articoli lo avevano fatto arrabbiare, lei non doveva permettersi di parlare di lui in quel modo.

“Attenta a quello che scrivi. O sarà l’ultima volta che scrivi”. La collega de Il Mattino, Barbara Ciarcia, è finita nel mirino di un pregiudicato irpino e di due cittadini stranieri, un romeno e un polacco. Arrestati nel pomeriggio a Mirabella Eclano.

Raggiunta a telefono da The Wam, Barbara Ciarcia racconta: “Alle 15.30 quell’uomo, che conoscevo di nome perché protagonista di fatti di cronaca, si è presentato sotto casa mia a Castel del Lago. E dopo aver avuto la conferma che ero Barbara Ciarcia, mi ha minacciata di morte. Mi ha detto di stare attenta a quello che scrivevo o l’avrei pagata cara. E ha minacciato anche la mia famiglia”.

Poi l’uomo è andato via. Il pregiudicato è già noto per episodi di aggressione e rissa.

La giornalista non ha esitato un attimo a chiamare i carabinieri e a denunciare l’episodio. Un identikit dettagliato ha fatto il resto.

I militari della compagnia di Mirabella Eclano, guidati dal capitano Domenico Signa, hanno subito fatto scattare le ricerche. E individuato l’auto del pregiudicato e due complici nei pressi di Mirabella Eclano. Ne è nato un inseguimento fra le strade della città del Carro. Solo il caso ha evitato un grave incidente.

Alla fine i tre uomini sono stati fermati dai carabinieri.

“E’ un episodio grave, gravissimo – ci dice la Ciarcia – ma non ci penso a farmi intimidire. Certo, in quei momenti ho avuto paura. Vedermi arrivare quell’uomo sotto casa e poi le sue minacce di morte. Credo che avrebbero scosso chiunque”.

Ma lei ha deciso di denunciare tutto. Sono già decine i messaggi di solidarietà arrivati alla giornalista de Il Mattino.

“Il procuratore presso il tribunale di Avellino, Rosario Cantelmo, mi ha chiamato personalmente e rassicurato. E ho avuto attestati di vicinanza anche da carabinieri, questura e guardia di finanza. Oltre che dai colleghi e dal Prefetto di Avellino, Maria Tirone”.

Anche l’Ordine dei giornalisti della Campania, guidato da Ottavio Lucarelli, ha diramato una nota. Si legge: «L’Ordine dei giornalisti della Campania è al fianco della collega irpina Barbara Ciarcia dopo le minacce subite oggi davanti alla sua abitazione. Ringraziamo i carabinieri per il tempestivo intervento – si legge nella nota – Le gravi minacce non fermeranno la collega Ciarcia, impegnata quotidianamente per raccontare la cronaca della provincia irpina».

Anche il Sugc e l’Unione cronisti hanno manifestato la loro vicinanza.

“È importante che le forze dell’ordine adesso garantiscano la sicurezza di Barbara perché possa continuare a fare il proprio lavoro di cronista senza timore. Il nostro compito adesso è quello di non farla sentire isolata, di illuminare i territori e le storie che lei ha raccontato e, se ci sarà un processo contro i suoi aggressori, ci costituiremo parte civile”, affermano il segretario del SUGC, Claudio Silvestri, e il presidente dell’Unione cronisti campani, Sandro Ruotolo.

Anche la redazione di The Wam esprime tutta la sua solidarietà alla collega.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie