Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Previdenza e Invalidità / Legge 104 articolo 3 comma 3 per portatore di handicap

Legge 104 articolo 3 comma 3 per portatore di handicap

Legge 104 articolo 3 comma 3: ecco quali sono le agevolazioni e i diritti che spettano al portatore di handicap grave e ai suoi familiari.

di Carmine Roca

Maggio 2022

Legge 104 articolo 3 comma 3: come si ottiene il riconoscimento e quali diritti e agevolazioni spettano? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Legge 104 articolo 3 comma 3: riconoscimento

La Legge 104 articolo 3 comma 3 si riconduce alla definizione di portatore di handicap grave. Accade quando una persona è colpita da una minorazione singola o plurima che riduce l’autonomia personale, correlata all’età, tanto da rendere necessaria un’assistenza permanente, continuativa e globale nella sfera individuale o in quella di relazione.

Il riconoscimento dell’handicap grave avviene in seguito a una visita medica tenuta dalla commissione medica dell’ASL di riferimento, integrata da un medico dell’INPS.

La procedura per il riconoscimento della Legge 104 articolo 3 comma 3 è simile a quella per l’invalidità civile. Si parte dal rilascio di un certificato medico introduttivo da parte del medico curante, che trasmetterà il documento all’INPS in forma telematica.

Il richiedente invierà domanda all’istituto per il riconoscimento dell’handicap e a sua volta questi verrà convocato presso la sede dell’ASL territorialmente competente per sottoporsi alla visita di controllo, al termine della quale verrà rilasciato un verbale con la dicitura “disabile ai sensi dell’articolo 3 comma 3 Legge 104/1992”.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Legge 104 articolo 3 comma 3: diritti lavorativi

Alla Legge 104 articolo 3 comma 3 sono legati diversi diritti e agevolazioni, sia per il portatore di handicap grave, sia per il familiare che lo assiste.

Parliamo dei permessi lavorativi retribuiti, per esempio, pari a 2 ore libere al giorno o in alternativa 3 giorni di fila o frazionati, al mese. Il diritto spetta a un unico familiare, che deve prestare assistenza al portatore di handicap.

I permessi lavorativi possono essere fruiti dai genitori, dal coniuge (o parte dell’unione civile), dal convivente o da parenti o affini entro il 2° grado. Se genitori, coniuge, conviventi e parenti fino al 2° grado hanno compiuto 65 anni, sono affetti da patologie invalidanti o sono deceduti o mancanti, il diritto è esteso fino ai parenti o affini entro il 3° grado di parentela.

Un altro diritto importante ai fini della Legge 104 articolo 3 comma 3 è il congedo straordinario, che spetta solo ai lavoratori dipendenti che prestano assistenza a un familiare con handicap grave. La durata del congedo è di 2 anni nell’arco della vita lavorativa.

Anche in questo caso il diritto spetta a un solo lavoratore dipendente a famiglia, seguendo questo ordine di priorità:

I lavoratori dipendenti hanno anche diritto alla scelta della sede di lavoro più vicina al domicilio del familiare da assistere e non possono essere trasferiti in un’altra sede, senza il loro consenso, salvo i casi in cui è incompatibile la permanenza del lavoratore in sede (se si generano tensioni o contrasti sul luogo di lavoro).

Legge 104 articolo 3 comma 3: agevolazioni fiscali

Non solo agevolazioni lavorative: i portatori di handicap grave e i familiari che li assistono hanno diritto ad agevolazioni fiscali, come quelle per i figli a carico.

In caso di figlio portatore di handicap, il genitore avrà diritto a una detrazione fiscale maggiorata di 400 euro. Quindi i valori delle detrazioni salgono da 1.220 a 1.620 euro per i figli di età inferiore a 3 anni e da 950 a 1.350 euro per i figli di età pari o superiore a 3 anni.

Per i portatori di handicap grave e i familiari che li hanno fiscalmente a carico spettano agevolazioni per l’acquisto di un’automobile. Ci riferiamo all’IVA agevolata al 4% per l’acquisto di autovetture nuove o usate entro precisi limiti di cilindrata e alla detrazione del 19% del costo sostenuto su una spesa massima di 18.075,99 euro per l’acquisto e le spese di riparazione di un’autovettura.

Inoltre spettano anche l’esenzione totale e permanente del pagamento del bollo e del pagamento dell’imposta di trascrizione per i passaggi di proprietà dei veicoli adibiti al trasporto o alla guida di disabili.

Legge 104 articolo 3 comma 3: agevolazioni sanitarie

Un’altra agevolazione importante è quella relativa alle spese mediche e all’acquisto di messi d’ausilio che prevedono una detrazione IRPEF del 19% del costo sostenuto oltre la franchigia di 129,11 euro.

La detrazione si applica integralmente:

Possono essere detratti anche i costi per l’assistenza personale di disabili non autosufficienti: si detrae il 19% sugli importi non superiori a 2.100 euro e a condizione che il reddito del beneficiario non superi i 40.000 euro l’anno.

Legge 104 articolo 3 comma 3: altre agevolazioni

Inoltre sono previste queste altre agevolazioni:

Legge 104 articolo 3 comma 3
Legge 104 articolo 3 comma 3: agevolazioni e diritti.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp