Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Lavoro / Lavoro e invalidità, cos’è l’accomodamento ragionevole

Lavoro e invalidità, cos’è l’accomodamento ragionevole

Lavoro e invalidità, cos'è l'accomodamento ragionevole e come tutela i dipendenti che hanno una disabilità.

di The Wam

Giugno 2022

Lavoro e invalidità, cos’è l’accomodamento ragionevole? Per i lavoratori con disabilità è importante conoscere questa normativa. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

L’accomodamento ragionevole è una parte importante della Direttiva numero 78 del 2000 della Commissione Europea, quella che tutela i diritti di uguaglianza per i lavoratori con disabilità.

Prima di entrare nel dettaglio vediamo cosa dice sul punto la normativa:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

«…per accomodamento ragionevole si intendono le modifiche e gli adattamenti necessari ed appropriati che non impongono un onere sproporzionato o eccessivo adottati, ove ve ne sia necessità, in casi particolari, per garantire alle persone con disabilità il godimento e l’esercizio, su base di uguaglianza con gli altri, di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali…».

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: le norme

Nel 2015 questa direttiva è stata integrata nella legge numero 68 del 1999 con il decreto legislativo numero 151. L’accomodamento ragionevole ha il compito di colmare l’assenza di azioni dedicate all’integrazione lavorativa delle persone con disabilità.

Vediamo di cosa si tratta. (Lavoro e invalidità: orario ridotto per lavoratore disabile)

Questa misura è stata adottata anche dall’Articolo 2, comma 4 della Convenzione Onu del 13 dicembre del 2006.

Quindi sui posti di lavoro le postazioni delle persone con disabilità dovrebbe essere rese funzionali all’operatore, anche introducendo delle nuove tecnologie.

L’accomodamento ragionevole prevede:

Lavoro e invalidità, incentivi per chi assume un disabile

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: i fondi

L’adeguamento delle postazioni per consentire una situazione di uguaglianza per il lavoratore disabile viene sostenuto economicamente da un Fondo che eroga contributi:

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: Disability Manager

Per effettuare con cognizione di causa questo adeguamento delle postazioni i datori di lavoro farebbero bene a istituire una figura professionale che sia il responsabile per l’inserimento delle persone con disabilità.

Questa figura già esiste da anni, è il Disabilty Manager o il Diversity Manager. Potrebbe facilitare l’inserimento lavorativo della persona con disabilità nel contesto ambientale, anche organizzando dei corsi di formazione per il personale dipendente e affiancare il dipendente con menomazioni, in questioni che riguardano la sicurezza e la prevenzione.

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: discriminazioni

In un ambiente lavorativo adattato alle sue esigenze fondamentali, il lavoratori con disabilità potrebbe sfruttare per intero il suo potenziale, con soddisfazione reciproca, sia per il dipendente, sia per il datore di lavoro.

Troppo spesso invece constatiamo che i lavoratori con disabilità vengono inseriti nel contesto lavorativo senza i necessari accorgimenti e abbandonati a loro stessi e a mansioni che spesso non potrebbe svolgere. Sollecitando in questo modo anche la non infrequente discriminazione da parte di altri colleghi di lavoro.

Le leggi ci sono, anche i fondi necessari e spesso pure gli strumenti tecnologici che potrebbero consentire una vera, funzionale ed efficiente inclusione.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Anche perché, ed è bene ricordarlo, se per una causa qualsiasi un lavoratore subisce una riduzione significativa della sua capacità di lavoro e non è possibile (per le dimensioni e le caratteristiche dell’azienda dove lavora) ricollocarlo ad altre mansioni compatibili alle sue condizioni di salute, il datore di lavoro non può procedere al licenziamento del dipendente. Avrà invece il dovere di cercare e in qualsiasi modo degli “accomodamenti ragionevoli” per consentire al lavoratore di non perdere il posto.

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: la Consulta

Del resto sul punto si è pronunciata in modo esplicito anche la Consulta richiamando la Costituzione:

«Tale obbligo datoriale di repechage, anche in mansioni inferiori, del dipendente inidoneo alla mansione è stato poi generalizzato dall’articolo 42 del decreto legislativo numero 81 del 2008, ma già vigeva nel diritto vivente sulla scorta del principio stabilito dalla più volte richiamata sentenza numero 7755 del 1998 delle Sezioni unite di questa Corte».

«Evidentemente – si legge ancora nella sentenza – l’impossibilità di ricollocare il disabile, adibendolo a diverse mansioni comunque compatibili con il suo stato di salute, non esaurisce gli obblighi del datore di lavoro che intenda licenziarlo, perché, laddove ricorrano i presupposti di applicabilità dell’articolo 3, comma 3 bis, del decreto legislativo numero 216 del 2003, dovrà comunque ricercare possibili “accomodamenti ragionevoli” che consentano il mantenimento del posto di lavoro, in una ottica di ottimizzazione delle tutele giustificata dall’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà sociale (articolo 2 della Costituzione), tanto più pregnanti in caso di sostegno a chi versa in condizioni di svantaggio».

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: licenziamenti

E infatti il licenziamento di un lavoratore in conseguenza di una sopraggiunta disabilità, deciso in assenza di una qualsiasi forma di accomodamento ragionevole, è discriminatorio e illegittimo (sentenza emessa dal tribunale di Firenze, la numero 150 del 20 marzo 2020).

Per il datore di lavoro ci può essere una sola giustificazione: l’organizzazione interna dell’impresa e la necessità di mantenere in equilibrio i conti finanziari, il tutto combinato con il diritto per gli altri lavoratori di non perdere le mansioni assegnate.

È chiaro dunque che spetta al datore di lavoro provare l’esistenza di una difficoltà del genere oltre all’inesistenza di mansioni lavorative adeguate al residuo di capacità lavorativa del suo dipendente con disabilità.

Lavoro e invalidità, accomodamento ragionevole: depressione

Oltretutto è importante ricordare che ci sono anche delle disabilità meno evidenti che potrebbero richiedere degli accomodamenti ragionevoli. Come nel caso della depressione, che è ovviamente una patologia invalidante con conseguente riduzione della capacità lavorativa. In questo caso l’accomodamento ragionevole potrebbe essere quello di trasferire il dipendente a una mansione meno stressante.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1