Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Invalidità Civile / Legge 104 e porto d’armi

Legge 104 e porto d’armi

Scopri quali sono le condizioni di salute che permettono di ottenere la Legge 104 e porto d’armi e quali invece ne escludono la possibilità.

di Romina Cardia

Dicembre 2023

In questo approfondimento parliamo di Legge 104 e porto d’armi (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Quando è possibile la Legge 104 e porto darmi

La Legge 104 e porto d’armi è possibile quando sono presenti determinate condizioni di salute.

In Italia, la legge non vieta alle persone disabili di ottenere il porto d’armi. Tuttavia, anche se si è beneficiari della Legge 104, il rilascio del porto d’armi dipende dai requisiti psicofisici necessari.

Ci sono diversi tipi di porto d’armi, come quello per difesa personale, per uso di caccia e per uso sportivo. Ogni categoria ha i propri requisiti sanitari che devono essere soddisfatti. In caso contrario, il rilascio del porto d’armi potrebbe essere negato.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Andiamo a questo punto a vedere i requisiti sanitari per ogni tipologia di porto d’armi.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Requisiti per la Legge 104 e porto d’armi per difesa personale

Se stai cercando di ottenere la licenza per portare un’arma a scopo difensivo, quelli di seguito sono i requisiti che devi possedere:

La licenza per il porto d’armi per difesa personale richiede anche una valida motivazione che giustifichi il rilascio. Questa licenza consente di portare l’arma anche al di fuori della propria abitazione, ha una durata annuale e viene rilasciata dalla Prefettura competente per territorio.

Chi è affetto da una disabilità mentale può richiedere delle agevolazioni? Scopri quali sono le malattie psichiche che danno diritto alla Legge 104.

Requisiti psicofisici per Legge 104 e porto d’armi per uso caccia

Anche se desideri ottenere il permesso di portare un fucile per la caccia, anche considerando la Legge 104, devi soddisfare alcuni requisiti psicofisici, ovvero:

Se soddisfi questi requisiti, otterrai una licenza che ti consente di portare il fucile solo durante la stagione di caccia, e questa autorizzazione avrà una durata di 5 anni.

Vediamo cosa prevede la Legge 104 in breve: una guida semplice e veloce che spiega struttura e obbiettivi della legge quadro sulla disabilità.

Requisiti psicofisici per Legge 104 e porto d’armi per uso sportivo

Anche in questo caso i requisiti sono:

Il porto d’armi per uso sportivo è rilasciato dal Questore ed è valido per 5 anni. Puoi richiederlo se hai compiuto la maggiore età e hai dichiarato di essere obiettore di coscienza. In quest’ultimo caso, la domanda è ammessa solo se presenti un’istanza.

Per il tiro a segno, è necessaria l’iscrizione presso una Sezione di Tiro a Segno Nazionale o un’associazione di tiro affiliata al CONI. La domanda deve essere presentata in modo corretto e completo per ottenere l’autorizzazione.

Quando scadono le agevolazioni Legge 104? Ne parliamo in questo approfondimento.

Legge 104 e porto d’armi: la tabella con il riassunto dei requisiti

Nella tabella sotto, riassumiamo quali sono i requisiti psicofisici necessari per ottenere la Legge 104 e porto d’armi:

Tipologia del Porto d’ArmiRequisiti Psicofisici
Difesa PersonaleVisus naturale di almeno 1/10 per ciascun occhio e di 10/10 complessivi in caso di correzione.
Senso cromatico sufficiente con percezione dei colori fondamentali.
Soglia uditiva non superiore a 20 decibel nell’orecchio migliore o percezione della voce di conversazione a non meno di otto metri di distanza.
Adeguata capacità funzionale degli arti superiori e della colonna vertebrale.
Assenza di alterazioni neurologiche.
Assenza di disturbi mentali, di personalità o comportamentali.
Uso CacciaAcutezza visiva di almeno 8/10 per l’occhio migliore (ammesso l’uso di occhiali o lenti a contatto).
Senso cromatico che garantisce la percezione dei colori fondamentali.
Soglia uditiva non superiore a 30 decibel nell’orecchio migliore o percezione della voce di conversazione a non meno di sei metri di distanza.
Adeguata capacità funzionale degli arti superiori e della colonna vertebrale.
Assenza di alterazioni neurologiche.
Assenza di disturbi mentali, di personalità o comportamentali.
Uso SportivoAcutezza visiva di almeno 8/10 per l’occhio migliore (ammesso l’uso di occhiali o lenti a contatto).
Senso cromatico che garantisce la percezione dei colori fondamentali.
Soglia uditiva non superiore a 30 decibel nell’orecchio migliore o percezione della voce di conversazione a non meno di sei metri di distanza.
Adeguata capacità funzionale degli arti superiori e della colonna vertebrale.
Assenza di alterazioni neurologiche.
Assenza di disturbi mentali, di personalità o comportamentali.
Legge 104 e porto d’armi: tabella riassuntiva con tutti i requisiti psicofisici richiesti in base alla tipologia di porto d’armi

