Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Legge 104 e ricoveri ospedalieri: come funziona

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: come funziona

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: come funziona e se si ha diritto ai permessi anche in caso di ricovero a tempo pieno.

di The Wam

Agosto 2022

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: vediamo come funziona con permessi legge 104 se il familiare con disabilità grave è ospite in una struttura sanitaria pubblica o privata accreditata. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Ricoveri ovviamente a tempo pieno. Sul punto sia la Legge 104, sia numerosi contratti di lavoro (anche pubblici), hanno disposizioni molto restrittive: in questi casi, infatti, l’orientamento è quello di non concedere i permessi retribuiti al lavoratore caregiver.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Alcuni contratti fanno una piccola eccezione, ma solo se la persona da assistere è un minore. Ci sono però anche altre eccezioni che potrebbero comunque garantire la fruizione dei permessi retribuiti se il familiare con disabilità è ricoverato a tempo pieno in una struttura sanitaria.

Vediamo insieme.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Ti potrebbe interessare anche sapere come funziona la Legge 104 senza referente unico, c’è anche questa guida ai permessi e allo smart working per chi assiste un familiare con disabilità grave. E invece funziona così con la cassa integrazione.

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: la normativa

Partiamo dalla base, ovvero dall’articolo 33 comma 3 della legge 104, che è proprio quello che regola i permessi retribuiti.

Così scrivono i legislatori:

«A condizione che la persona handicappata non sia ricoverata a tempo pieno, il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravita‘, coniuge, parente o affine entro il secondo grado, ovvero entro il terzo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravita’ abbiano compiuto i sessantacinque anni di eta’ oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti, ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa».

In questa prima stesura della Legge 104 non è previsto nessuno spiraglio, nessuna apertura possibile per il lavoratore dipendente di continuare a usufruire dei permessi retribuiti Legge 104 quando il familiare da assistere è ricoverato in una struttura sanitaria.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: la modifica

Qualche anno dopo, con il decreto legislativo numero 151 del 26 marzo 2001, quella disposizione diventa un po’ più elastica.

E infatti si legge:

«Per ogni minore con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, numero 104, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, hanno diritto, entro il compimento del dodicesimo anno di vita del bambino, al prolungamento del congedo parentale, fruibile in misura continuativa o frazionata, per un periodo massimo, comprensivo dei periodi di cui all’articolo 32, non superiore a tre anni, a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati, salvo che, in tal caso, sia richiesta dai sanitari la presenza del genitore».

L’apertura è proprio nell’ultima frase (salvo che sia richiesta dai sanitari la presenza del genitore). Bisogna anche ricordare però che quell’assistenza richiesta dai medici della struttura ospedaliera deve essere documentata.

Ribadiamo che per il ricovero a tempo pieno si intende quello che assicura al paziente una assistenza sanitaria continua 24 ore su 24.

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: le eccezioni

Le ipotesi che fanno eccezione sono queste:

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: la Cassazione

Sulla scorta di queste rimodulazioni delle Legge 104, rispetto alla fruizione dei permessi durante un ricovero ospedaliero del familiare con disabilità a cui prestare assistenza, ci sono state poi delle sentenze della Cassazione (come la numero 21416 del 14 agosto 2019) che hanno contribuito a definire il quadro.

Ovvero: l’intervento dei familiari nell’assistenza di una persona con disabilità grave non è indispensabile se la struttura sanitaria che lo ospita può farsi carico integralmente, sul piano terapeutico e assistenziale, delle esigenze del paziente.

Quando questo si verifica, il lavoratore dipendente non ha diritto ai 3 giorni di permesso retribuito.

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: prestazioni sanitarie

Se al contrario, una struttura ospedaliera (così come una clinica o una casa di cura), non è in grado di assicurare le adeguate prestazioni sanitarie (che possono essere invece garantite solo all’esterno della stessa struttura), ebbene in quel caso viene meno il concetto di ricovero a tempo pieno.

E quindi anche la garanzia dell’assistenza globale e continuativa, per cui il lavoratore dipendente che assiste il familiare con disabilità grave può utilizzare i permessi retribuiti, anche se il parente è ricoverato in una struttura sanitaria.

C’è da dire che questa situazione è più probabile quando il ricovero è in una struttura residenziale di tipo sociale o in una casa di riposo, almeno laddove non è presente una coste copertura dell’assistenza sanitaria.

Bisogna anche precisare che il riferimento alla parola ricovero, nella sentenza della Cassazione, è riferito solo a quello che si verifica in una struttura sanitaria.

Legge 104 e ricoveri ospedalieri: conclusione

Il quadro è dunque molto articolato. In questi casi è sempre necessario per il fruitore dei permessi Legge 104 muoversi con estrema cautela per evitare di commettere errori e incorrere in sanzioni che possono anche avere delle conseguenze gravi.

E dunque, nei casi “al limite”, dove si ritiene che il ricovero del familiare con disabilità grave in una struttura ospedaliera non presupponga una assistenza globale e continua, è preferibile farsi attestare dai medici l’esigenza della presenza accanto al paziente del caregiver familiare e in questo modo poter continuare a beneficiare dei permessi legge 104.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp