Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Legge 104 Trenitalia: agevolazioni?

Legge 104 Trenitalia: agevolazioni?

Legge 104 e Trenitalia: quali sono le agevolazioni? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Gennaio 2024

In questo articolo parleremo di Legge 104 e Trenitalia e vedremo quali sono le agevolazioni per i disabili (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Legge 104 e Trenitalia: quali sono le agevolazioni?

Trenitalia, il principale operatore ferroviario in Italia, mostra il suo impegno verso l’inclusività e il supporto alle persone con disabilità attraverso l’offerta della Carta Blu. Questa tessera speciale, completamente gratuita, è progettata per facilitare i viaggi in treno per i passeggeri con disabilità, garantendo loro e ai loro accompagnatori numerosi vantaggi e agevolazioni.

Nello specifico, la Carta Blu consente di usufruire della gratuità del viaggio, in territorio nazionale, per
l’accompagnatore del disabile titolare della carta.

Come funziona la Carta Blu di Trenitalia?

La Carta Blu di Trenitalia rappresenta un esempio significativo dell’impegno dell’azienda Trenitalia nel garantire che i viaggi in treno siano accessibili, confortevoli e sicuri per tutti i viaggiatori, in particolare per coloro che hanno esigenze speciali a causa della disabilità. Vediamo meglio come ottenerla.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Legge-104-e-Trenitalia-sito
In foto, la pagina dedicata alla Carta Blu sul sito di Trenitalia.

Chi può ottenere della Carta Blu?

La Carta Blu di Trenitalia è rivolta a una vasta gamma di beneficiari, per fare in modo che le persone con diverse forme di disabilità possano viaggiare con maggior comfort e sicurezza. Tra i beneficiari ci sono:

  1. Persone con disabilità residenti in italia: Sono inclusi coloro che ricevono l’indennità di accompagnamento secondo l’articolo 1 della Legge n° 18/80 e le sue modifiche successive, inclusi i ciechi assoluti.
  2. Beneficiari dell’indennità di comunicazione: Coloro che ricevono questo supporto secondo la Legge n° 381 del 26 maggio 1970.
  3. Invalidi INAIL non autosufficienti: Coloro che ricevono l’assegno per assistenza personale e continuativa (APC) a condizione che abbiano un’invalidità al 100% o altre menomazioni specifiche.

Come richiedere la Carta Blu

Il processo per ottenere la Carta Blu è pensato per essere il più semplice e accessibile possibile. I passaggi chiave includono:

  1. Presentazione della documentazione: I richiedenti devono presentare documenti che attestino la loro condizione, come certificati medici o sentenze del Tribunale in caso di indennità di accompagnamento riconosciuta dall’INPS.
  2. Luoghi di richiesta: La Carta può essere richiesta presso uffici assistenza o biglietterie, a seconda della disponibilità, e non nelle Sale Blu.

Quando scade la Carta Blu?

La Carta Blu non solo è gratuita ma ha anche una validità massima di cinque anni, con specifiche condizioni per il rinnovo basate sulla natura permanente o revisionabile dell’invalidità del titolare.

In caso l’invalidità sia stata dichiarata revisionabile, la Carta può essere rinnovata in attesa di visita di revisione. Per invalidità permanenti, invece, il rinnovo è più diretto e richiede la presentazione dei documenti solo se la richiesta di rinnovo supera i 12 mesi dalla scadenza della Carta.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Altre agevolazioni Trenitalia per i disabili

Trenitalia si assicura che i viaggiatori con disabilità ricevano l’assistenza necessaria durante il loro viaggio anche attraverso altri strumenti. Questi includono:

  1. Biglietti scontati per disabili: gli invalidi di guerra e per servizio hanno diritto ad uno sconto sui biglietti dei treni.
  2. Servizi di assistenza: Offerti da RFI (Rete Ferroviaria Italiana) per “persone con disabilità” o “persone a mobilità ridotta” (PMR), con diverse modalità di richiesta, inclusi e-mail applicazioni online, e numeri di telefono dedicati.
  3. Carrozze attrezzate nei treni: Treni a media e lunga percorrenza come Frecciarossa, Frecciargento e altri, dispongono di carrozze speciali attrezzate per il trasporto di passeggeri su sedia a rotelle, con specifiche caratteristiche e servizi adatti alle loro necessità.

Biglietti scontati per disabili

Trenitalia offre specifiche agevolazioni per gli invalidi di guerra e per servizio che rendono i viaggi in treno non solo più accessibili ma anche economicamente vantaggiosi. Ad esempio, grazie alla Concessione Speciale VIII, è possibile beneficiare di significative riduzioni sulla tariffa ordinaria dei biglietti.

Sono idonei a utilizzare i biglietti scontati per i disabili gli invalidi di guerra e per servizio (cittadini italiani residenti in Italia) in possesso di libretto di viaggio modello I (n. 36), modello I bis (n. 37) o modello I ter (n. 38).

Nello specifico, questi sono gli sconti possibili per i disabili che viaggiano con Trenitalia:

Caratteristiche delle carrozze attrezzate per disabili

Trenitalia si impegna a garantire che i viaggiatori su sedia a rotelle possano viaggiare con comfort e sicurezza. A tal fine, i treni di media e lunga percorrenza, come i Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e gli Intercity, sono equipaggiati con carrozze speciali progettate per accogliere i passeggeri con mobilità ridotta.

Queste carrozze, facilmente riconoscibili grazie al simbolo internazionale per persone con disabilità, sono dotate di posti specificamente progettati per il trasporto di due passeggeri su sedia a rotelle, oltre a spazio adeguato per i loro accompagnatori. Ogni posto a bordo è studiato per massimizzare il comfort e l’accessibilità:

Norme per l’accesso e le specifiche delle sedie a rotelle

Per garantire la sicurezza e l’accessibilità, Trenitalia stabilisce alcune norme specifiche per i viaggiatori su sedia a rotelle:

FAQ: Domande frequenti sulla Legge 104

Cosa si deve fare dopo aver ottenuto la Legge 104?

Dopo aver ottenuto il certificato medico attestante l’invalidità, è fondamentale inviare all’INPS le informazioni relative alla situazione economica e ai redditi personali. L’ente previdenziale esaminerà queste informazioni al fine di determinare se approvare o respingere le richieste di benefici e/o agevolazioni. È possibile presentare la richiesta attraverso la modalità online o attraverso l’assistenza fornita da CAF ed enti patronati.

Da quando decorrono i benefici della Legge 104?

permessi 104 iniziano a decorrere dal primo giorno del mese successivo rispetto a quello in cui è stata presentata la richiesta. Il lavoratore dipendente riceverà una notifica scritta di conferma.

Anche un bambino con diabete può richiedere la Legge 104?

Certamente! Anche un bambino con diabete può richiedere l’applicazione della Legge 104. Questa legge, infatti, tutela le persone con disabilità, comprese quelle affette da condizioni mediche come il diabete, al fine di assicurare loro i diritti e le agevolazioni necessarie per vivere una vita serena e per affrontare gli ostacoli che possono incontrare nel percorso scolastico.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp