Marta: creo penne in legno, mi hanno salvato la vita

4' di lettura

Si può lavorare nell’area marketing di una grande azienda e, nello stesso tempo, coltivare una passione? Marta Olezza, ventisettenne di Rapallo, ha una settimana scandita tra lavoro, conquistato grazie ad una solida formazione, ed il week end in cui si dedica al tornio per creare penne in legno e radica. Ha una pagina Instagram (Arborea_Vita) che cura personalmente ed una community con la quale si confronta di continuo, per correggere il tracciato del suo percorso creativo.

“Mi piace avere una utenza cosi attiva nei miei confronti ed utile per la mia passione. Le penne vanno in giro e mi ritornano le storie. Soprattutto, d’amore, inteso come quel legame speciale che unisce due persone, anche se non sono una coppia”.

le penne di Arborea Vita

Senza social è impossibile essere conosciuti

Oggi, lavora solo su commissione, insieme si scelgono i colori, il modello, la finitura, le accoppiate di materiale. Ed ha una doppia linea: penne e mini penne.

leggi anche La pop art di Emiliano Stella da Avellino alla conquista di Berlino

Ricorda bene il primo giorno in cui ha messo per la prima volta le mani sul tornio. Appassionata di scrittura, mollata la facoltà di Filosofia, a Torino aveva seguito un corso per diventare sceneggiatrice di fumetti. Delusa nelle sue aspettative, torna in Liguria, a casa.

“Anni prima – racconta – mio padre, per consolarmi del dispiacere causato da un infortunio a cavallo, mi regalò una Waterman ed un diario: fu una liberazione”.

Per superare il periodo di difficoltà, il 10 settembre del 2016 la sua passione inizia a prendere forma. Da allora, anche grazie alla sua pagina Instagram, curata di persona, non ha più smesso. Soddisfatta del suo percorso e della sfida con se stessa superata, riconosce a questo social una grande importanza per lo sviluppo della sua passione. Unito al passaparola, le hanno permesso di farsi conoscere e di ottenere interessanti proposte di collaborazione.

Leggi anche Davide Barco, illustratore NBA: qui grazie a mille porte in faccia

“Senza i social è impossibile essere conosciuti. Ora lo sono sul territorio. C’è stato il passaparola nel Tigullio, che è la mia sottoregione ligure. Senza Instagram non sarei andata da nessuna parte. Facebook lo considero ormai deceduto. Ho 900 follower per me sono un ottimo risultato per una pagina verticale, perché posto solo penne, legno, resine e tornitura”.

le penne di Arborea Vita

Conosco per nome tutti i miei clienti

Che rapporto hai i tuoi clienti?

“Conosco per nome chi mi contatta, alcuni vengono nel mio laboratorio, che è una stanza di casa mia. E tornano. Un po’ per la qualità che cerco sempre di mantenere al massimo delle mie possibilità e un po’ perché con le persone che mi contattano riesco sempre a capire e a farmi capire”.

Che sviluppo ritieni potrà avere la tua attività?

“Vedremo. Ho anche moltissime richieste di collaborazioni. Di co quasi sempre no. Quasi perché proprio in questo periodo ho una proposta importante, che potrebbe partire, ma non so ancora quando. Vediamo cosa uscirà fuori”.

Cosa ti dà questo lavoro?

“Tante soddisfazioni e mi emoziona anche tutto questo. Ho iniziato con l’artigianato per curarmi, per stare meglio, e continua ad essere cosi, questo lavoro continua a essere la mia terapia. Mi piace cosi, è quello che volevo creare. Sono contenta ci sono riuscita e senza neanche sapere come. Ho avuto una fortuna, trovare persone che la pensano come me. Con loro è stato facile parlare e capirsi”.

le penne di Arborea Vita

Facebook? E’ solo lo specchio di instagram

Ora produci anche minipenne?

“Sì, mi ero stufata di fare sempre le stesse cose, così ho cambiato alcuni materiali, mi sono un po’ reinventata. Questo Natale ho creato le minipenne: servono per ampliare il mio pubblico. Ho cercato qualcosa che fosse bello, di qualità ma che al tempo stesso fosse più economico”.

E ora?

“Adesso è il momento di crescere, ho gettato basi molto solide. Mi affiderò per farmi conoscere anche alla mia pagina instagram, è l’unico canale social che ho deciso di portare avanti. Tutti gli altri li ho eliminati. La pagina facebook ritengo sia solo lo specchio di instagram che è la giusta via per me”.

Leggi anche Da Catania a New York per diventare star di Broadway

Quando le chiediamo perché una giovane donna, nell’era digitale e della comunicazione touch, abbia deciso di sedersi al tornio per creare penne in legno, spiega senza esitazione: “La penna resta un simbolo silenzioso di liberazione senza scadenza. Sono in legno, materiale nobile, solido, antico che mi riporta alla pazienza, ed alla forza degli alberi: anche piegati dalle intemperie, resistono, si flettono, si adattano ma non si spezzano”.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie