Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Legge 104 senza gravità: quali agevolazioni sono previste

Legge 104 senza gravità: quali agevolazioni sono previste

Scopri a chi viene riconosciuta la Legge 104 senza gravità e a quali agevolazioni dà diritto.

di Romina Cardia

Aprile 2024

Parliamo di Legge 104 senza gravità (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

A chi viene riconosciuta la Legge 104 senza gravità

La Legge 104/1992, infatti, valuta il grado dell’handicap accertando la disabilità media, la disabilità grave e la non autosufficienza.

La Legge 104 senza gravità viene riconosciuta con comma 1 della Legge 104/1992 e offre agevolazioni a coloro a cui è stata accertata una forma di disabilità che causa difficoltà nell’apprendimento, nelle relazioni o nell’inserimento lavorativo, ed è causa di svantaggio sociale o emarginazione.

Mentre il comma 3 riguarda chi ha una disabilità che richiede assistenza costante e totale nell’autonomia personale o nelle relazioni.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

In modo più semplice, nel comma 1 rientrano le persone con disabilità media, mentre nel comma 3 rientrano le persone con disabilità grave o non autosufficienti.

Ecco di seguito una tabella che riassume i gradi di handicap:

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

CategorieHandicap medioHandicap graveNon autosufficienza
Invalidi civili di età compresa tra 18 e 65 anniInvalidi 67>99% (D.lgs. 509/88)Inabili totali (L. 118/71, artt. 2 e 12)Cittadini di età compresa tra 18 e 65 anni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b)
Invalidi civili minori di etàMinori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (L. 118/71, art. 2 – diritto all’indennità di frequenza)Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30Minori di età con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1)
Invalidi civili ultrasessantacinquenniUltrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, invalidi 67>99% (D. Lgs. 124/98, art. 5, comma 7)Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, inabili 100% (D.Lgs. 124/98, art. 5, comma 7)Cittadini ultrasessantacinquenni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b)
Ciechi civiliArt 4 L.138/2001Ciechi civili parziali (L. 382/70 – L. 508/88 – L. 138/2001)Ciechi civili assoluti (L. 382/70 – L. 508/88 – L. 138/2001)
Sordi civiliInvalidi Civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica (DM 27/8/1999, n. 332)Sordi pre-linguali, di cui all’art. 50 L. 342/2000 
INPSInvalidi (L. 222/84, artt. 1 e 6 – D.lgs. 503/92, art. 1, comma 8)Inabili (L. 222/84, artt. 2, 6 e 8)Inabili con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa (L. 222/84, art. 5)
INAILInvalidi sul lavoro 50>79% (DPR 1124/65, art. 66) Invalidi sul lavoro 35>59 % (D.lgs. 38/2000, art.13 – DM 12/7/2000L. 296/2006, art 1, comma 782)Invalidi sul lavoro 80>100% (DPR 1124/65, art. 66) Invalidi sul lavoro >59% (D.lgs. 38/2000, art. 13 – DM 12/7/2000 – L. 296/2006, art 1, comma 782)Invalidi sul lavoro con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa (DPR 1124/65 – art. 66) Invalidi sul lavoro con menomazioni dell’integrità psicofisica di cui alla L.296/2006, art 1, comma 782, punto 4
INPS gestione ex INPDAPInabili alle mansioni (L. 379/55, DPR 73/92 e DPR 171/2011)Inabili (L. 274/1991, art. 13 – L. 335/95, art. 2) 
Trattamenti di privilegio ordinari e di guerraInvalidi con minorazioni globalmente ascritte alla terza ed alla seconda categoria Tab. A DPR 834/81 (71>80%)Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla prima categoria Tab. A DPR 834/81 (81>100%)Invalidi con diritto all’assegno di superinvalidità (Tabella E allegata al DPR 834/81)
Legge 104 senza gravità: tabella con le categorie di invalidi e le attribuzioni di handicap lieve, grave e non autosufficienza.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Cosa non spetta a chi ha la Legge 104 senza gravità

È ovvio che chi ha ottenuto il riconoscimento della Legge 104 senza gravità gode di agevolazioni meno importanti rispetto a chi ha una disabilità grave (ricordiamo che i benefici spettano anche ai familiari che li hanno fiscalmente a carico o che li assistono).

Nel comma 3 della legge sono inclusi diversi vantaggi per i lavoratori, tra cui:

Concentriamoci però sulle agevolazioni riservate ai lavoratori con disabilità o a coloro che assistono familiari con disabilità, purché non si trovino in una situazione di gravità.

Questi benefici sono estesi, lo precisiamo ancora una volta, a tutte le persone a cui è stata riconosciuta la Legge 104 senza gravità.

Legge 104, la differenza tra comma 1 e 3 dell’articolo 3: cosa cambia per la persona con disabilità tra un comma e l’altro della Legge 104.

Agevolazioni lavorative con Legge 104 senza gravità

Esonero dal lavoro notturno

Come abbiamo detto, se hai una disabilità senza gravità non hai diritto a permessi o congedi speciali al lavoro. Tuttavia, se hai un familiare con disabilità a tuo carico, puoi rifiutare di lavorare durante la notte tra mezzanotte e le 5 del mattino.

Lavoro notturno per i caregiver, come funziona, quali sono le norme e i diritti del dipendente.

Agevolazioni auto con Legge 104 senza gravità

Chi ha la Legge 104 senza gravità, può ottenere agevolazioni per l’acquisto di un’automobile.

Questo vale anche per coloro con il riconoscimento del comma 3, ma a condizione che la persona con disabilità rientri in alcune categorie, come sordi, non vedenti, disabili con handicap psichico, titolari dell’indennità di accompagnamento, disabili con limitate capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni, e disabili con capacità motorie ridotte.

I familiari della persona con disabilità possono anch’essi beneficiare di queste agevolazioni, ma solo se l’auto viene utilizzata principalmente per le esigenze dell’assistito.

Le misure previste includono:

Agevolazioni auto Legge 104, tutti i documenti necessari da consegnare al rivenditore per ottenere lo sconto. Come avere diritto all’IVA al 4% per l’acquisto di veicoli, quali sono gli eventuali adattamenti necessari, la certificazione sanitaria e le recenti semplificazioni disposte dall’Agenzia delle Entrate.

Legge 104 senza gravità
Legge 104 senza gravità. Nella foto: un medico donna e una sua paziente.

Detrazioni spese mediche

La Legge 104 senza gravità prevede la possibilità di dedurre alcune spese sanitarie dal proprio reddito. Queste spese includono:

Inoltre, per le prestazioni mediche specialistiche, è possibile ottenere una detrazione IRPEF del 19% su tutte le spese che superano 129,11 euro.

Detrazioni per disabili: scopri come funziona per l’IRPEF al 19% e quali documenti presentare per godere dell’agevolazione fiscale

Altre detrazioni

La detrazione dell’IRPEF al 19% è completa per i seguenti costi:

Scopri in modo più approfondito come richiedere ausili e protesi per persone disabili in base alla normativa.

Altre agevolazioni e sconti con la Legge 104 senza gravità

La Legge 104 senza gravità offre altre agevolazioni, tra cui:

FAQ sulla Legge 104

Come richiedere la Legge 104?

Per richiedere i benefici previsti dalla Legge 104, è necessario seguire alcuni passi semplici ma importanti. Innanzitutto, è fondamentale ottenere il riconoscimento dell’invalidità o della disabilità grave, presentando la documentazione necessaria alle competenti commissioni mediche.

Cosa si deve fare dopo aver ottenuto la Legge 104?

Dopo aver ottenuto il certificato medico attestante l’invalidità, è fondamentale inviare all’INPS le informazioni relative alla situazione economica e ai redditi personali. L’ente previdenziale esaminerà queste informazioni al fine di determinare se approvare o respingere le richieste di benefici e/o agevolazioni. È possibile presentare la richiesta attraverso la modalità online o attraverso l’assistenza fornita da CAF ed enti patronati.

Anche un bambino con diabete può richiedere la Legge 104?

Certamente! Anche un bambino con diabete può richiedere l’applicazione della Legge 104. Questa legge, infatti, tutela le persone con disabilità, comprese quelle affette da condizioni mediche come il diabete, al fine di assicurare loro i diritti e le agevolazioni necessarie per vivere una vita serena e per affrontare gli ostacoli che possono incontrare nel percorso scolastico.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1