Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Lavoro / Un lavoratore disabile può avere un periodo di prova?

Un lavoratore disabile può avere un periodo di prova?

Un lavoratore disabile può avere un periodo di prova? Vediamo cosa dice la legge e quali sono le condizioni.

di The Wam

Giugno 2022

Un lavoratore disabile può avere un periodo di prova? Ci chiediamo se l’assunzione di un portatore di handicap può prevedere un patto di prova o se invece l’appartenere a una categoria protetta esclude questa possibilità. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Lavoratore disabile e periodo di prova

Diciamolo subito: la legge prevede che anche per i lavoratori con disabilità assunti tramite il collocamento mirato si possa prevedere un periodo di prova. Anzi, per dirla tutta, questo periodo di prova potrebbe anche essere più lungo rispetto a quello che viene in genere previsto dai contratti nazionali di lavoro. (lavoro e invalidità: orario ridotto per il lavoratore disabile)

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Lavoratore disabile, periodo di prova: condizioni

L’azienda può imporre questo periodo di prova, ma deve rispettare determinate condizioni. Una in particolare: l’eventuale esito negativo del periodo di prova non deve essere connesso alla disabilità del dipendente.

In pratica: le eventuali ragioni del “no” all’assunzione dopo la “prova” devono riferirsi a ragioni che siano del tutto estranee alla menomazione. In caso contrario siamo di fronte a una palese discriminazione.

Per spiegarci meglio: non deve essere la disabilità del lavoratore a comportare la risoluzione del contratto.

Scopri la pagina dedicata all’invalidità civile e ai diritti e le agevolazioni collegati.

Anche perché il tipo di disabilità era nota al titolare dell’azienda ancora prima che si avviasse qualsiasi rapporto ed erano quindi anche evidenti le mansioni che il lavoratore avrebbe potuto svolgere all’interno dell’organizzazione lavorativa.

Consentendo, anzi estendendo, il periodo di prova per un dipendente con disabilità, la legge offre al datore di lavoro la possibilità di valutare con attenzione le capacità del dipendente. Ma deve essere tenuta presente anche la condizione del lavoratore. (Lavoro e invalidità, come funziona con i concorsi pubblici).

Per dire: non si può ritenere inadatto un dipendente con disabilità che ha difficoltà a deambulare solo perché non può svolgere una mansione che richiede una costante mobilità all’interno dell’azienda. Nel senso: quella ridotta capacità era evidente ed è legata proprio alla sua menomazione.

Lavoratore disabile, periodo di prova: retribuzione

Ovviamente durante il periodo di prova il lavoratore con disabilità ha diritto alla regolare retribuzione (maturando anche il tfr). Rispetto all’assunzione definitiva (a tempo determinato o indeterminato), entrambe le parti possono recedere il contratto senza motivazione e senza preavviso. In questo caso dunque non sono valide le norme che regolano il licenziamento per giusta causa, giustificato motivo e chiaramente anche le dimissioni.

Lavoratore disabile, periodo di prova: garanzie

Per i lavoratori con disabilità sono state disposte comunque anche altre garanzie, sono queste:

Lavoratore disabile, periodo di prova: relazione scritta

In caso di recesso il datore di lavoro ha l’obbligo di motivare con una relazione scritta le ragioni che lo hanno portato a dare un esito negativo alla messa in prova del lavoratore con disabilità.

La relazione scritta è un documento che nel caso ci fosse una contestazione da parte del dipendente potrebbe consentire a un giudice di valutare l’eventuale correttezza da parte del titolare dell’azienda.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

E anche accertarsi se – e purtroppo capita – lo strumento della messa alla prova non sia stato che un espediente per aggirare la normativa sul collocamento obbligatorio.

Ma del resto anche il lavoratore invalido, nel caso si arrivasse a una contestazione davanti al giudice, ha l’obbligo di dimostrare che il rigetto da parte del datore di lavoro sia stato discriminatorio, ovvero che fosse incentrato in particolare sulla incompatibilità tra la sua disabilità e la mansione che gli era stata richiesta.

Lavoratore disabile, periodo di prova: Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale (sentenza numero 255 del 1989) ha stabilito che la messa alla prova nell’ambito del collocamento mirato, è ammessa perché la fonte del rapporto di lavoro si applica nel contratto privato di assunzione e non nell’atto dell’avviamento al lavoro.

Ma, come detto, sono obbligatorie queste tre condizioni:

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1