Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Le spese condominiali che si possono detrarre

Le spese condominiali che si possono detrarre

Le spese condominiali che si possono detrarre nella dichiarazioni dei redditi: vediamo quali?

di The Wam

Giugno 2023

Le spese condominiali che si possono detrarre nella dichiarazioni dei redditi: vediamo quali? (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Le spese condominiali detraibili sono tutte quelle che riguardano le parti comuni dello stabile, è importante che il versamento sia stato effettuato con un pagamento tracciabile (il cosiddetto bonifico per detrazione fiscale, dove deve risultare il codice fiscale del condominio e la causale di versamento) e che sia avvenuto entro il termine previsto per la dichiarazione dei redditi.

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

Tra le spese detraibili ci sono quelle per la spesa ordinaria, come la manutenzione di citofoni, impianti di illuminazione o dell’ascensore, la pulizia delle scale e altre per le quali si può recuperare una parte dell’importo versato. E vedremo quali.

Prima di entrare nei dettagli vediamo anche, in linea di massima, quali sono le parti comuni di un condominio:

Su questo argomento potrebbe interessarti se puoi perdere la casa in conseguenze a spese condominiali non pagate; c’è un post che spiega per i lavori in condominio quali sono gli obblighi e gli orari; e infine abbiamo verificato come si assegnano i parcheggi condominiali.

Le spese condominiali che si possono detrarre: quali sono

Ma quali sono le spese detraibili. Come accennato riguardano gli interventi ordinari e straordinari che sono stati effettuati nelle parti comuni dello stabile. Gli importi più importanti possono riguardare:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Le spese condominiali che si possono detrarre: quanto spetta

Le quote delle spese condominiali che possono essere portate in detrazione nel modello 730 del 2023 vengono calcolate quasi sempre dall’amministratore di condominio. Il riferimento è alle quote millesimali dei proprietari degli immobili.

Queste spese possono essere detratte da chi le ha sostenute, e quindi i proprietari, ma anche da coloro che vantano diritti reali sull’immobile, quindi: locatari, usufruttuari e comodatari.

È importante ricordare che queste spese non possono essere portate in detrazione se il condominio ha sfruttato la cessione del credito o lo sconto in fattura.

L’amministratore avrà l’obbligo di comunicare via telematica all’Agenzia delle Entrate:

I singoli condomini, per poter fruire della detrazione dovranno ovviamente versare le quote. In cambio sarà consegnata la dichiarazione scritta dell’amministratore che indica la somma che è stata pagata.

La documentazione dovrà poi essere conservata dall’amministratore per almeno 10 anni.

Le spese condominiali che si possono detrarre: dove inserirle

Le spese condominiali detraibili dovranno essere inserite nel “Quadro E – Oneri e spese” del modello 730. E in particolare nella sezione III A del Quadro E.

Il contribuente potrà anche indicare:

Le spese condominiali che si possono detrarre: in quanti anni

È possibile beneficiare della detrazione delle spese condominiali per dieci anni. Come accennato possono essere inclusi nell’agevolazione fiscale i costi effettivamente sostenuti dall’amministratore di condominio, a pagamento concluso entro l’anno o nei termini che sono previsti per la dichiarazione dei redditi.

Le spese condominiali che si possono detrarre: partita Iva

E per i professionisti con partita Iva quali sono le spese condominiali che si possono detrarre?

Se il professionista ha lo studio all’interno della sua abitazione può detrarre il 50% di bollette, affitto e spese condominiali. Ma solo se è nel regime ordinario. Le partite Iva con il regime forfettario non possono detrarre niente. IL motivo? sono giù in un regime fiscale agevolato.

Le spese condominiali che si possono detrarre
Nella foto un uomo firma un contratto

Faq (domande e risposte)

Quali sono le spese condominiali detraibili?

Le spese condominiali detraibili sono tutte quelle che riguardano le parti comuni dello stabile. Queste includono spese per la manutenzione di citofoni, impianti di illuminazione o dell’ascensore, la pulizia delle scale, e altre per le quali si può recuperare una parte dell’importo versato. Spese più importanti possono riguardare la modifica o la ristrutturazione della facciata di uno stabile, interventi di riqualificazione energetica, lavori di impermeabilizzazione delle zone esposte, il rifacimento e messa in sicurezza di scale e ascensori, interventi di ristrutturazione edilizia, lavori disposti per migliorare la tenuta antisismica, interventi di bonifica dall’amianto, tra gli altri.

Quali sono le parti comuni di un condominio?

Le parti comuni di un condominio includono il suolo dove è stato costruito lo stabile, le fondazioni, le mura portanti, i tetti e le terrazze (lastrico solare), il portone d’ingresso, i cortili, l’atrio, tutte le zone dell’edificio che sono indispensabili all’uso comune, l’eventuale portineria e l’alloggio del portiere, l’ascensore, i pozzi, le cisterne, le fognature.

Come vengono calcolate le quote delle spese condominiali detraibili?

Le quote delle spese condominiali che possono essere portate in detrazione vengono calcolate quasi sempre dall’amministratore di condominio, in base alle quote millesimali dei proprietari degli immobili. Queste spese possono essere detratte da chi le ha sostenute, inclusi i proprietari, i locatari, gli usufruttuari e i comodatari.

Quali documenti l’amministratore di condominio deve comunicare all’Agenzia delle Entrate?

L’amministratore ha l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate la scheda dei lavori effettuati e le quote che spettano a ogni condomino. Inoltre, dovrà conservare la documentazione per almeno 10 anni.

Dove vanno inserite le spese condominiali detraibili nella dichiarazione dei redditi?

Le spese condominiali detraibili devono essere inserite nel “Quadro E – Oneri e spese” del modello 730, e in particolare nella sezione III A del Quadro E.

In quanti anni si può beneficiare della detrazione delle spese condominiali?

È possibile beneficiare della detrazione delle spese condominiali per dieci anni, includendo i costi effettivamente sostenuti dall’amministratore di condominio a pagamento concluso entro l’anno o nei termini previsti per la dichiarazione dei redditi.

I professionisti con partita Iva possono detrarre le spese condominiali?

Se il professionista ha lo studio all’interno della sua abitazione, può detrarre il 50% di bollette, affitto e spese condominiali, ma solo se è nel regime ordinario. Chi è nel regime forfettario non può detrarre queste spese, poiché gode già di un regime fiscale agevolato.

Quali sono le condizioni per la detrazione delle spese condominiali?

È importante che il versamento delle spese sia stato effettuato con un pagamento tracciabile, come il bonifico per detrazione fiscale, dove deve risultare il codice fiscale del condominio e la causale di versamento, e che sia avvenuto entro il termine previsto per la dichiarazione dei redditi.

Chi può detrarre le spese condominiali?

Queste spese possono essere detratte da chi le ha sostenute, quindi i proprietari dell’immobile, ma anche da coloro che vantano diritti reali sull’immobile, come locatari, usufruttuari e comodatari.

Esistono eccezioni alla detrazione delle spese condominiali?

Sì, queste spese non possono essere portate in detrazione se il condominio ha sfruttato la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp