Tamponi, indagini concluse. Lazio: deferimento in arrivo

Concluse le indagini relative al caso tamponi che ha coinvolto la Lazio, la Procura Federale ha notificato al club biancoceleste la conclusione delle indagini scattate a inizio novembre, relative al rispetto del protocollo anti Covid.

3' di lettura

Dopo aver raccolto i documenti necessari e aver ascoltato i testimoni, il numero uno della Procura Federale, Giuseppe Chinè, ritiene di avere in mano tutti gli elementi necessari per procedere: alla Lazio è stata infatti notificata la conclusione delle indagini. Il club del patron Lotito ha 15 giorni per contestare le accuse producendo una memoria difensiva, facendosi ascoltare ed eventualmente cercando un patteggiamento.

Al termine di questo periodo, in mancanza di un accordo, scatterà il provvedimento che – secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport – dovrebbe essere un deferimento, che porterebbe la Lazio di fronte al tribunale federale, o all’archiviazione.

Il caos tamponi: i fatti

Le possibili violazioni del protocollo federale riguardano principalmente la mancata comunicazione della positività alla Asl di Ciro Immobile dopo il tampone positivo della Synlab (il laboratorio scelto dalla UEFA) del 26 ottobre (prima della gara di Champions con il Bruges) e del 2 novembre (prima della sfida con lo Zenit), data in cui era “debolmente positivo” anche per il test del laboratorio di Avellino. La seconda è legata al mancato rispetto dell’isolamento di 10 giorni previsto in queste circostanze: Immobile era presente all’ allenamento con il gruppo a cui è seguita la partenza con un volo per Torino il 31 ottobre (5 giorni dopo la positività), la gara contro i granata e le sedute di allenamento a Formello.

C’è poi il capitolo Avellino, con le indagini coordinate dal Procuratore aggiunto Vincenzo D’Onofrio per fare chiarezza sulle difformità nei risultati dei tamponi Lazio e non solo. Ad esempio, andava chiarito chi dovesse avvisare la Asl: la Lazio ha sempre sostenuto che spettasse a Futura Diagnostica, mentre il laboratorio, facendo parte di un’altra regione, ha replicato che toccasse al club avvisare la Asl di appartenenza.

Cosa rischia la Lazio

Lotito ha ancora alcuni giorni per far valere le proprie ragioni o puntare sul patteggiamento. Altrimenti tutto si chiarirà durante il procedimento. Le norme approvate a giugno per far fronte all’emergenza Covid prevedono sanzioni dall’ammenda all’ esclusione dal campionato, passando dalla penalizzazione e la retrocessione, ovviamente in base alla gravità delle violazioni.

Intanto la Procura di Avellino sta portando avanti l’indagine penale sul laboratorio Diagnostica Futura che processava i tamponi della Lazio. Massimiliano Taccone, presidente del Cda della Futura Diagnostica, è l’unico indagato per falso, frode in pubbliche forniture ed epidemia colposa. Lotito e Pulcini sono stati ascoltati come persone informate sui fatti. 

Prime multe per la Lazio

Intanto oggi è uscito un primo comunicato della Figc relativo al campionato passato. Niente deferimento per il club biancoceleste per il primo procedimento estivo relativo ad alcuni ritardi nell’esecuzione dei tamponi – ogni sei giorni e non ogni quattro come previsto dalle normative – risalenti alla passata stagione (maggio e giugno).
Accordata dal Procuratore Federale Chiné un’ammenda di 1.875,00 euro per Lotito, di € 937,50 per il responsabile sanitario Ivo Pulcini e altrettanti per il dottor Rodia; 2.500,00 per la società Lazio.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie