Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Edilizia / Lavori di manutenzione straordinaria: ecco quali sono

Lavori di manutenzione straordinaria: ecco quali sono

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria. Scopri nell'approfondimento quali sono gli interventi inclusi nella manutenzione straordinaria e quali sono, a tal proposito, le agevolazioni attive nel 2023.

di Imma Duni

Aprile 2023

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria. Scopri nell’approfondimento quali sono gli interventi inclusi nella manutenzione straordinaria e quali sono, a tal proposito, le agevolazioni attive nel 2023. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria: ecco l’elenco

Conoscere la differenza tra i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria è fondamentale per richiedere i permessi edilizi giusti e le agevolazioni adatte.

I lavori che rientrano nelle opere di manutenzione straordinaria hanno la caratteristica dell’eccezionalità, possono riguardare la struttura dell’edificio, gli impianti, i serramenti, i servizi igienici.

L’obbiettivo di questi lavori è il ripristino, la conservazione o il miglioramento della struttura dell’edificio.

Questi lavori devono essere sempre autorizzati dall’amministrazione comunale.

Lavori manutenzione straordinaria sono:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Geometra Danilo Torresi

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria: quali sono le agevolazioni attive nel 2023

L’Ecobonus è stato ideato per rilanciare il settore dell’edilizia, per rendere le abitazioni più efficienti e per impattare meno sull’ambiente e sulle tasche degli italiani.

Le spese ammesse per questo Bonus sono:

Il risparmio si ottiene grazie alla detrazione fiscale nella Dichiarazione dei redditi. Questo avverrà per un numero di anni sufficienti a coprire in maniera totale o parziale l’importo dei lavori.

Le misure adottate, infatti, prevedono agevolazioni pari al:

L’Ecobonus non può essere richiesto per nuove costruzioni né per nuove installazioni, ma solo per edifici già esistenti e scadrà il 31 dicembre 2025, salvo ulteriori proroghe.

C’è anche il Bonus ristrutturazione 2023 è un beneficio economico che consiste nella detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per ristrutturare un edificio.

Il tetto massimo della spesa è 96 mila euro. Questo tipo di Bonus si può avere anche con lo sconto in fattura.

La detrazione del 50% per il Bonus ristrutturazione 2023 riguarda i seguenti lavori:

Infine c’è il Superbonus.

Sono ammessi i cosiddetti interventi principali, ovvero lavori trainanti:

Ammessi anche i lavori trainati, tra i quali ci sono:

Per sapere i dettagli del Superbonus, clicca su questo articolo dettagliato.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria
Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria. In foto operai durante una ristrutturazione di una casa.

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria: quali sono i permessi da richiedere

Per i lavori di manutenzione straordinaria servono i permessi comunali appositi, SCIA o permesso di costruire.

La SCIA deve essere presentata ogni volta che si intende iniziare dei lavori edilizi, urbanistici o di impatto ambientale, salvo i casi di esclusione stabiliti dalla normativa.

La SCIA, la Segnalazione certificata di inizio attività è necessaria in questi casi:

La SCIA è un documento diverso dal Permesso di Costruire e dalla CILA, che sono indispensabili, invece, nel caso di nuove costruzioni e interventi non strutturali sugli edifici.

Il Permesso di costruire è necessario quando:

Il permesso di costruire serve per garantire che i lavori edilizi vengano svolti in modo regolare e conforme alle norme di sicurezza e urbanistiche e che non derivino danni a cose o persone.

Abbiamo visto quali sono i lavori di manutenzione straordinaria, le agevolazioni e i permessi da richiedere.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp