Irpinia, in carcere da innocente: risarcito dopo anni

Irpinia, in carcere da innocente: risarcito dopo anni
1' di lettura

In carcere da innocente, ora sarà risarcito. La decisione dell’ottava sezione della Corte d’Appello di Napoli per il 48enne, Raffaele Lo Conte, di Ariano Irpino. L’ingiusta detenzione è successiva a un’inchiesta di droga del 2009. Quando Lo Conte è stato arrestato con l’accusa di aver concorso allo spaccio di eroina, hashish e crack fra Ariano Irpino e dintorni.

I magistrati hanno accolto l’istanza presentata dall’avvocato Luca Russo. Il legale ha ripercorso la vicenda processuale vissuta da Loconte. Nel luglio 2019 il tribunale del Riesame aveva scarcerato l’imputato non rilevando i gravi indizi di colpevolezza. Un primo risultato che è stato ideale preludio dell’esito del processo di primo grado. Nel 2015 Loconte, sei anni dopo l’arresto, è stato assolto perché il fatto non sussiste. Una sentenza in cui si chiariva come, nonostante le intercettazioni, non si potesse addebitare all’imputato una partecipazione attiva nell’attività di spaccio. La Procura non ha impugnato la decisione. Così è iniziata una nuova battaglia legale. L’istanza di risarcimento ora è stata accolta dai giudici Rosa Maria Caturano, Carlo Alifano e Mario Roberto Gaudio. Lo Conte è stato risarcito.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie