Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / ISEE 2024 e documenti

ISEE 2024 e documenti

Come richiedere l'ISEE 2024 e documenti necessari.

di Alda Moleti

Gennaio 2024

In questo articolo parleremo di ISEE 2024 e documenti e vedremo qual è la procedura per compilare la DSU aggiornata (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come richiedere l’ISEE 2024

Per richiedere e aggiornare l’ISEE nel 2024 è necessario compilare un modulo chiamato DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) e inviarlo all’INPS. Nello specifico nella DSU vanno indicati i dati relativi alla composizione del nucleo familiare, al reddito, al patrimonio immobiliare e al patrimonio mobiliare.

La DSU in pratica è un modulo di auto-dichiarazione in cui il contribuente fornisce informazioni sulla propria situazione economica. L’INPS utilizza poi queste informazioni per calcolare l’ISEE.

L’ISEE è infatti proprio il certificato che si ottiene dopo la compilazione della DSU, necessario per accedere a bonus e agevolazioni.

Nel 2024 esistono diverse tipologie di dichiarazione ISEE. Ad esempio, per richiedere bonus o agevolazioni legate a un ISEE basso, generalmente si richiede un ISEE ordinario. Diversamente, le iscrizioni universitarie richiedono il calcolo dell’ISEE universitario.

Per quanto riguarda i tempi di validità dell’ISEE, la richiesta può essere effettuata in qualsiasi momento, ma l’ISEE resta valido solo fino alla fine dell’anno solare in corso. Ad esempio, un ISEE presentato nel 2023 è scaduto il 31 dicembre dello stesso anno.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Quali documenti servono per richiedere l’ISEE 2024?

Per compilare la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) al fine di ottenere l’ISEE 2024 e richiedere bonus e agevolazioni è necessario disporre di specifiche informazioni e documenti. Vediamo l’elenco completo dei documenti necessari per compilare la DSU e richiedere l’ISEE 2024.

Documenti che attestano la situazione del nucleo familiare

Documenti per calcolare il patrimonio immobiliare

Documenti per calcolare la situazione reddituale

Documenti per calcolare il patrimonio mobiliare

ISEE-2024-e-documenti-INPS
In Foto uno screenshot della pagina del sito INPS dedicata all’ISEE precompilato.

Come compilare la DSU online per ottenere l’ISEE 2024

La compilazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) per ottenere l’ISEE può essere fatta personalmente o tramite intermediari come Caf e patronati.

L’INPS ha infatti introdotto il servizio di ISEE precompilato per semplificare il processo di compilazione e l’invio della DSU in autonomia. In questa modalità, la dichiarazione viene precompilata con dati raccolti dai database dell’INPS e dall’Agenzia delle Entrate.

Per utilizzare il servizio di ISEE precompilato e compilare la DSU autonomamente, si può fare riferimento alla video-guida ufficiale dell’INPS.

Per iniziare è necessario visitare il sito dell’INPS alla pagina specifica del servizio ISEE precompilato, cliccare su “Autorizza la precompilazione” e successivamente su “vai ad Autorizza“. Quindi, bisogna autenticarsi con SPID, CIE (Carta d’Identità Elettronica) o CNS.

Ad ogni modo, è comunque importante verificare che i dati nella DSU precompilata siano corretti prima di inviarla all’INPS. L’INPS, a seguito dell’invio, rilascerà l’ISEE entro 10 giorni.

Altri modi per richiedere l’ISEE 2024

Se si preferisce non utilizzare il servizio ISEE precompilato è possibile avvalersi dei servizi di Caf, Patronati o anche di un commercialista per la compilazione della DSU. In questo caso, bisogna recarsi presso uno di questi enti o professionisti, portando con sé tutti i documenti necessari precedentemente menzionati.

Una volta che la DSU è stata inviata tramite uno di questi intermediari è comunque possibile accedere sia alla dichiarazione stessa che all’ISEE in formato PDF. Basta infatti accedere autonomamente al portale Prestazioni e Servizi dell’INPS o scaricare l’app INPS Mobile, disponibile per dispositivi Apple e anche per quelli con sistema operativo Android.

FAQ: domande frequenti sull’ISEE

Che cosa viene considerato nell’ISEE?

Vengono considerati i redditi di varia natura e tutte le prestazioni monetarie erogate dallo Stato o da enti pubblici con finalità assistenziale anche se sono esenti da tassazione. Sono escluse le prestazioni assistenziali o previdenziali erogate per disabilità. Viene poi sommato il 20% del patrimonio mobiliare o immobiliare. Sono previste alcune franchigie e detrazioni. La somma viene poi divisa per parametri diversi a seconda della composizione del nucleo familiare.

Nell’ISEE sono conteggiate anche le pensioni e l’indennità di accompagnamento?

No. Dopo le più recenti sentenze e modifiche legislative non vengono più conteggiate.

Vengono conteggiati anche gli eventuali ausili concessi alle persone con disabilità?

Assolutamente no. Si tratta di una ipotesi destituita da ogni fondamento.

Sono previste agevolazioni per le persone con disabilità?

Dopo le più recenti Sentenze e modifiche legislative viene prevista una maggiorazione dello 0,5 nei parametri della scala di equivalenza per ogni persona con disabilità presente nel nucleo.

Si potrà ancora richiedere, almeno in alcuni casi, l’applicazione dell’ISEE personale anziché quello familiare?

No, l’ISEE familiare o (estratto), previsto molto confusamente dalla normativa precedente non esiste più. Solo per le prestazioni sociosanitarie agevolate è previsto di far riferimento, per i disabili maggiorenni, ad un nucleo familiare più “ristretto” e cioè al solo coniuge e ai figli. Nel caso questi non siano presenti, si conteggia il solo beneficiario. Ne beneficiano i disabili maggiorenni non coniugati e/o senza figli.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp