Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Legge 104, come si accerta la disabilità

Legge 104, come si accerta la disabilità

Scopri come si accerta la disabilità per la Legge 104: a chi viene riconosciuta e la procedura da seguire per richiedere l’accertamento.

di Romina Cardia

Aprile 2024

In questo post spieghiamo come si accerta la disabilità per la Legge 104 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Come si accerta la disabilità per la Legge 104

La disabilità si configura come una condizione di svantaggio, derivante dalla presenza di invalidità o limitazioni fisiche, e dall’ambiente sociale circostante in cui un individuo si trova immerso.

Quando la disabilità è grave, si rende necessario un sostegno assistenziale costante e globale, che coinvolge sia l’individuo che il suo contesto relazionale.

Ma come si accerta la disabilità per la Legge 104?

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Le persone possono richiedere una certificazione di disabilità così come una di invalidità civile, cecità o sordità. Questo vale anche per coloro che presentano invalidità di diversa natura, come quelle derivate da conflitti bellici, servizio militare o esperienze lavorative.

La valutazione della disabilità è affidata a una Commissione medica dell’ASL e dell’INPS.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questa Commissione è presieduta da un medico specializzato in medicina legale, affiancato da due colleghi, di cui uno preferibilmente esperto in medicina del lavoro, tutti scelti tra i professionisti dipendenti o affiliati all’ASL competente sul territorio.

Tale Commissione, oltre ad accertare l’invalidità civile, si avvale della consulenza di un operatore sociale e di un esperto nel campo specifico oggetto di valutazione.

Ad ogni sessione, la Commissione si avvale della partecipazione di un rappresentante sanitario, designato rispettivamente dall’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili (ANMIC), dall’Unione Italiana Ciechi (UIC), dall’Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza ai Sordomuti (ENS) e dall’Associazione Nazionale delle Famiglie dei Fanciulli e Adulti Subnormali (ANFFAS), nel caso di valutazioni riguardanti individui appartenenti a tali categorie.

Dall’inizio del 2010, la Commissione ha visto l’integrazione di un medico dall’INPS come membro effettivo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Differenza tra disabilità e invalidità

Per comprendere meglio come si accerta la disabilità per la Legge 104 è importante evidenziare che la valutazione della disabilità è un processo separato dal riconoscimento di invalidità, anche se entrambe le valutazioni possono essere richieste contemporaneamente.

La certificazione dello stato di disabilità mette in luce gli impatti sociali che una persona può incontrare nella sua vita quotidiana a causa delle sue limitazioni.

D’altra parte, l’invalidità si riferisce alla difficoltà nell’esecuzione di alcune attività quotidiane a causa di limitazioni fisiche, mentali, cognitive, visive o uditive.

Il certificato di invalidità civile si concentra esclusivamente su una valutazione medico-legale.

È possibile ottenere la Legge 104 senza invalidità civile? Quali sono le agevolazioni a cui si ha diritto con entrambi o con uno solo dei riconoscimenti? Cerchiamo di fare chiarezza.

Come richiedere l’accertamento della disabilità

Per ottenere il riconoscimento della disabilità, è necessario seguire una procedura precisa, che prevede diverse tappe da rispettare scrupolosamente. Di seguito ti spieghiamo i passaggi da compiere.

Certificato del medico curante

La prima cosa da fare è rivolgersi al proprio medico curante, anche chiamato medico certificatore, per ottenere il certificato introduttivo.

Questo certificato, compilato utilizzando modelli predisposti dall’INPS, attesta la natura delle patologie invalidanti, riporta i dati anagrafici e le infermità del soggetto, inclusi i codici nosologici internazionali (ICD-9).

È importante che il medico indichi le patologie stabilizzate o ingravescenti elencate nel Decreto Ministeriale del 2 agosto 2007 e segnali eventuali patologie oncologiche attive.

Una volta compilato, il certificato va trasmesso telematicamente dopo che il medico certificatore ha richiesto e ottenuto un PIN di identificazione.

Il medico consegna un codice univoco all’interessato e stampa e firma il certificato introduttivo, che il cittadino deve portare con sé durante la visita.

La ricevuta fornita indica il numero del certificato, da inserire nella domanda per l’accertamento della disabilità.

Il certificato ha validità di 90 giorni: se non si presenta la domanda entro questo periodo, sarà necessario richiedere un nuovo certificato al medico.

Presentazione della domanda all’INPS

La domanda di accertamento può essere inviata solo tramite via telematica, sia autonomamente dal cittadino, accedendo al portale INPS con le proprie credenziali (SPID, CIE, CNS), sia tramite enti autorizzati come associazioni di categoria, patronati sindacali, CAAF e altre organizzazioni.

Il PIN può essere richiesto sul sito dell’INPS nella sezione dei Servizi Online o tramite il Contact Center INPS.

Durante la presentazione della domanda, si associa il certificato medico al documento in corso di presentazione.

Nella domanda vanno inseriti i dati anagrafici, il tipo di riconoscimento richiesto (handicap, invalidità, disabilità), le informazioni sulla residenza e, se necessario, lo stato di ricovero.

È possibile indicare una casella di posta elettronica certificata per ricevere comunicazioni ufficiali sul procedimento.

Tutte le fasi del procedimento possono essere monitorate online sul sito dell’INPS utilizzando il PIN.

Ricordiamo che è possibile richiedere contemporaneamente l’accertamento di handicap e invalidità senza presentare due domande separate.

Domanda Legge 104 veloce: il servizio messo a disposizione dall’INPS permette di velocizzare i tempi per l’accertamento della disabilità. Scopri come fare.

Convocazione a visita per accertamento della disabilità

Dopo che avrai inviato la domanda per l’accertamento dell’invalidità, il sistema computerizzato genera una ricevuta che contiene il protocollo univoco della tua domanda.

Dopo questo, il sistema ti mostra un elenco di date disponibili per il tuo appuntamento presso la Commissione dell’Azienda USL.

Hai la libertà di scegliere una data dall’elenco proposto oppure indicarne una diversa, selezionandola tra le opzioni aggiuntive fornite dal sistema. Sono state stabilite delle scadenze indicative:

Se non è immediatamente possibile fissare un appuntamento entro il limite temporale massimo a causa della mancanza di disponibilità nelle date, il sistema può proporre date successive al termine previsto o registrare la tua richiesta per fissare l’appuntamento in un secondo momento.

Quando viene stabilita la data per la tua visita, riceverai un invito tramite il sistema informatico (che sarà anche visibile sul sito web) e attraverso una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, inviata all’indirizzo fornito o alla tua email, se comunicata.

Nell’invito saranno indicati i dettagli della tua prenotazione (data, orario, luogo della visita), le istruzioni su quali documenti portare con te (documento d’identità valido, certificato medico originale firmato, documentazione sanitaria, ecc.) e cosa fare nel caso non possa presentarti alla visita di accertamento della disabilità, con le relative conseguenze.

Ti verrà anche ricordato che:

Invalidità civile online per associazioni di categoria: ecco come, le associazioni di categoria, possono fare domanda e allegare i documenti del cittadino invalido.

Visita domiciliare per accertamento della disabilità: chi può richiederla e come

Se una persona non può essere trasportata senza rischi per la sua salute, è possibile richiedere una visita a domicilio.

Questa procedura è gestita tramite computer e richiede l’intervento di un medico autorizzato che rilascia un certificato preliminare.

Il certificato medico per la visita domiciliare per Legge 104 deve essere inviato almeno 5 giorni prima della data prevista per la visita in ambulatorio.

Spetta al Presidente della Commissione dell’Azienda USL valutare se accettare o meno la richiesta e decidere sulla visita a domicilio.

Se la richiesta viene accettata, al cittadino verrà comunicata la data e l’ora della visita a domicilio.

Se invece la richiesta viene respinta, verrà proposta una nuova data per la visita in ambulatorio.

Queste comunicazioni avvengono tramite modalità già specificate: visualizzazione online, email o lettera raccomandata.

Scopri come calcolare il grado di disabilità per conoscere la percentuale definitiva che può essere attribuita e ottenere i relativi benefici previsti per legge.

Come si accerta la disabilità per la legge 104
Come si accerta la disabilità per la legge 104. Nella foto: un medico compila un certificato per un suo paziente.

Dove si svolge la visita per la Legge 104

La visita per l’accertamento della disabilità avviene presso l’organismo competente dell’ASL, che ha integrato un medico dell’INPS a partire dal 1 gennaio 2010, conformemente all’articolo 20 della Legge 102/2009.

Durante la consultazione, la Commissione accede alla documentazione elettronica contenente la richiesta e il certificato medico.

Al termine della visita, viene compilato un verbale Legge 104 che riporta l’esito, i codici internazionali delle malattie (ICD-9) e, se del caso, le indicazioni sulle patologie escluse da visite di controllo successive, come specificato nel Decreto del 2 agosto 2007.

Scopri nel dettaglio come è fatto il verbale della Legge 104, di che tipo di documento si tratta, quali informazioni riporta e a cosa serve.

Visita a distanza Legge 104

Visita a distanza

L’INPS ha avviato anche una procedura che permette di velocizzare il disbrigo delle pratiche: le commissioni medico legali che redigono i verbali per l’accertamento dell’invalidità e della disabilità (di prima istanza e di revisione), possono valutare le condizioni degli assistiti anche sulla base degli atti (ma la documentazione medica deve essere recente e completa, così da consentire una decisione oggettiva). Senza dunque la presenza dell’assistito. Ecco la guida per allegare e inviare la documentazione sanitaria online.

Cosa succede dopo la visita di accertamento della disabilità

Alla conclusione della visita di valutazione, se il verbale è approvato all’unanimità, viene considerato definitivo dopo essere stato validato dal Responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS.

Nel caso in cui il parere non sia unanime al termine della visita, l’INPS sospende l’invio del verbale e richiede gli atti per un’ulteriore valutazione da parte del Responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS.

Quest’ultimo può confermare il verbale entro 10 giorni o programmare una nuova visita entro 20 giorni successivi.

Nel caso di una nuova visita di valutazione, il team sarà composto da un medico dell’INPS diverso da quello presente nella Commissione ASL, un medico rappresentante delle associazioni di categoria (come ANMIC, ENS, UIC, ANFFAS) e, per la valutazione della disabilità, da un operatore sociale, in conformità alle leggi 104/1992 e 68/1999.

La Commissione medica può richiedere la consulenza di un medico specialista nella patologia oggetto di valutazione. Queste consulenze possono essere fornite da medici specialisti dell’INPS o da medici convenzionati con l’Istituto.

Dopo quanto tempo arriva il verbale Legge 104? Se non arriva, cosa posso fare per iniziare a beneficiare delle agevolazioni? Cerchiamo di fare chiarezza.

Invio del verbale Legge 104

L’INPS invia al cittadino due versioni del verbale definitivo. Una contiene tutti i dati sensibili, mentre l’altra include solo il giudizio finale per gli usi amministrativi.

Se il giudizio finale comporta l’erogazione di provvidenze economiche INPS, il cittadino è invitato a inserire online le informazioni richieste, come reddito personale, eventuali ricoveri a carico dello Stato, frequenza a scuole o centri di riabilitazione e coordinate bancarie.

Tali informazioni vengono memorizzate nella banca dati e completano il profilo della persona per quanto riguarda l’invalidità civile e la disabilità.

Agevolazioni con Legge 104 e invalidità civile: vediamo se le agevolazioni Legge 104 spettano sempre con il riconoscimento dell’invalidità civile e di cosa si può beneficiare.

Cosa fare se non viene riconosciuta la disabilità

Se la Commissione medica non pianifica la visita di accertamento entro tre mesi dalla presentazione della domanda, chi ne ha fatto richiesta può inviare una diffida all’Assessorato regionale competente.

Quest’ultimo ha l’obbligo di organizzare la visita entro 270 giorni dalla data di presentazione della domanda. Se non risponde (silenzio rigetto), è possibile rivolgersi al giudice ordinario.

Per contestare i verbali rilasciati dalle Commissioni mediche (ASL o INPS), è fondamentale presentare un’istanza di accertamento tecnico preventivo entro sei mesi dalla notifica del verbale, al giudice ordinario, con l’assistenza legale. Dal gennaio 2012, non è più consentito avviare il ricorso senza aver prima concluso l’accertamento tecnico preventivo. Durante l’accertamento tecnico preventivo o il successivo ricorso, è possibile ricevere supporto da un patronato sindacale o da associazioni di categoria.

Ricorso invalidità civile: chi può richiederlo e quando? Ecco il modulo da compilare.

Revisione della Legge 104: per chi

I certificati Legge 104 possono includere un termine di validità e quindi richiedere una revisione successiva della disabilità. Solitamente, questa indicazione è inserita nell’ultima sezione dell’attestato.

Secondo quanto stabilito dall’articolo 25 della Legge 114/2014, è l’INPS ad essere responsabile della convocazione del cittadino per una nuova valutazione in tali casi.

Il cittadino deve semplicemente aspettare di essere convocato e presentarsi per la visita nella data indicata dall’INPS, a meno che non abbia valide ragioni che devono essere comunicate tempestivamente, come nel caso dell’aggravamento dell’invalidità.

Durante l’attesa della revisione prevista e della formalizzazione dell’esito della visita, vengono mantenuti tutti i diritti acquisiti riguardanti benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi tipo.

FAQ su come si accerta la disabilità per la Legge 104

Quanto tempo passa tra il verbale provvisorio e quello definitivo della Legge 104?

Se la certificazione di disabilità grave (Legge 104, articolo 3, comma 3) non viene rilasciata entro 45 giorni da quando si è presentata la domanda (15 giorni per le patologie oncologiche), la persona con disabilità può presentare una certificazione provvisoria.

Quando la Legge 104 diventa definitiva?

La Legge 104 diventa definitiva una volta che viene rilasciato il verbale definitivo dalla commissione.

Cosa fare se il verbale della Legge 104 è in ritardo?

Se dopo 45 giorni dalla richiesta di verbale di Legge 104 con gravità la Commissione non si è ancora espressa, può essere presentata al datore di lavoro una certificazione provvisoria.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1