Ecco chi riconosce la Legge 104, cosa valuta, come si svolge la visita, cosa può riportare il verbale che viene rilasciato e a quali agevolazioni si ha diritto in caso di riconoscimento dell’handicap.

Legge 104 e porto d'armi
Legge 104 e porto d’armi. Nella foto: un uomo a caccia con il suo cane.

Chi rilascia il certificato di idoneità psico-fisica Legge 104 e porto d’armi

Ottenere l’autorizzazione al porto d’armi richiede alcuni passaggi importanti. Prima di tutto, dovrai prenotare una visita al CUP per gli accertamenti necessari.

Assicurati di portare con te un certificato anamnestico redatto dal tuo medico di base e un certificato rilasciato dal medico di fiducia, datato non più di tre mesi prima.

Durante la visita, il medico potrebbe richiedere ulteriori accertamenti specialistici presso strutture sanitarie pubbliche, se lo ritiene necessario.

Se alla fine il medico determina che non sei idoneo al porto d’armi, la competenza passa alla Commissione Medica Locale dell’ASL. Sarà tua responsabilità prenotare la visita successiva.

L’ASL ti invierà un avviso con la data, l’ora e l’indirizzo della visita, oltre a tutti i documenti necessari.

Invalidità civile, cosa e come giudica la commissione, quali sono i criteri e i metodi per la valutazione. Conoscerli significa affrontare con maggiore consapevolezza la visita medica per il riconoscimento dell’invalidità o dell’handicap.

Documentazione da presentare

I documenti da presentare per il rilascio del porto d’armi sono i seguenti:

Nel caso di porto d’armi per uso sportivo, l’iscrizione presso un tiro a segno e il rilascio del diploma di idoneità al maneggio delle armi può arrivare a costare all’incirca sui 200 euro.

Inoltre, in alcuni casi specifici bisogna presentare:

FAQ (domande e risposte)

Non voglio rinnovare il Porto d’armi, devo riconsegnare il libretto scaduto?

No, non pare esservi formalizzazione di quest’obbligo nel caso non decidi di rinnovare il porto d’armi. Ti ricordiamo però che, se intendi continuare a detenere le armi, devi produrre in Questura alla scadenza del porto d’armi e poi ogni 5 anni, il certificato medico di idoneità alla detenzione delle armi, come prescritto dall’art. 38, co. 4, TULPS (Testo Unico delle Leggi sulla Sicurezza). In occasione della presentazione del certificato medico di idoneità alla detenzione delle armi, potrebbe accadere che la Questura ti chieda di riconsegnare il titolo scaduto in originale.

Chi, detenendo armi senza porto d’armi, è esonerato dall’obbligo di produrre il certificato medico di idoneità alla detenzione delle armi?

L’art. 38, commi 4, 5 e 6, TULPS, a seguito delle modifiche apportate al suo testo dal D.lgs. n. 104/2018, in vigore dal 14 settembre 2018, prevede che coloro che detengono armi senza essere anche titolari di Porto d’armi, devono produrre ogni cinque anni un certificato medico da cui risulti la loro idoneità alla detenzione delle armi. Tale obbligo non è previsto nei seguenti casi:

Il porto d’armi è un documento d’identità?

Dal punto di vista normativo, il Porto d’Armi è un documento di riconoscimento equipollente alla carta d’identità (art. 35 DPR n. 445/2000).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp