Italia in zona bianca entro la fine di giugno

4' di lettura

L’Italia tutta in zona bianca entro fine giugno. Non è un augurio, ma la previsione formulata dagli esperti che collaborano con il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Perché i tecnici del governo sono così ottimisti? Un semplice calcolo: la percentuale di italiani immunizzati è già vicina al 40%. Quasi la metà.

Perché tanti immunizzati?

Come si arriva a questa cifra? Piuttosto semplice: il 32% degli italiani ha già ricevuto la prima dose e come sapete la protezione (vicina all’80%) inizia dopo due settimane.

A queste persone vanno aggiunti gli altri immunizzati: i 3.7 milioni di italiani che hanno avuto e superato l’infezione da covid.

C’è poi un numero imprecisato di italiani che hanno avuto la forma asintomatica dell’infezione e non se ne sono accorti.

Insomma, sommando tutti questi dati si tocca la soglia dei 40%. Non è poco, ma è abbastanza per affrontare senza ansia questa nuova e benefica (non solo per l’economia), ondata di aperture e di suggerire che i casi di infezione continueranno a calare in tutta la penisola portando tutte le regioni nella zona bianca del quasi ritorno alla normalità (ma con mascherine al chiuso e distanze).

Coprifuoco alle 23

A proposito di aperture, da oggi il coprifuoco slitta alle 23. Nei primi giorni di giugno passerà alle 24 per poi sparire prima della fine del mese.

Il nuovo decreto del governo

Graduale ma inesorabile, si spera.

Da lunedì prossimo si potrà tornare in palestra. E dal 15 giugno, via a parchi tematici e ristoranti al chiuso, anche la sera.

Ma il prossimo mese è previsto anche un nuovo decreto, potrebbe sancire anche altre riaperture. Dipenderà dai numeri, ma le prospettive sono positive.

Italia entro giugno tutto bianca?

Quindi a fine giugno tutta l’Italia sarà in zona bianca? Possibile. Ma qualche macchia gialla potrebbe restare. Su questo – è chiaro – difficile avere certezze.

Ma basterà guardare pochi dati per capire. Due su tutti: l’indice Rt ospedaliero (il numero di ricoverati nei reparti e nelle terapie intensive), e due settimane con meno di 50 casi ogni 100.000 abitanti.

In zona bianca niente coprifuoco

Due settimane, anche per questo alcune regioni potrebbero passare in zona bianca nelle prime settimane di luglio. Ma una buona parte sarà in bianco prima dell’inizio della vera stagione estiva.

Qui trovi tutte le notizie su covid, vaccinazioni e ordinanze

È una buona notizia. Non ci sarà il coprifuoco e le libertà individuali saranno molte di più rispetto a quelle previste ora dal governo.

Una situazione molto prossima alla normalità. Qualche mese fa sarebbe stato più difficile sperarci.

Le regioni sicure della zona bianca

Dal primo giugno passeranno in zona bianca Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna.

Il 7 giugno sarà la volta di Abruzzo, Veneto e Liguria.

Ma sui blocchi di partenza per raggiungere la zona bianca ci sono anche Lazio ed Emilia Romagna (potrebbero passare il 14 giugno).

Poi via via tutte le altre.

Le regioni che sono più in ritardo

Ci sono comunque altre regioni che dovranno sudarsela la zona bianca. I casi ogni 100.000 abitanti sono ancora lontani dalla soglia dei 50.

La Val d’Aosta è quella più distante dal traguardo.

Alto anche il valore della Campania (146).

Dovrà incidere ancora di più sul numero dei contagi la Basilicata (120).

Distanti dalla zona bianca la Puglia (117) e la Calabria (112).

Quasi tutto il sud. Probabilmente sarà l’ultima parte d’Italia a “liberarsi”.

Il Veneto è a 55 (molto vicina alla soglia dei 50), il Lazio oscilla tra 60 e 70 (quasi ci siamo).

L’indice nazionale

Il livello nazionale di incidenza è a 96, comunque in discesa.

Questi numeri sono destinati a calare ancora con l’avanzare della campagna vaccinale.

Forse è inutile dirlo, ma la campagna vaccinale è stata più determinante dei lockdown.

Intanto gli esperti hanno alzato a 9 mesi il periodo sicuro di immunizzazione garantito dai vaccini.

Tra 9 mesi si vedrà.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie