Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Legge 104 imposta ipotecaria e catastale

Legge 104 imposta ipotecaria e catastale

Scopri cosa sapere a riguardo di Legge 104 e imposta ipotecaria e catastale: sono previste delle agevolazioni per le persone disabili?

di Cassandra Testa

Gennaio 2024

Legge 104 e imposta ipotecaria e catastale: vediamo nel dettaglio se ci sono agevolazioni per queste imposte per persone affette da disabilità. (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ci sono agevolazioni sull’imposta ipotecaria e catastale per la Legge 104?

Chi possiede i requisiti della Legge 104 in Italia ha diritto a richiedere anche le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa.

Queste agevolazioni includono una riduzione dell’imposta di registro, delle imposte ipotecarie e catastali, e dell’IVA. Tali benefici sono cumulabili, permettendo così di fruire di riduzioni fiscali significative.

Nel caso di acquisto da un privato, l’imposta di registro si riduce al 2% del valore dell’immobile anziché il 9% (tasso per la seconda casa), e le imposte ipotecarie e catastali sono fissate a 50 euro ciascuna.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Se l’acquisto avviene da una impresa costruttrice, l’IVA è ridotta al 4% grazie all’aliquota agevolata, e le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono di 200 euro ciascuna.

Inoltre, indipendentemente dalle agevolazioni della Legge 104 e quelle per la prima casa, i giovani sotto i 35 anni possono usufruire di ulteriori agevolazioni fiscali, le quali sono cumulabili con gli altri sgravi previsti dalla normativi.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come si può comprare casa con la Legge 104?

Per una persona con disabilità che soddisfa i criteri della Legge 104, il processo per l’acquisto di una casa segue le stesse procedure standard di quelle previste per un normale cittadino.

Dopo aver scelto l’immobile da destinare a propria prima abitazione, è necessario rivolgersi a un notaio per redigere l’atto di compravendita.

Se la persona con disabilità non è in grado di recarsi presso lo studio del notaio, è possibile che l’atto venga firmato presso la sua attuale residenza. In alternativa, se anche questo non fosse fattibile, la persona può designare un rappresentante tramite una procura notarile speciale per agire in sua vece nell’acquisto.

Per procedere con la formalizzazione dell’acquisto, è essenziale fornire al notaio alcuni documenti chiave per il completamento del processo. Questi includono i permessi edilizi relativi alla costruzione dell’immobile, l’attestato di prestazione energetica che indica la classe energetica dell’abitazione, e l’atto di precedente acquisto dell’immobile da parte dell’attuale proprietario.

Questi documenti sono generalmente già in possesso del venditore e devono essere presentati prima della firma dell’atto, per consentire al notaio di effettuare i controlli necessari.

Come funziona la richiesta di mutuo con la Legge 104?

Le persone che beneficiano delle agevolazioni previste dalla Legge 104 possono accedere a mutui agevolati per l’acquisto di una prima casa di classe energetica A, B o C. Il finanziamento concesso può raggiungere i 250.000 euro, con la possibilità di aumentare l’importo fino a 350.000 euro se, oltre all’acquisto, si decide di effettuare lavori di ristrutturazione per migliorare la classe energetica dell’immobile.

La durata di questi mutui agevolati può essere di 20 o 30 anni, in linea con i termini generalmente offerti per l’acquisto di immobili nelle classi energetiche specificate.

Per richiedere il mutuo con le agevolazioni della Legge 104, è necessario rivolgersi a una delle banche convenzionate. La documentazione richiesta include un modulo specifico per la richiesta di mutuo ipotecario presso banche che operano con fondi della Cassa Depositi e Prestiti SpA. A questo modulo vanno allegati lo stato di famiglia e un certificato che attesti la disabilità di un membro della famiglia avente diritto alle agevolazioni della Legge 104.

Inoltre, la Legge di Bilancio prevede la possibilità per i titolari di un mutuo prima casa di richiedere una sospensione del pagamento delle rate. Questa opzione è estesa anche a coloro che hanno una invalidità riconosciuta tra l’80% e il 100%.

Per beneficiare di questa sospensione, è necessario compilare un modulo Consap e presentarlo alla banca con cui si è stipulato il mutuo. La sospensione può durare fino a un massimo di 18 mesi, dopo i quali si riprende il pagamento delle rate secondo le condizioni stabilite all’interno dell’accordo di mutuo.

La sospensione nel rimborso delle rate del mutuo non prevede l’aggiunta di commissioni, costi di gestione, né richiede l’implementazione di ulteriori garanzie.

Legge 104 e imposta ipotecaria e catastale
Legge 104 e imposta ipotecaria e catastale – L’immagine mostra un soggiorno di una casa.

FAQ su Legge 104 e imposta ipotecaria e catastale

Quali tasse non si pagano con la Legge 104?

Con la Legge 104, le uniche esenzioni di pagamento attualmente possibili sono l’esenzione dal pagamento del bollo auto e l’esonero dal pagamento delle tasse universitarie.

Chi ha la 104 deve pagare la successione?

Quando si eredita o si riceve una donazione, è necessario pagare l’imposta di successione, il cui importo varia a seconda del grado di parentela con il defunto. Tuttavia, se il beneficiario è una persona con handicap grave riconosciuto ai sensi della Legge 104, articolo 3, comma 3, la legge italiana prevede una facilitazione fiscale: l’imposta di successione si applica solo sulla parte dell’eredità che supera un milione e mezzo di euro.

Cosa è esente da successione?

Se l’eredità è destinata al coniuge o ai parenti diretti del defunto e il valore totale dell’eredità non supera i 100.000 euro, senza includere proprietà immobiliari o diritti reali sugli immobili, allora non è richiesta la presentazione della dichiarazione di successione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp