Italia, la nazionale alla conquista della Nations League

Con la vittoria sulla Polonia, l’Italia è in testa alla classifica del girone: la qualificazione alla fase finale di Nations League e l’organizzazione delle Final Four è a un passo. Decisiva la sfida di mercoledì contro la Bosnia ma in caso di mancata vittoria, tutto dipenderà dal risultato di Polonia-Olanda.

Italia, la nazionale alla conquista della Nations League
La nazionale italiana di calcio si avvia verso le Final Four della Nations League.
2' di lettura

Imbattuta da oltre due anni – a settembre 2018 perse in casa del Portogallo – la nazionale italiana è capace di cambiare uomini e pure allenatore senza che il risultato ne venga intaccato. Gli italiani si sono fatti «la bocca buona» con questa Italia, apprezzata per lo spirito e per l’intensità messa in ogni partita, ma anche per il cinismo ritrovato, un bel gioco e una compattezza difensiva che fa la differenza.

Il test contro la Polonia era da non fallire, per la classifica e per l’autostima. Intanto due gol non li aveva mai segnati in una sola gara di Nations League. L’aspetto che sorprende è che un’Italia parzialmente di scorta per i molti contrattempi, tra virus, tamponi e infortuni, peraltro telecomandata a distanza da un Roberto Mancini in smart working a dare indicazioni al vice Evani, sia stata capace di giocare una gara al limite della perfezione.

Italia, Roberto Mancini allenatore della nazionale
Roberto Mancini, allenatore dell’Italia in nazionale. Qui indossa la tuta dello Zenit di San Pietroburgo, dove ha è stato allenatore.

Italia pronta a ospitare le Final Four

La nazionale resta imbattuta e prima con 9 punti: se l’Italia mercoledì a Sarajevo batterà la Bosnia Erzegovina nell’ultima partita dell’anno, in coda al girone con 2 punti, potrà organizzare le «Final Four» di Nations League.

C’è già il programma di ottobre 2021 (si giocherà a Milano e a Torino), con le semifinali fissate il 6 e 7 e la finale il 10 ottobre a Torino. In caso di mancato successo, bisognerà attendere il risultato di Polonia-Olanda e sperare che l’Olanda non superi la Polonia. Intanto, ci saranno gli Europei da giocare a giugno mentre a marzo saranno iniziatele qualificazioni al Mondiale, per le quali gli azzurri sono già teste di serie.

La chiave: la difesa

Sei gol segnati e nessuno subito nelle ultime due partite, mentre nelle 5 partite di Nations League l’Italia ha subito soltanto due gol. Con l’arrivo di Roberto Mancini la mentalità della nazionale è cambiata, ma lo spirito difensivo sembra comunque rimasto ben saldo all’interno di quella che è l’essenza del calcio azzurro.

Un calcio più propositivo e divertente ma anche una solidità difensiva (con il ritorno della linea a quattro), nonostante un possesso palla più verticale e un gioco sulle fasce prettamente offensivo. Ciò non è andato però ad intaccare il meccanismo difensivo, che sembra addirittura migliorato.

Nove difensori hanno partecipato alle partite di Nations League, tre (Calabria, Di Lorenzo e Romagnoli) provati nelle amichevoli. Insomma, diversi interpreti, nessuno insostituibile, un solo pilastro, Bonucci, con quattro gare su cinque, ma sempre lo stesso risultato: una compattezza difensiva che è diventata l’arma più importante a disposizione della nazionale azzurra.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie