Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro » Previdenza e Invalidità / Legge 104 in smart working, permessi validi: le regole

Legge 104 in smart working, permessi validi: le regole

Legge 104 in smart working: è possibile godere dei permessi lavorativi? Vediamo insieme cosa dice l'ispettorato del lavoro e come calcolare le ore di permessi.

di Carmine Roca

Luglio 2022

Legge 104 in smart working: come funziona con i permessi lavorativi? Quali sono le regole da rispettare? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Il sito Invalidità e diritti ha condiviso diversi articoli sulla Legge 104, come questo sui permessi lavorativi per chi assiste un lavoratore disabile. Interessante anche questo approfondimento su come funzionano i permessi nei giorni festivi. Se vuoi sapere come chiedere la 104 per se stessi, clicca su questo link. Infine, scopri come comunicare all’azienda il diritto alla 104.

INDICE:

Legge 104 in smart working: cos’è lo smart working?

Iniziamo subito col dire che è possibile godere della Legge 104 in smart working. L’ispettorato nazionale del lavoro si è favorevolmente espresso sulla compatibilità tra i permessi della 104 frazionati in ore e il lavoro agile svolto in smart working.

Prima di entrare nel dettaglio, è necessario chiarire cos’è lo smart working. Parliamo di quella modalità di svolgimento dell’attività lavorativa che può essere resa:

Così come vale per il lavoro ordinario, anche le ore di lavoro in smart working portano all’erogazione di uno stipendio e alla maturazione di ferie, permessi, mensilità aggiuntive, anzianità di servizio e del TFR.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Inoltre il lavoratore in smart working ha diritto al riposo giornaliero e al riposo settimanale.

Scopri la pagina dedicata ai benefici connessi alla Legge 104.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Legge 104 in smart working: la nota dell’INL

L’INL, con una nota pubblicata il 26 aprile dello scorso anno, ha spiegato che il lavoratore in smart working può fruire anche dei permessi lavorativi per la 104.

Seppure l’impiego in smart working sia basato su una maggiore flessibilità dell’orario di lavoro, semmai il lavoratore dipendente dovesse avere problemi a far conciliare lavoro e assistenza oppure lavoro e bisogni o esigenze di vita (nel caso fosse anche lui portatore di handicap), questi potrà ricorrere ai permessi lavorativi frazionati in ore.

L’ispettorato afferma nella nota che, il lavoratore dipendente interessato, può godere dei permessi frazionati in ore, secondo “le proprie valutazioni, che le proprie esigenze personali per le quali si fruisce del permesso non siano compatibili con la propria organizzazione in modalità agile”.

In caso contrario, se l’esigenza personale o l’assistenza a un familiare disabile può essere soddisfatta organizzando gli impegni lavorativi, si potrà anche evitare di ricorrere all’utilizzo dei permessi.

Legge 104 in smart working
Legge 104 in smart working.

Legge 104 in smart working: permessi in ore

Abbiamo visto che al lavoratore in smart working spettano i permessi lavorativi della 104, nel caso in cui debba assistere il coniuge o un familiare con handicap grave o sia egli stesso una persona disabile.

In questo caso i permessi lavorativi, generalmente concessi fino a un massimo di 3 giorni al mese, saranno frazionati in ore.

Ma qual è la formula che permette di calcolare il numero di ore di permesso? Semplice, con questo algoritmo:

Esiste un tetto massimo di ore di permesso, in base al numero di ore lavorate a settimana.

Con un orario di 40 ore settimanali in 5 giorni di lavoro, si potrà godere di massimo 24 ore di permessi al mese.

Con 36 ore di lavoro a settimana, distribuite su 6 giorni, si ha diritto a un massimo di 18 ore al mese, mentre con 32 ore di lavoro a settimana, distribuite su 4 giorni, si potrà godere di massimo 24 ore di permesso al mese.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp