Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro » Pensioni » Previdenza e Invalidità / Lavorare con l’Ape sociale riduce la somma?

Lavorare con l’Ape sociale riduce la somma?

Lavorare con l'Ape Sociale riduce l'importo? La prestazione è compatibile con il lavoro? Vediamo cosa dice la legge in merito.

di Carmine Roca

Maggio 2023

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo? Scopriamolo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo?

L’Ape Sociale è l’anticipo pensionistico che accompagna i lavoratori, appartenenti a determinate categorie tutelate dallo Stato, verso la pensione di vecchiaia.

Si può accedere all’Ape Sociale se si è disoccupati, caregiver da almeno 6 mesi, invalidi dal 74% a salire o impiegati in lavori gravosi, al compimento dei 63 anni di età, con un’anzianità contributiva compresa tra i 30 e i 36 anni, a seconda della categoria.

Ogni mese, l’INPS eroga un assegno di importo pari al valore della pensione maturata al momento della presentazione della domanda. In ogni caso non potrà mai superare i 1.500 euro lordi al mese.

Con l’Ape Sociale si può lavorare? E, soprattutto, lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo dell’assegno?

Scopri la pagina dedicata all’Ape Sociale per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Rispondiamo alle domande: sì, con l’Ape Sociale si può lavorare, ma per richiedere la misura è necessario cessare la propria attività lavorativa. Soltanto dopo aver avuto accesso alla prestazione sarà possibile riprendere a lavorare.

Ma, attenzione: chi riprende a lavorare con l’Ape Sociale non può superare i limiti di reddito imposti dalla legge. In caso contrario, lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo? No, si perde direttamente il diritto alla prestazione.

Dunque, la possibilità di lavorare con l’Ape Sociale non è negata, ma si possono cumulare i redditi da lavoro con il reddito derivante dall’indennità percepita soltanto se il reddito da lavoro è inferiore a 8.000 euro annui, in caso di lavoro dipendente e inferiore a 4.800 euro annui, in caso di lavoro autonomo.

È l’articolo 8 della Legge 232 del 2016 a confermarlo: “L’APE sociale è compatibile con lo svolgimento di attività di lavoro dipendente o da collaborazione coordinata e continuativa che danno titolo ad un reddito annuo non superiore a 8.000 euro e con lo svolgimento di attività di lavoro autonomo che dà titolo ad un reddito annuo non superiore a 4.800 euro al lordo delle imposte e dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dal lavoratore. In caso di superamento di tali limiti annui, l’APE sociale percepita nel corso dello stesso anno diviene indebita e l’INPS procede al recupero del relativo importo.

Ricordiamo anche, che – come spiegato dalle FAQ dell’INPSnon è possibile riprendere a lavorare prima di aver iniziato a percepire l’Ape Sociale. Se si è in attesa della risposta dell’INPS, dopo aver presentato domanda, sarà negata la possibilità di avviare una nuova attività lavorativa. Il diritto scatta soltanto dopo aver iniziato a percepire l’Ape Sociale.

Secondo l’istituto previdenziale, “il soggetto deve conservare lo status di disoccupato. Un’eventuale rioccupazione pregiudicherebbe il conseguimento del diritto all’Ape Sociale”.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo: a chi spetta l’Ape Sociale

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo? Abbiamo visto che non è prevista la riduzione dell’importo della prestazione, perché scatta direttamente la revoca del diritto.

Vediamo ora cosa sapere sull’Ape Sociale, a iniziare dalle categorie di beneficiari:

Le donne possono beneficiare di una riduzione dell’anzianità contributiva, di un anno per ogni figlio, fino a un massimo di 2 anni. Dunque, possono accedere all’Ape Sociale con 28, 30 o 34 anni di contributi, anziché con 30, 32 o 36 anni.

Lavorare con l'Ape Sociale riduce l'importo
Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo: in foto un anziano con un tablet.

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo: domanda per l’Ape Sociale

Lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo? La domanda per l’Ape Sociale va inoltrata entro il 31 marzo 2023. Il richiedente è chiamato a consegnare la richiesta di certificazione dei requisiti, propedeutica all’accesso alla prestazione.

Chi, in possesso dei requisiti richiesti, dovesse aver saltato la prima scadenza, può inoltrare domanda entro il 15 luglio. Oltre questa data, qualsiasi domanda presentata entro il 30 novembre verrà presa in considerazione soltanto se rimangono a disposizione le risorse economiche assegnate all’Ape Sociale.

La domanda va inoltrata direttamente all’INPS, in via telematica, accedendo al sito dell’istituto, cliccando su “Prestazioni e servizi”, inserendo una delle vostre credenziali (SPID, CIE o CNS) e poi seguendo questo percorso: “Ape Sociale – Anticipo Pensionistico” e “Accedi al servizio”.

In alternativa è possibile richiedere assistenza presso patronati o Caf abilitati.

Abbiamo visto se lavorare con l’Ape Sociale riduce l’importo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp